HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Fantasy arrow EMBER – Il mistero della città di luce
Domenica 12 Luglio 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
crawl_banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
luomo_invisibile_banner.jpg
EMBER – Il mistero della città di luce PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Valeria Ghessa   
lunedì 29 dicembre 2008

EMBER – Il mistero della città di luce
Titolo originale: City of Ember
USA: 2008. Regia di: Gil Kenan Genere: Fantasy Durata: 95'
Interpreti: Saoirse Ronan, Bill Murray, Tim Robbins, Toby Jones, Mackenzie Crook, B.J. Hogg, Robert Kane, Martin Landau, Simon Kunz, Mary Kay Place
Sito web: www.cityofember.com
Nelle sale dal: 19/12/2008
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Valeria Ghessa

ember_leggero.jpegLa città di Ember prospera da 2 secoli nel sottosuolo, è illuminata da un generatore ed era stata concepita dai costruttori come un luogo con un'autonomia di 200 anni.
Ma 200 anni passano , e ora i blackout si fanno sempre più frequenti, le scorte alimentari si esauriscono e i cittadini cominciano a temere l'oscurità eterna.
Tutti sono convinti che oltre alla città di Ember ci sia il nulla.
Ma due ragazzi non ne sono convinti: Lina Mayfleet e Doon Harrow trovano una misteriosa cassetta e pensano che questa possa aiutarli a salvare la città.

Ember – Il mistero della città di luce racconta di due giovani che vivono in una società imperfetta e instupidita ,scelgono di fare qualcosa per migliorarla e si mettono in gioco per risolvere la situazione disperata.Sfidando la proibizione ,andando contro il coro e osservando il mondo al di fuori del loro. Disobbediscono imperdonabilmente al giuramento che impone  l'artificiale Ember “l'unica luce in un mondo di tenebre”. Quest'idea così fuori dagli schemi ecco che  si esplicita in una metafora più che mai dalla morale natalizia (ogni periodo di uscita dei film è giustificabile in qualche modo) :al termine della caccia al tesoro dei due protagonisti c'è la promessa di una luce vera e di una rinascita a nuova vita per tutti. Il nuovo millenio è passato da un pezzo ma inspiegabilmente i film sono ancora condizionati dall'atmosfera da giudizio universale.

Il film dell'esordiente Kenan sembra trovare come strumento di salvezza collettiva le relazioni interpersonali.Un film moraleggiante e didascalico,dal messaggio troppo onirico e surreale. Peccato che l'idea sia un tantino vecchia e stantia e anche se andassimo oltre questo aspetto,neanche lo sviluppo è poi così originale.Una nota positiva è quella dell'impianto visivo,sicuramente suggestivo e interessante.
Le motivazioni iniziali per lo sviluppo della trama sono scadenti e mancano di incisività,un peccato imperdonabile per uno spettatore attento.

Anche i personaggi sono delle macchiette-matafora di visioni filosofiche della vita: la nonna di Lina vive in un negozio di lana che altro non è se non un enorme groviglio,simbolo della città abbandonata dai costruttori al suo destino e simbolo della società a dir poco alla deriva.
Il film è tratto dal romazo di
Jeanne DuPrau, scritto negli anni Ottanta e condizionato dallo spettro dell'energia  nucleare;se vogliamo trovare delle analogie con altre opere, la pellicola potrebbe ricordare le atmosfere gotiche dei film di Tim Burton  (sceneggiate da Caroline Thompson ,la stessa che ha trasformato il libro della DuPrau in sceneggiatura)e non scomoda un paragone con il Village  di Shyamalan .
Nota decisamente positiva poichè fantasiosa quella di concepire una città come un prodotto "in scadenza".
Il mio voto è 5 ,giustificato dall'impatto visivo,ma le apocalissi cinematografiche stanno cominciando ad assomigliarsi tutte,ci vuole decisamente piu originalità.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere