Giovedì 23 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Painted Skin PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
giovedì 20 novembre 2008

Painted Skin
Titolo originale: Wa Pei
Hong Kong: 2008 Regia di: Gordon Chan Genere: Fantasy Durata: 103'
Interpreti: Donnie Yen, Xun Zhou, Wei Zhao, Kun Chen, Betty Sun, David Leong, Yuwu Qi
Sito web: www.huapi.ent.sina.com.cn/en/
Nelle sale dal: In dvd - Inedito Nelle Sale
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella

paintedskin_leggero.jpegIl generale Yong salva una fanciulla, Xiaowei, nel corso di un'operazione in un villaggio nemico. La conduce nella sua casa, dal momento che ella non ha nessun parente in vita, e la affida alle cure di sua moglie Peirong. Ma dopo qualche tempo alcuni accadimenti suscitano i sospetti delle dame di corte, e la fanciulla viene accusata di essere un demone. A questo punto Peirong convoca in gran segreto Wang Sheng, un valente soldato fratello di sangue di suo marito, e lo invita a indagare. Lui giunge in città accompagnato da una cacciatrice di demoni, Xia-Bing, il cui padre le ha donato un pugnale magico.

Painted Skin è alla sua terza trasposizione, tratto da una delle novelle di "Strange Tales of Liaozhai" di Pu Songling, della dinastia Qing, è stato portato sullo schermo già nel 1966 e nel 1993. Se la prima delle trasposizioni rimane la più fedele, la seconda la più famosa, questa terza ha in sè la poesia del racconto originale, unita ad una rappresentazione a metà tra i lavori meglio riusciti dei maestri cinesi dell'ultima generazione e l'atmosfera fantasy dei wuxia degli anni ottanta. Selezionato per rappresentare Hong Kong agli Oscar ha senz'altro tutte le carte in regola per concorrere.
Per meglio apprezzare questo film bisogna amare le favole, in particolare le più crude, quelle di sapore asiatico, perchè è di questo che si tratta: una favola col demone al posto delle fate a cui ci hanno abituate le nostre mamme.
Xiaowei ha una duplice natura che la induce a nutrirsi del cuore degli uomini, e non solo in senso metaforico.
Il suo servitore, in realtà il demone che la ama appassionatamente e per questo la nutre col cuore degli uomini cui dà la caccia di notte, non è affatto facile da eludere, e mentre lei sogna l'amore del padrone di casa, lui trama per indurla ad ucciderlo.
Peirong, come da tradizione asiatica, è una donna docile il cui unico desiderio è compiacere suo marito.
Motivo per cui, quando la fanciulla giunta da lontano sembra interessarsi a suo marito, lei gliela propone come concubina. Ma Yong ha un solo amore, sua moglie Peirong, e questo creerà non poche difficoltà al demone che, per mangiare il suo cuore, vuole prima possederlo.

Poetico sia nei contenuti che nella rappresentazione questo Painted Skin ha dalla sua una riuscita combinazione di buona recitazione e onesta regia. Le scene degli inseguimenti in notturna sui tetti hanno un eco dei voli coreografici del maestro Zhang Yimou, mentre le piroette dei protagonisti ci confermano senza troppi complimenti che il futuro delle rappresentazioni action è nel cinema asiatico. Donnie Yen già in Hero e nel pirotecnico Flash Point, è un convincente Yong, mentre le due bellissime Xun Zhou, già in The Banquet, e Wei Zhao vista di recente in Red Cliff, abbagliano per splendore e assoluta impeccabilità espressiva.
L'iconografia è quella classica, il demone è cattivo e ha i capelli bianchi, come tutte le creature asiatiche che tornano dall'Oltre. Le due donne alla fine si combattono per il cuore di un uomo il quale, nonostante i sortilegi che gli infestano i sogni, continua ad amarne solo una.
E le regole in questo, come nel mondo altro, sono ineludibili.
Quindi se anche uccidere fosse l'unico fine del demone, l'amore in qualche modo sopravviverà al suo intento distruttivo.
Certo è una favola quella che raccontiamo, ma il mondo pare un luogo assai migliore se qualche volta ci fermiamo a sognare che l'amore può vincere il male.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere