Mercoledì 28 Settembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Watchmen PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Samuele Pasquino   
lunedì 09 marzo 2009

Watchmen
Titolo originale: Watchmen
Gran Bretagna, USA, Canada: 2009 Regia di: Bill Guttentag Genere: Fantasy Durata: 163'
Interpreti: Malin Akerman, Billy Crudup, Matthew Goode, Jackie Earle Haley, Jeffrey Dean Morgan, Patrick Wilson, Carla Gugino, Stephen McHattie, Matt Frewer, Sonya Salomaa, Niall Matter, Laura Mennell, Danny Woodburn, Carrie Genzel, Glenn Ennis, Dan Payne, Apollonia Vanova, Darryl Scheelar, Clint Carleton
Sito web: www.watchmenmovie.warnerbros.com
Nelle sale dal: 06/03/2009
Voto: 4
Trailer
Scarica ora Watchmen con eMule Official - per velocizzare il download usa Speed Downloading!
Recensione di: Samuele Pasquino

watchmen_leggero.jpegIn un’ipotetica America degli anni ‘80 impera la guerra fredda fra Stati Uniti e Unione Sovietica. Dopo il ritiro dei supereroi mascherati a causa del decreto Keene, a regnare sono il caos e la paura di un imminente conflitto.
Il gruppo dei giustizieri di un tempo si è sciolto, tuttavia uno di loro, Edward Blake il Comico, viene ucciso.
Il fatto inquieta Roscharch, che teme una lunga lista di omicidi seriali, e per questo motivo mette in allerta gli altri componenti del gruppo, Ozymandis, Spettro di Seta, Gufo Notturno e Dr. Manhattan. Saranno tutti coinvolti in un complotto teso a far scoppiare una vera e propria crisi nucleare.

Zack Snyder, visionario regista dello stupendo “300”, mette in scena la trasposizione di una famosissima graphic novel, nota soprattutto agli amanti dei fumetti elaborati. Adottando una formula molto simile al film precedente, Snyder cerca nuova gloria e nuovi consensi, forte del successo dell’epica avventura delle Termopili: la sua presunzione da cineasta inesperto e superbo lo porta invece ad un tonfo colossale, quasi clamoroso, che fa letteralmente crollare la fiducia che lo spettatore aveva iniziato a riporre su di lui.
“Watchmen”, a dispetto di un trailer intrigante che mostra un falso splendore grazie all’efficace montaggio, è un disastro completo. La scelta di mettere in scena un’ambigua parodia dei supereroi, collocata in un contesto politicamente e socialmente importante, e cioè un mondo sull’orlo della distruzione a causa delle armi nucleari, non è solo discutibile ma perfino inaccettabile. Inoltre, ironizzando sull’eroismo dei giustizieri mascherati, Snyder sbeffeggia una lunga produzione cinematografica che ha visto personaggi mitici avvicendarsi e appassionare con le loro gesta. E’ poco chiaro, in verità, anche il codice utilizzato per raccontare la vicenda, si viaggia attraverso una miriade di generi senza mai sceglierne definitivamente uno, e tale fusione risulta solo un’amalgama burlesca.
La storia dovrebbe avere un senso ma non c’è traccia di un solido filo logico, il montaggio serrato tenta goffamente di ingannare e intrattenere con ritmi alti e vivaci, spargendo caotiche scene elaborate e sagre d’arti marziali con ingenui pretesti. Si tratta di un baraccone di effetti speciali visivamente pregevole ma contenutisticamente decadente, sprezzante nei confronti di un equilibrio necessario fra costruzione narrativa e messa in scena. L’introduzione con il primo omicidio è furbescamente accattivante, ma già si intravede tutta la paradossalità su cui si basa il lavoro di Snyder, un giocattolone pesante e prolisso all’inverosimile, con quasi tre ore di ciarlatanerie pirotecniche suadenti ma estremamente inconsistenti.

I personaggi entrano in scena immediatamente, con le rimembranze dei loro tempi andati, inserite in periodi cronologicamente sconclusionati che saltano dagli anni ‘60 agli anni ‘80 avvalendosi rudemente di canzoni celeberrime al servizio di una comica nostalgia. La descrizione degli eroi si fa più viva e profonda nel corso dell’avventura, con le loro variegate storie che indagano nella giovinezza e nella colpa, mettendo in ballo senza criterio anche la guerra in Vietnam.
Indubbiamente alcuni di essi appaiono più interessanti e maggiormente caratterizzati, come il Dr. Manhattan, il Comico e Roscharch, ma tutti recitano in una commedia pietosa che vanifica i buoni propositi, qualora ce ne siano mai stati. Il tentativo di serietà maldestramente ostentato attraverso la voce fuori campo di Roschard naufraga miseramente non appena entra in gioco la componente erotica, presente in occasione degli incontri fra Gufo Notturno e Spettro di Seta, che si lasciano andare in rapporti sessuali lievemente ridicoli quanto fuori luogo.
L’unica nota positiva riguarda il personaggio del Dr. Manhattan, che dispensa saggezza e lungimiranza attraverso monologhi pregni di filosofia esistenziale legata alla sorte incerta dell’umanità.
Se in “300” la violenza era legittimata dalla storica situazione proposta e dai reali accadimenti, in “Watchmen” essa risulta totalmente superflua perchè in contraddizione con la goliardia manifestata nella maggior parte delle sequenze sceniche.
Si tratta, insomma, di uno spettacolo improponibile sul grande schermo internazionale, spudoratamente azzardato e palesemente vergognoso.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere