Domenica 14 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
L'arte del sogno PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Michele Alberico   
sabato 27 gennaio 2007

L'arte del sogno
Francia: 2005. Regia di: Michel Gondry Genere: Fantasy Durata: 105'
Interpreti: Gaël Garcia Bernal, Alain Chabat, Charlotte Gainsbourg, Miou-Miou, Inigo Lezzi, Jean-Michel Bernard
Recensione di: Michele Alberico

lartedelsogno.jpgCome si costruisce un sogno? Prendete i colori e le emozioni del presente, mescolatele con i suoni, le voci, le musiche, i ricordi del passato aggiungete qualcosa delle speranze per il futuro ed ecco il vostro sogno. Niente di più niente di meno. Solo che per una mente creativa i sogni non sono altra cosa dalla realtà, ma vivono e si intersecano con la realtà stessa, la influenzano, la direzionano finché è difficile stabilire dove finisca l'uno e cominci l'altra. The science of sleep è l'elaborazione di questa teoria. Il racconto per immagini di come lavora una mente creativa, come vive, come costruisce la realtà e soprattutto come ama. Si potrebbe dire che quello di Gondry costituisce il naturale contraltare del pensiero di Charlie Kaufmann nel suo Ladro di orchidee. Stephan è un creativo, dipinge, colora, fa muovere gli oggetti che lo circondano un po' alla maniera di quei vecchi cortometraggi d'animazione che negli anni 60 e 70 avevano scavalcato la cortina di ferro arrivando fino al cuore dell'Europa capitalista. Tornato a casa in Francia dopo una lunga permanenza in Messico Stephan è completamente spaesato. Ma non è la nuova casa a confonderlo né sono le tre lingue tra le quali si muove: il francese, lo spagnolo e l'inglese; Stephan è confuso dalla realtà in sé e nei suoi sogni spesso la modifica e la ridisegna a sua immagine. Il caso vuole che Stephan si ritrovi a vivere di fronte a Stephanie e quel curioso incontro di nomi cambia la vita di entrambi.
Se vi aspettate un film della dolce linearità di "Amelie" siete fuori strada. A suo modo "The science of sleep" è un film realista un film che rappresenta anche nei suoi aspetti cruenti e autodistruttivi il dono della creatività ma che non abbandona mai il canone narrativo che si è scelto.
Dopo lo stupefacente "Eternal Sunshine of the Spotless Mind" Michel Gondry torna dietro la macchina da presa e questa volta fa le cose a modo suo. Lavorare negli Stati Uniti "con quattro referenti tutti con idee diverse e dover penare ogni giorno per metterli insieme" è uno stress che non ha voluto ripetere. Ed è stato "un miracolo che ne sia uscito qualcosa di decente".
E così è tornato nel suo paese d'origine ed ha girato quello che ha definito il suo film "più autobiografico" scegliendo come suo doppio un attore che sembra non avere nulla a che vedere con lui: Gael Garcia Bernal salito alla ribalta con "La mala education" e "I diari della motocicletta".
Avere Gael come alter ego ha richiesto uno sforzo maggiore di perfezionamento del ruolo. "The science of sleep" è la storia di un amore rifiutato "e chiunque veda Gael capisce che la cosa nel suo caso è difficile da credere" ha scherzato il regista.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere