Domenica 14 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Parnassus - L'uomo che voleva ingannare il diavolo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Luca De Paola   
martedì 27 ottobre 2009

Parnassus - L'uomo che voleva ingannare il diavolo
Titolo originale: The Imaginarium of Doctor Parnassus
Francia, Canada: 2009 Regia di: Terry Gilliam Genere: Fantasy Durata: 122'
Interpreti: Heath Ledger, Johnny Depp, Colin Farrell, Jude Law, Christopher Plummer, Andrew Garfield, Verne Troyer, Lily Cole, Tom Waits, Cassandra Sawtell, Paloma Faith, Carrie Genzel, Michael Eklund, Simon Day, Johnny Harris, Richard Riddell
Sito web: www.doctorparnassus.com
Nelle sale dal: 23/10/2009
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Luca De Paola
L'aggettivo ideale: Stuzzicante

parnassus_leggero.jpgEra il 22 gennaio del 2008, quando a New York Heath Ledger perse accidentalmente la vita per un’overdose di farmaci. In quel periodo Heath stava lavorando a quello che poi sarebbe stato il suo ultimo film, “The Imaginarium of Doctor Parnassus”. Di quel film lui era il protagonista, e la sua prematura scomparsa rischiò seriamente di fermare tutto.
Oggi sappiamo che non fu così, perché il regista Terry Gilliam - grazie anche all’aiuto di Johnny Depp, Jude Law e Colin Farrel, che accettarono di interpretare gratuitamente a turno il personaggio di Ledger, con uno stratagemma inserito a riprese in corso - decise di portare ugualmente a termine le riprese.

L’immortale dottor Parnassus, interpretato da Christopher Plummer e il cui nome rimanda al monte greco consacrato all’arte, gestisce da secoli uno scalcinato e obsoleto teatro ambulante con l’aiuto del deforme e fedele Percy ( Verne Troyer ), del giovane Anton ( Andrew Garfield ) e della splendida figlia Valentina ( Lily Cole ). Peculiarità del dottor Parnassus è quella di guidare l’immaginazione della gente e far vivere loro esperienze incredibili, il tutto grazie ad uno specchio magico e ad un patto stipulato con il diavolo, un mefistofelico Tom Waits. Parte di questo accordo prevede che Parnassus rinunci a sua figlia Valentina, non appena questa avrà raggiunto il suo sedicesimo anno di vita. All’avvicinarsi della data pattuita, però, egli strappa un ulteriore patto: Valentina andrà a colui che per primo farà sue cinque anime.

Indubbiamente l’uscita di scena dell’attore di Perth ha prodotto due conseguenze tanto importanti quanto differenti.
La prima è, a onor del vero, l’interesse che si è venuto improvvisamente a creare nei confronti di una pellicola che, con molte probabilità, avrebbe fatto fatica a imporsi validamente sul mercato, se non fosse successo quel che invece purtroppo è successo. E sia chiaro che chi lo dice, lo dice con l’amaro in bocca.
Questo potrebbe quindi favorire un tornaconto economico inaspettato.
La seconda riguarda, invece, la trama, in buona parte stravolta e che, in certi punti, appare un po’ forzata, sconclusionata e ben lontana dall’essere giudicata compatta.
Certo, noi non sappiamo, ne sapremo mai, come sarebbero andate le cose se tutto fosse filato come doveva filare, di certo c’è che l’espediente dello specchio (che ha permeso il coinvolgimento di Depp, Law e Farrel e, dunque, la sopravvivenza della pellicola) è veramente ben riuscito, tanto che chiunque guardi il film, nemmeno si accorge dell’ “inganno” che c’è dietro.
Di buono c’è che Gilliam ha tirato fuori davvero tanto buon materiale, e il film è ricco di trovate interessanti e stuzzicanti: un patto con il diavolo, il tema dell’immortalità, uno specchio capace di trasportarti in un mondo modellato sull’immaginazione e i sogni di chi vi entra. Insomma, la generosità di temi e intenti è più che lodevole.
A tutto ciò va aggiunto il cast che fa’ un gran bel lavoro: C’è il grande Christopher Plummer, la cui presenza emana saggezza, ma che al tempo stesso rivela, dietro la maschera di Parnassus, i limiti di un uomo che si fa’ tentare, si pente, si dispera e che poi si rifà tentare, in un circolo vizioso apparentemente interminabile. Tom Waits nei panni del diavolo Mr. Nick, dannatamente tentatore, è altrettanto dannatamente azzeccato per la parte. La splendida Lily Cole è una dolce sorpresa, così come Andrew Garfield, cui spetta il ruolo del giovane Anton. Ma la curiosità era tutta per Heath Ledger. Ebbene, se il film regge, regge in buonissima parte solo grazie a lui.
La sua presenza è di quelle che pesano, perché mentre per gli altri si registrano buone prove, che però non contribuiscono a far scorrere piacevolmente la pellicola, nel suo caso si assiste ad una performance trascinante; vuoi per il fare scanzonato e ruffiano del suo personaggio, sta di fatto che è palesemente così. Non è un caso che i momenti peggiori del film siano proprio quelli in cui il suo personaggio non è in scena, ossia l’inizio e la fine.
La prima parte denota una certa mancanza di ritmo, fatica a decollare, risultando anche un tantino noiosa e irritante. L’ultima invece è eccessivamente sbrigativa. Impossibile poi sorvolare sul fatto che i personaggi tutti (eccezion fatta per Parnassus) siano scarsamente caratterizzati.
Di loro non sappiamo praticamente nulla. Per i tre sostituti c’ è da registrare una prova senza infamia né lode del sempre bravo Johnny Depp, così come di Jude Law, ma il più bravo è Colin Farrel, cui spetta il compito di concludere il percorso del personaggio ereditato da Ledger, del quale viene infine svelata la natura truffaldina e ambiziosa. Sarà la sua, la quinta anima che riconsegnerà Valentina alla vita.

Curiose, invece, alcune trovate. Prima fra tutte la parodia di Tony Blair, al quale Gilliam si è volutamente, esplicitamente e polemicamente ispirato per il personaggio di Tony, la cui capacità di convincere chiunque deriva proprio dall’ ex primo ministro inglese. E poi c’è anche una chicca, relativa ad un episodio della recente storia italiana: la morte del banchiere Roberto Calvi, a Londra nel 1982. Il suo corpo fu trovato appeso al Ponte dei Frati Neri, lo stesso in cui viene trovato il Tony di Heath Ledger.
In conclusione mi sento di voler ricordare Heath Ledger servendomi delle parole pronunciate dal regista Christopher Nolan ai Golden Globes 2009:
“For any of us lucky enough to have worked with him, and I think for any of us lucky enough to have enjoyed his performances, he will be eternally missed, but he will never be forgotten”.

Ciao, Heath!

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere