Giovedì 21 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
The host PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 10
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
lunedì 29 ottobre 2007

The host
Titolo originale: Gwoemul
Corea: 2006. Regia di: Bong Joon-hoo Genere: Fantascienza Durata: 119'
Interpreti: Song Kang-Ho, Byeon Hie-Bong, Park Hae-Il
Sito web:
Voto: 8
Recensione di: Nicola Picchi

the_host_leggero.jpgIn “The host”, Bong Joon-hoo polverizza fin dal principio tutti i topoi dell’eco-vengeance, dando vita, come ha giustamente notato Le Monde, ad un film “mutante come la sua creatura”. Ormai il plot lo conoscono anche i sassi: rifiuti tossici scaricati nel fiume Han da una base militare americana provocano la nascita di una creatura anfibia, la quale si ricava una tana nei condotti delle fognature e, per sopravvivere, si nutre di esseri umani. Quando rapisce Hyun-seo, la figlia di Gang-du, che gestisce una bancarella di generi alimentari sulle rive del fiume, tutta la famiglia cercherà di salvarla, impegnandosi in una frenetica corsa contro il tempo. Fin qui sembrerebbe rientrare nei canoni della categoria, se non fosse che sotto le mentite spoglie del film di genere si cela un corrosivo pamphlet contro il neocolonialismo made in USA, nonché una riflessione sul grottesco asservimento della politica sud-coreana agli interessi americani. Bong Joon-hoo, pur omaggiando gli archetipi del genere per vie trasversali, se ne frega altamente dei manuali di sceneggiatura e delle convenzioni sulla costruzione della suspense, mostrandoci la creatura dopo i primi cinque minuti in tutto il suo inquietante splendore by Weta Digital. I cambi di registro narrativo sono vorticosi eppure coerenti, ed il tono è ora satirico (l’incompetenza delle autorità e la stupidità dei militari, l’Agent Yellow contro le armi batteriologiche), ora buffonesco (la fuga della famigliola dall’ospedale), ironico (i manifestanti no-global che indossano t-shirt con il faccione di Gang-du, la psicosi da epidemia) ma anche drammatico (Hyun-seo con il bambino, la caccia al mostro), in una girandola governata con mano sapiente ed indiscutibile abilità registica. Conseguentemente con gli assunti di partenza, a salvare Seoul non saranno né la polizia né i militari e neanche gli scienziati che postulano l’esistenza di un virus che non c’è, ma la famiglia di Gang-du, un gruppetto di perdenti all’ennesima potenza che il regista ritrae con affetto e comprensione umanissimi: Gang-du è una persona semplice, con un quoziente d’intelligenza non proprio elevato, mentre il fratello è un laureato disoccupato e la sorella una perenne abbonata alle medaglie di bronzo nelle competizioni di tiro con l’arco. Con l’aiuto del padre ed il fondamentale contributo di un barbone reclutato per caso, il gruppo riuscirà ad avere ragione della creatura ma non a salvare Hyun-seo, considerato che, dopotutto, siamo in Corea e non a Hollywood. Inquietudini ecologiste e satira politica non appesantiscono mai il film, dove tutto si amalgama perfettamente, CGI compresa, e che appare sempre fluido ed inattaccabile.
A questo si aggiungano dialoghi azzeccatissimi e grande attenzione alle psicologie, il supporto di un ottimo cast, su cui svetta il magnifico Song Kang-Ho (già in Memories of murder), l’inaspettata e luminosa fotografia di Kim Hyung-ku, la notevolissima colonna sonora di Lee Byung-woo… insomma, che altro serve perché i distributori italiani si accorgano di questo film, che tra l’altro in Corea è stato un blockbuster ed è uscito quasi dappertutto? Ma forse, davvero, siamo soltanto la periferia dell’impero e ci toccano in sorte solo i suoi sottoprodotti predigeriti.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere