HOME arrow Il Cinema Asiatico arrow Fantasy arrow The Sorcerer and the White Snake
Giovedì 21 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
The Sorcerer and the White Snake PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 12
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
venerdì 04 novembre 2011

The Sorcerer and the White Snake
Titolo originale: Baishe chuanshuo
Cina, Hong Kong: 2011. Regia di: Tony Ching Siu-tung Genere: Fantasy Durata: 95'
Interpreti: Jet Li, Eva Huang, Raymond Lam, Charlene Choi, Wen Zhang, Jiang Wu, Vivian Hsu
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Tradizionalista
Scarica il Pressbook del film
The Sorcerer and the White Snake su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

the_sorcerer_and_the_white_snake_leggero.pngSuzhen, millenario serpente in sembianze femminili, salva dall’annegamento l’erborista Xu Xian, instillandogli la propria essenza vitale con un bacio.
Suzhen e Xu Xian s’innamorano, ma trovano sulla loro strada Fa Hai, abate del tempio Jinshan, determinato a impedire un’unione che va contro le leggi della natura.
Quella del contrastato amore tra Xu Xian e il Serpente Bianco è una delle più antiche leggende cinesi, risalente alla dinastia Tang. Rielaborata più volte nel corso dei secoli con alcune varianti, fu restituita in forma narrativa durante la dinastia Ming da Feng Menlong, letterato che pubblicò tre raccolte (Sanyan) di novelle e canzoni popolari, spesso desunte dal folklore. Innumerevoli gli adattamenti nel cinema, nella televisione e nell’opera cinese, né la notorietà della storia si arrestò ai confini nazionali, tanto che ad essa si ispirò “Hakujaden” (1958), il primo anime a colori.

Tralasciando la versione operistica degli Shaw Brothers del 1962, l’adattamento più noto è senz’altro il “Green Snake” (1993) di Tsui Hark che, sulla scorta di un racconto di Lilian Lee (l’autrice di “Addio, mia concubina”), ne diede una versione sottilmente sovversiva.
Il vero protagonista era infatti Qingqing, il Serpente Verde, interpretata dall’inarrivabile Maggie Cheung, e Tsui Hark spostava l’accento sui metodi polizieschi e sugli intenti repressivi del monaco buddhista, consentendo ai più capziosi di interpretare il film in chiave di allegoria politica, visto l’approssimarsi dell’handover.
In “The Sorcerer and the White Snake”, scelto per inaugurare la sezione di mezzanotte all’ultima Mostra di Venezia, Ching Siu-tung è invece attratto dal lato favolistico della leggenda. Dopo l’indifendibile “An Empress and the Warrior” (2008), regredisce all’infanzia del cinema attraverso le lusinghe degli effetti digitali del veterano Eddie Wong (The Legend of Zu), inseguendo un ingenuo senso del meraviglioso alla Méliès.

Lagnarsi dell’inadeguatezza degli effetti CGI è segno di fraintendimento, dato che l’operazione tentata da Ching non è tanto dissimile da quella dei primi registi cinesi che, nella Shanghai degli anni ‘20, disegnavano manualmente piogge di spade, aquile volanti e raggi luminosi sui fotogrammi, o dalle rudimentali animazioni di “Buddha’s Palm” (1964).
Non c’è traccia della barocca superfetazione di un Kazuaki Kiriya (Kyashan, Goemon), solo della volontà di inscriversi appieno nella tradizione del “wuxia shenguai”, ovvero con elementi fantastici, demoni e spiriti, in pieno rispetto dell’ortodossia.
Il paradosso consiste semmai nel riuscire a ottenere un risultato così piacevolmente inattuale, mediante l’utilizzo di tecnologie che si vorrebbero avanzate.
L’onnipresente colonna sonora di Mark Lui, melodica e struggente, sottolinea atmosfere e stati d’animo come ai tempi del cinema muto. Accompagnamento musicale e immagini sono infatti assai più rilevanti dei dialoghi, che potrebbero con maggior efficacia essere sostituiti da didascalie. Il tradizionalismo si estende anche al trattamento dei personaggi.
Il monaco interpretato da Jet Li è zelante e inflessibile ma anche giusto e compassionevole, molto diverso dal personaggio ipocrita raffigurato da Vincent Zhao nel film di Tsui Hark, né cede alle seduzioni della carne come il suo predecessore.

Il regista non tralascia inoltre animali parlanti (notevole Lam Suet gallinaccio), demoni-vampiro, spiriti-volpe e provvidenziali radici magiche, inserendo, ad alleviare la tragica storia d’amore (titolo alternativo: It’s Love), gustosi intermezzi comici delegati al discepolo Weng Ren e a Qingqing, il Serpente Verde, sorella di Suzhen. Jet Li recita se stesso, Eva Huang e Charlene Choi non raggiungono la malizia e il carisma di Maggie Cheung e Joey Wong, mentre sono assai efficaci Raymond Lam (Xu Xian) e Wen Zhang (Weng Ren), cacciatore di demoni che, in via di trasformazione, teme di perdere la faccia.
Ching Siu-tung, sopraffatto dall’artificiosa patinatura retrò, smarrisce per strada quella insuperabile ritmica di montaggio che faceva la grandezza della trilogia di “A Chinese Ghost Story”, rimanendo in bilico tra l’elegia nostalgica e il prodotto per famiglie.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere