Mercoledì 20 Gennaio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Snowpiercer PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 64
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
giovedì 14 novembre 2013

Titolo: Snowpiercer
Titolo originale: Snowpiercer
Corea, USA, Francia: 2013. Regia di: Bong Joon-ho Genere: Fantascienza Durata: 125'
Interpreti: Chris Evans, John Hurt, Song Kang-ho, Tilda Swinton, Ed Harris, Ko Ah-sung, Jamie Bell, Octavia Spencer, Ewen Bremner, Alison Pill, Vlad Ivanov
Sito web ufficiale: www.snowpiercer2013.interest.me
Sito web italiano: www.snowpiercer.it
Nelle sale dal: 27/02/2014
Voto: 7,5
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Ferroviario
Scarica il Pressbook del film
Snowpiercer su Facebook

snowpiercer_leggero.pngDopo l’arrivo di una nuova era glaciale che ha condotto all’estinzione la razza umana, i superstiti hanno trovato asilo a bordo dello Snowpiercer, un treno in moto perpetuo che circumnaviga il globo terrestre. Ma il treno è rigidamente diviso in classi, e i passeggeri dei vagoni di coda preparano una rivolta per assumere il controllo della locomotiva.

Tratto dalla graphic-novel francese “Transperceneige” di Jacques Lob, Benjamin Legrand e Jean-Marc Rochette, “Snowpiercer” è la prima produzione in lingua inglese di Bong Joon-ho, che si affaccia sui mercati esteri grazie al notevole sforzo produttivo della CJ Entertainment.
E bisogna ammettere che, rispetto ai deludenti exploit internazionali dei suoi connazionali Kim Jee-woon e Park Chan-wook, Bong ha ottenuto un risultato invidiabile, senza scendere a compromessi o rinunciare alle proprie esigenze artistiche.

Se “The Last Stand” era uno svogliato action-movie girato col pilota automatico e “Stoker” era azzoppato da una sceneggiatura di rara idiozia, “Snowpiercer” fila come un treno (appunto), e il regista riesce nell’ardua impresa di realizzare un blockbuster intelligente (un vero e proprio ossimoro). Lo Snowpiercer è un microcosmo della vecchia società, quella che si è estinta con la glaciazione, e ne ripropone la medesima struttura classista, che tende per sua stessa natura al collasso entropico. I diseredati, quelli che sono stati ammessi a bordo senza biglietto, sono ammassati come animali nei vagoni di coda, nutriti con miserande barrette proteiche d’incerta provenienza.
Il Quarto Stato, segregato in un tenebroso antro, un accumulo di letti a castello, stracci e cianfrusaglie che rammenta un incubo di Dickens, sogna però la rivolta contro le élites, che abitano i vagoni di testa. Guidati da Curtis e dal suo mentore Gilliam (un ottimo John Hurt), gli umiliati e offesi si apprestano a scatenare una ribellione, che gli permetta di assumere il controllo della Sacra Locomotiva. Ma la sceneggiatura di Bong e Kelly Masterson elude le soluzioni troppo semplicistiche (vedi l’affine “Elysium” di Neill Blomkamp), e non dimentica di insinuare che le rivoluzioni possono anche essere orchestrate dall’alto, al fine di mantenere lo status quo.

Inoltre Bong e Masterson tratteggiano perfettamente i personaggi in fase di scrittura, con una verve ironica che surclassa il Terry Gilliam dei tempi migliori. Dal fascistoide Primo Ministro Mason, con tanto di dentiera e querulo accento britannico (una superba Tilda Swinton), all’esperto di sistemi di sicurezza tossicodipendente Namgoong Minsu (un sublime Song Kang-ho), la cui figlia Yona possiede doti di chiaroveggenza, fino al cinico (o realistico?) Wilford di Ed Harris, il multimiliardario che ha ideato il treno, il quale vive asserragliato all’interno della Sacra Locomotiva come un hobbesiano Mago di Oz, tutti possiedono la nitidezza di una corrosiva acquaforte all’acido nitrico.

Se inizialmente la struttura orizzontale, l’attraversamento di un treno alla “Runaway Train” di Konćalovskij, appare claustrofobica e limitativa, Bong sfoggia talmente tante invenzioni di regia, che ad altri basterebbero per dieci film.
Dopo lo scontro iniziale all’arma bianca con i miliziani di Mason, risolto come una sinfonia di colori di stampo impressionista, una sequenza nella quale si contrappongono il biancore abbagliante della neve, il verde marcio dei visori notturni, il baluginare rossastro delle fiamme, ogni vagone riserva una sorpresa. Come lo stesso Snowpiercer, ogni vagone è un ecosistema chiuso, ma via via che ci si avvicina alla testa del treno l’atmosfera s’incupisce.
Dopo l’aula scolastica nella quale un’invasata Alison Pill magnifica le qualità del munifico Wilford ai bambini, con un intermezzo musicale degno di un Disney sotto l’effetto del kronolo, Curtis, Minsu e Yona sprofondano in una decadente atmosfera da Overlook Hotel (“Shining” è esplicitamente richiamato nella colonna sonora con la canzone “Midnight, the Stars and You”), in cui si svolge una festa che non avrà mai fine. Macabro preludio sia all’agghiacciante confessione di Curtis (un sorprendente Chris Evans) che a una conclusione tutt’altro che consolatoria.

Con buona e defintiva pace di Marx, molteplici stilettate d’humour nero affondano nel cuore della lotta di classe; ritorna il gusto del regista per il pamphlet satirico ibridato con il film di genere (vedi “The Host”), nonchè l’irresistibile eccentricità di alcune invenzioni (la metafora della scarpa, il capodanno, il sushi), tutti elementi che sono il vero carburante che alimenta i motori hi-tech dello Snowpiercer. Il piacere del grottesco e dell’arabesco non riesce però a celare un marcato pessimismo di fondo, riassunto nella splendida inquadratura finale, in cui la miseria umana si specchia nello sguardo sognante di un orso polare.

Girato a Praga, con il fondamentale contributo dello scenografo Ondrej Nekvasil, del direttore della fotografia Hong Kyung-Pyo e della colonna sonora di Marco Beltrami, “Snowpiercer” travolge sferragliando almeno dieci anni di fantascienza americana.
Per nostra fortuna, la locomotiva Bong Joon-ho non accenna ad arrestarsi.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere