Mercoledì 28 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Priest PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 49
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
lunedì 06 giugno 2011

Priest
Titolo originale: Priest
U.S.A.: 2010. Regia di: Scott Charles Stewart Genere: Fantascienza Durata: 87'
Interpreti: Paul Bettany, Cam Gigandet, Maggie Q, Karl Urban, Lily Collins, Stephen Moyer, Madchen Amick, Christopher Plummer, Brad Dourif, Bill Oberst Jr, Alan Dale, Julie Mond, Josh Wingate, Franklin Ruehl, Casey Pieretti, Jacob Hopkins, David Bianchi, David Backus, John Griffin, Pramod Kumar
Sito web ufficiale: www.priest-movie.net
Sito web italiano: www.priest3d-ilfilm.it
Nelle sale dal: 15/06/2011
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Dignitoso
Scarica il Pressbook del film
Priest su Facebook

PriestVersione cinematografica del fortunato manhwa del coreano Hyung Woo-min, da cui però si discosta per l’ambientazione futuribile, “Priest” ricicla un numero talmente elevato di spunti, che solo ad enumerarli tutti ci si ritroverebbe per le mani un elenco interminabile.
Per iniziare, il binomio succhiasangue & fantascienza Steampunk discende per filiazione diretta dal neozelandese “Perfect Creature” di Glenn Standring e da “La stirpe” di Michael Oblowitz, il road-movie postatomico dalla trilogia di “Mad Max”, il western (sempre Steampunk) dal fallimentare “Jonah Hex”, le scenografie dal solito “Blade Runner” e via discorrendo.
Tuttavia l’insieme si rivela assai meno fatale di quanto si potrebbe paventare, considerato il poco innovativo intruglio. Ben peggio andò di recente col pretenzioso e ridicolo “Codice Genesi”, degli ex desaparecidos fratelli Hughes, e sebbene il regista Scott Stewart, ex creatore di effetti speciali, difetti della genialità dimostrata dal collega Zack Snyder nella difficile arte del riciclaggio, è comunque in grado di allestire con competenza un dignitoso b-movie, assai più riuscito del precedente “Legion”.

Sotto il suo occhio vigile l’inglese Paul Bettany retrocede da Arcangelo sterminatore a “Ninja di Dio”, tanto per rispolverare una battuta da un vecchio film di Peter Jackson, passando dalle numinose ali di Michele alla veste talare, con tanto di croce tatuata sulla fronte. Fucile a pompa e mazza rotante d’ordinanza vengono sostituiti da una serie di gadget di design, quali gli utilissimi crocefissi/shuriken.
Si direbbe che Scott Stewart sia stato angariato in età prescolare fra l’altare e il tabernacolo, vista la propensione finora dimostrata per un certo immaginario religioso, con contorno di apocalissi e divinità iraconde. O si tratterà invece della sana diffidenza tutta protestante per le presunte nequizie del Vaticano?
Ma tant’è, qui abbiamo nientemeno che una casta di sacerdoti-guerrieri, ibrido tra i Templari e i cavalieri Jedi, grazie ai quali l’umanità è uscita vittoriosa dalla millenaria guerra contro i vampiri. Vampiri che, con buona pace degli obnubilati da Bella ed Edward, sono degli obbrobri zannuti che non conservano alcuna parentela con l’umano, evacuati da bozzoli gelatinosi.

Ufficialmente la guerrà è finita. I vampiri superstiti sono confinati nelle riserve, accuditi da famigli umani che li rimpinzano di sangue di pollo, mentre gli umani vivono arroccati in città fortificate sotto il tallone di ferro della Chiesa.
Non si comprende il motivo ma sulle città, fatiscenti ammassi postindustriali, non splende mai il sole, s’immagina per non guastare l’atmosfera dark. In compenso c’è abbondanza di confessionali e di peccatori che attendono il loro turno, cosa che allieterà le gerarchie cattoliche inquietate dal recente film di Moretti per le sacrileghe allusioni alla palla prigioniera.
Com’è giusto che sia anche in un universo parallelo, persino la casta dei sacerdoti-guerrieri assaggia sulla propria pelle la piaga del precariato, essendo costretta a svolgere lavori sottoqualificati per assicurarsi la sopravvivenza.
Una minoranza di immorali e senza Dio si è invece sottratta all’imperante totalitarismo orwelliano stabilendosi nelle Badlands semidesertiche, dove di sole c’è n’è in abbondanza. Un bel giorno (anzi, notte) le mignatte emo-dipendenti mettono a soqquadro la fattoria del fratello del protagonista, nientemeno che Stephen Moyer - il Bill di “True Blood” - portandosi via la di lui figlioletta.

Lo sceriffo Hicks (l’intollerabile Cam Gigandet, unico punto debole del cast) si reca in città per comunicare al nostro eroe che sua nipote è stata rapita dai vampiri. Bettany, giustamente affranto, implora i suoi superiori di concedergli un permesso per allontanarsi dalla città. Non solo l’autorizzazione gli viene negata dal perfido Monsignor Orelas (Christopher Plummer, in un cameo alimentare), dato che ciò equivarrebbe ad ammettere che l’immonda genia costituisca ancora un pericolo, ma il poveretto viene minacciato di formale scomunica.
Bettany se ne infischia e si mette in viaggio sulla sua moto superaccessoriata, ignaro del fatto che Orelas gli ha messo alle costole quattro sacerdoti perché lo aiutino a ravvedersi a suon di kung-fu.
Ma sullo sfondo si profila una più grande minaccia: un sacerdote, amico di Bettany e da lui dato per morto, trama a spese degli umani e sta organizzando una rivoluzione vampirica (forse motivata dalla forzata dieta avicola), andandosene in giro su un treno piombato come Lenin nel 1917.

Se si è disposti con lungimiranza a soprassedere sugli atroci dialoghi dello sceneggiatore Cory Goodman, si possono apprezzare la mano robusta del regista nel girare le scene d’azione e le buone coreografie (anche se Stewart non ha a disposizione Yuen Woo-ping come i Wachowski), gli ottimi effetti in CGI di Jonathan  Rothbart (tutte le creature sono digitali) e un bravo Paul Bettany, credibile e misurato anche negli improbabili personaggi che gli toccano in sorte.
Senza contare che Maggie Q è sempre un bel vedere anche se, ahinoi, in quanto sacerdotessa è votata alla castità.
Come spesso accade il 3D è inutile e posticcio, funzionale solamente nel bel prologo animato.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere