HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Fantascienza arrow Pandorum - L'universo parallelo
Mercoledì 28 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Pandorum - L'universo parallelo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 13
ScarsoOttimo 
Scritto da Biagio Giordano   
lunedì 23 agosto 2010

Pandorum - L'universo parallelo
Titolo originale: Pandorum
USA, Germania: 2009. Regia di: Christian Alvart Genere: Fantascienza Durata: 108'
Interpreti: Dennis Quaid, Ben Foster, Cam Gigandet, Cung Le, Antje Traue,  Jeff Burrell, Domenico D'Ambrosio, Jonah Mohmand, Delphine Chuillot, Norman Reedus, Friederike Kempter, Niels-Bruno Schmidt, André Hennicke, Wotan Wilke Möhring, Yangzom Brauen, Eddie Rouse, Alessija Lause, Alexander Yassin
Sito web ufficiale: www.pandorummovie.com
Sito web italiano: www.pandorumilfilm.it
Nelle sale dal: 06/08/2010
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Biagio Giordano
L'aggettivo ideale: Oscuro
Scarica il Pressbook del film
Pandorum - L'universo parallelo su Facebook

Pandorum Due astronauti, il tenente  Payton (Dennis Quaid) e il caporale Bower (Ben Foster) si ridestano, stupiti, da un lungo  iper sonno a bordo di un'astronave che sembra deserta, essi si sentono subito spaesati e perduti,  nell’ambiente in cui si trovano domina un’atmosfera tenebrosa,  l'unico segno, che sembra in qualche modo far presagire la presenza di altro, è un suono  dal  rumore strano, sinistro,  che sembra provenire da una parte non ben identificata  dell'astronave.

I due uomini, del loro passato non ricordano assolutamente nulla, né sanno dove erano prima  né quale possa essere la meta della loro missione.
Guidato per mezzo di una radiotrasmittente dal Tenente Payton, il caporale Bower si avventura all'interno dell'astronave e gradualmente scopre una realtà spaventosa: la presenza di esseri umanoidi decisi più che mai ad ucciderli, mostri affetti dal sintomo psicotico denominato Pandorum, una gravissima malattia psichiatrica che si forma nella fase del prolungamento del iper sonno oltre i limiti temporali ammessi, quest’ultimo è una tecnica di mantenimento delle funzioni vitali dell’organismo al minimo necessario per più di cento anni, essa è indispensabile per raggiungere pianeti simili alla Terra legati per gravitazione ad altre stelle affini al sole; la malattia produce pulsioni omicide immotivate che dopo il delitto lasciano il soggetto criminale indifferente, privo di ogni senso di colpa;  in coloro che ne sono affetti esistono  sintomi plurimi, come paranoie, allucinazioni, fobie che tendono a scaricarsi  violentemente verso ogni sostanza umanoide  che è in qualche modo diversa dalla loro  e un po’ meno comprensibile.

Il caporale Bower proseguendo nell’esplorazione dell’astronave scopre la presenza di altri due astronauti, che risulteranno  imbrigliati nel loro stesso problema: Sono Manh (Cung Le) e Nadia (Antje Traue).  Più avanti incontreranno Leland (Eddie Rouse) che narrerà loro alcuni aspetti della storia precedente al  risveglio.
I due uomini scoprono quindi  di viaggiare   nell’astronave Elysium, lanciata nello spazio nel 2174  per raggiungere il pianeta Tanis, simile alla Terra,  con lo scopo  di assicurare la sopravvivenza della specie umana dopo i disastri  verificatisi nel nostro pianeta dal sovraffollamento degli abitanti.
Il viaggio dovrebbe durare 123 anni ma in realtà si scoprirà poi che la gigantesca astronave è già sul pianeta Tanis da ben 800 anni e giace semiaffondata in un mare oceanico. Nell’astronave sono in stato di iper sonno 60.000 esseri umani, molti di essi impazziranno per il prolungamento dello loro stato dormiente, diventando degli umanoidi omicidi,  solo 1213 rimarranno sani di mente. I quattro astronauti lotteranno per sopravvivere e per sfuggire agli esseri-mostri  intenzionati a distruggerli, riusciranno a sbarcare sul nuovo pianeta iniziando una vita nuova per la specie umana?

Pandorum: L’universo parallelo è un film horror-fantascientifico di  produzione  tedesca-statunitense, uscito nel 2009, firmato dal regista Christian Alvart  che ricordiamo, apprezzandone particolarmente lo stile, in Curiosity & The Cat (1999) film horror, in Antibodies (2005) genere  horror, Case 39 (2008) pellicola thriller.
Alvart con un budget di produzione da 40 milioni di dollari, considerato solitamente non alto per un film di questo genere,  gira una pellicola di sorprendente qualità,  che lascia stupiti per l’assemblaggio di sequenze sceniche così diverse tra di loro per forma e linguaggio visivo, tratte da altri film,  che vengono genialmente fuse dal regista in uno stile unico dagli effetti estetici mirabili, semplicemente inserendole ben ordinate in un super codice visivo retto da una fotografia di ricchissima composizione, finemente dettagliata, con angolazioni di ripresa difficilissime che danno gran vita comunicativa al racconto; una cura fotografica sempre al primo posto nel linguaggio filmico, in uno sfondo caratterizzato da un  ambiente ermetico-claustrofobico, scuro, dalle intonazioni cromatiche tristi ma intense, che configurano i contenuti del film in una luce sempre carente, insufficiente, fin quasi alla fine del film conferendo spettralità e suspense al film.

La sensazione di originalità, alla fine di questo  lavoro filmico, trionfa mettendo a tacere molte critiche, soprattutto quelle a volte un po’ sbrigative e superficiali,  accompagnate da  giudizi  troppo cavillosi, un po’ pretestuosi, strettamente legate a un’idea di cinema  povero d’arte, banale nel suo gioco di intrattenimento, convenzionale nei codici visivi, un’idea che fa dello spettacolo il fondamento della realtà cinematografica:  la cui molla principale di mercato legata al divertimento immediato rimane secondo loro a fondamento dell’industria cinematografica; critiche che si ostinano a non vedere nel cinema capacità diverse,  anche filosofiche e stilisticamente innovative.

Secondo la rivista di fantascienza SFX  Pandorum: L’universo parallelo è il miglior film di fantascienza degli ultimi anni; positiva la valutazione anche sull’importante sito di cinema  IMDB; nel complesso i commenti critici negativi, molto più numerosi di quelli positivi,  sottolineano nel film la mancanza di originalità di diverse scene drammatiche,  chiaramente ricavate da altre pellicole,  come Punto di non ritorno, Alien, The Descent, e  le grosse difficoltà di scorrimento del racconto filmico che costringono  lo spettatore a seguire i complessi intrecci del film con un certo sforzo mentale, che si muove parallelo a quella parte di sé attratta più dal giocoso, evocato dal dispositivo filmico, che  dalla  pensierosità in sè, con il rischio quindi di allontanare lo spettatore  dal divertimento e dalla comprensione più immediata del film.
Le poche critiche positive si soffermano di più sull’immagine in sé, sugli aspetti visionari e volutamente fantasmagorici dell’opera capaci di dare  al film uno spessore metaforico e simbolico straordinario, arricchendolo di innumerevoli interrogativi filosofici e storici, in grado di ampliare i concetti tipici su di sé creati dalla  storia della fantascienza cinematografica, aprendoli a  sviluppi nuovi che meglio riescono a rispecchiarsi  produttivamente nella realtà attuale.

L’uscita in Italia di questo film in prima visione, durante l’ estate, ha lasciato tutti un po’ perplessi, perché Pandorum è si un film d’azione ma nello stesso tempo anche un’opera di impegno, il regista Cristian Alvart fa dell’azione non uno spettacolo a sé costituito da combinazioni di movenze sceniche  che tendono a produrre i tradizionali effetti meraviglia, a tratti stupefacenti, ma un semplice supporto espressivo, un collante di immagini forti che seducono per interazioni veloci delle idee messe in campo e decisionismo psicologico dei personaggi, lungo moti pulsionali che al loro interno implodono in modo enigmatico, impenetrabile, oscuro, e il cui vero senso  inconscio si svela solo alla fine  lasciando sempre, come è tipico dell’immagine, ombre di dubbio sull’effettiva univocità del significato rivelato.

Pandorum tocca quindi corde musicali di pensiero molto complesse, molto più che cercare di dare soddisfazione a forme e bisogni di evasione, il film per la scelta fatta con il suo tipo di  sceneggiatura non può  appagare sensibilità legate al divertimento immediato; il suo è un linguaggio dai colori tetri, bui che si modificano solo nel finale quando inaspettatamente la telecamera si apre alla luce maestosa del  nuovo mondo di Tanis ricco come la Terra di dolci acque.
Pandorum non ha potuto quindi allietare chi era in una vacanza estiva e si aspettava di vedere azioni  spensierate e di grande spettacolo visivo; indubbiamente questo film avrà irretito anche certe aspettative  turistiche, richiamando però gli spettatori a un cinema diverso, situato in un altrove  in parte inconscio che ci riguarda più da vicino perché facente parte del nostro immaginifico profondo dove il piacere lo si ritrova non solo nel sentirsi partecipi visivi di  ben simbolizzate ed efficacemente  intrecciate  azioni, ma nel ritrovare un rapporto più vero con la realtà del nostro futuro più immediato, quello maggiormente prevedibile, già presente nelle ansie e nelle inquietudini dei nostri tempi immergendosi in problemi veri, creando nuovi  codici visivi fantascientifici, credibili, ben congeniati, strettamente legati al possibile –probabile dell’evento oggetto del racconto e non a un fantastico slegato nevroticamente da tutto il reale, affermando un gioco di previsioni intelligenti, capaci di far uscire dalla crisi la fantascienza cinematografica che da lunga data versa in uno stato a dir poco comatoso.

Questo film per idee e forma, fa sperare in una nuova fantascienza, più  vicina alla letteratura e alla saggistica, preziosi serbatoi di idee, e maggiormente influenzata dalla scienza e dalle culture sociali di avanguardia.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere