Mercoledì 28 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
X-Men: L'inizio PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
venerdì 17 giugno 2011

X-Men: L'inizio
Titolo originale: X-Men: First Class
USA: 2011. Regia di: Matthew Vaughn Genere: Fantascienza Durata: 132'
Interpreti: James McAvoy, Michael Fassbender, Rose Byrne, Jennifer Lawrence, January Jones, Nicholas Hoult, Oliver Platt, Jason Flemyng, Lucas Till, Edi Gathegi, Kevin Bacon, Caleb Landry Jones, Zoë Kravitz, Bill Milner, Morgan Lily, Álex González, Laurence Belcher, Ray Wise, David Crow, Russell Balogh, Graham Curry, Duncan JC Mais, Johnny Nguyen, Rebecca Walsh
Sito web ufficiale: www.x-menfirstclassmovie.com
Sito web italiano: www.foxinternational.com/it/xmenlinizio
Nelle sale dal: 08/06/2011
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Rivelatore
Scarica il Pressbook del film
X-Men: L'inizio su Facebook
Mi piace
Condividi questo articolo su Facebook

X-Men: L'inizio“X-Men: L’inizio” rivela le origini degli X-Men, mostrandoli durante la loro infanzia e poi poco più che ventenni durante la Guerra Fredda.
Il film è ambientato negli anni ’60 e racconta dell’incontro tra Charles Xavier ed Erik Lehnsherr e della nascita della loro amicizia.
Il film risponde a quesiti che da sempre i fan si sono posti, quali per esempio: come si sono incontrati gli X-Men? Perché Charles sta su una sedia a rotelle?.

La storia inizia quando Erik, separato dai suoi genitori, rivela i suoi poteri magnetici e Charles scopre in casa sua la piccola mutante Raven. Entrambi crescono con la convinzione che siano i soli a possedere questi poteri. Diventato adulto Erik è sempre più determinato a vendicare l’assassinio di sua madre, uccidendo il responsabile Sebastian Shaw, mentre Charles vuole fermare la minaccia nucleare paventata dalla tensione tra gli Stati Uniti e la Russia. Charles ed Erik si alleano, reclutando altri mutanti sparsi per il globo, per fermare Sebastian.

I realizzatori di “X-Men: L’inizio” hanno scelto di ambientare il film negli anni ’60 perché proprio in quegli anni l’editore della Marvel Comics, scrittore capo e direttore artistico Stan Lee, insieme a Jack Kirby, ha creato i fumetti degli X-Men. Inoltre è sembrato il punto di rottura migliore in cui collocare il manifestarsi dei mutanti, le cui mutazioni potevano essere attribuite al nucleare. Quale strategia migliore di far diventare il potente Sebastian Show, colui che spinge a una guerra nucleare le due superpotenze per distruggersi a vicenda e lasciare campo libero ai mutanti, che avrebbero assunto il potere.
Ciò che ha più interessato il regista e sceneggiatore Matthew Vaughn è di raccontare una storia sulla condizione umana da un punto di vista spettacolare.
La prima cosa che conta per Vaughn è la profondità dei personaggi, le loro storie: da dove vengono, perché agiscono in un determinato modo. Il regista è convinto che senza la giusta prospettiva di un personaggio il film non avrebbe ragion d’essere.
Qui il personaggio che è stato maggiormente approfondito è Erik, Charles nella sua descrizione non si trova sullo stesso piano, però non ci si fa quasi caso visto poi il modo in cui i due personaggi una volta uniti evolvono.

I primi ragazzi che Charles ed Erik reclutano sono degli adolescenti e come tali non amano il fatto di essere diversi dagli altri.
È una sensazione che accomuna tutti gli adolescenti, siano essi mutanti o esseri umani.
Ci si identifica con questi personaggi in quanto si comprende quanto sia difficile sentirsi diversi dai propri coetanei. Chi non si mai sentito a disagio per essere più basso, più grasso o meno attraente di quanto la società chieda di essere?
A ciò si lega la sensazione di sentirsi esclusi o inadeguati ed è quello che succede a Raven che vuole cambiare il suo aspetto tanto quanto ad Hank, che rispetto agli altri mutanti possiedono una diversità sempre in mostra.

Un altro argomento di cui Vaughn ha voluto parlare è l’accettazione di un individuo e la sua integrazione all’interno di una società preesistente e, al contempo, del suo rifiuto. Se, infatti, Charles crede fermamente che i mutanti (e quindi il diverso, l’estraneo) col tempo e con un po’ di fiducia potranno convivere pacificamente con gli esseri umani.
Erik, invece, crede che il genere umano li consideri solo dei mostri e voglia il loro annientamento e così per proteggere la propria specie gli si oppone fin da subito.
“X-Men: L’inizio” è un film ben confezionato, che alla spettacolarità dell’immagine affianca una storia inedita degli X-Men ben articolata e coinvolgente. Gli effetti visivi sono messi al servizio della storia e non il contrario e in più è una storia indipendente da quelle raccontate nei film precedenti, che chiunque può seguire senza la necessità di aver visto le altre.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere