HOME arrow Recensioni film arrow Horror 1 arrow Friend request - La morte ha il tuo profilo
Martedì 17 Ottobre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Friend request - La morte ha il tuo profilo PDF Stampa E-mail
Scritto da Davide Sorghini   
martedì 07 giugno 2016

Titolo: Friend request - La morte ha il tuo profilo
Titolo originale: Friend request
Germania 2016 Regia di: Simon Verhoeven Genere: Horror Durata: 92'
Interpreti: Alycia Debnam-Carey, William Moseley, Connor Paolo, Brit Morgan, Sean Marquette, Brooke Markham, Liesl Ahlers
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 08/06/2016
Voto: 5,5
Recensione di: Davide Sorghini
L'aggettivo ideale: Scontato
Scarica il Pressbook del film
Friend request - La morte ha il tuo profilo su Facebook

friendrequest_leggero.pngIn origine c'èra Unfriended, un interessante e riuscito thriller-horror "low-budget" prodotto da Blumhouse Pictures che portava su schermo una digressione tecnologica dell'inflazionato formato "found footage", narrando il film tutto dal punto di vista di un monitor di computer, escamotage narrativo già utilizzato in precedenza dall'altrettanto meritevole The Den.
Friend Request - La morte ha il tuo profilo è una produzione tedesca girata in Sudafrica che ammicca al citato Unfriended, ma riporta la narrazione ad uno stile più tradizionale e nella sua prevedibilità riesce comunque ad intrattenere, mancando però di quel minimo sindacale di originalità che Unfriended possedeva e che ne ha nobilitato la disarmante pochezza della messinscena.

Laura è la ragazza più popolare del college, ma quando accetta l’amicizia su Facebook di una strana e solitaria compagna di corso la sua vita cambia improvvisamente: i suoi amici iniziano a morire in modi atroci e a Laura rimane poco tempo per risolvere questo terribile enigma e salvare la sua stessa vita.
Quarta regia per il tedesco Simon Verhoeven, figlio dell'attrice Senta Berger e del regista Michael Verhoeven, al suo primo primo horror dopo tre commedie girate in patria.
Bisogna ammettere che Verhoeven cura moltissimo l'aspetto visivo, esagerando forse in una compiaciuta patinatura che ammicca ad una generazione cresciuta a pane e YouTube, ma ciò non toglie che esteticamente Friend Request si dimostra ampiamente sopra la media.

Il film si può definire un techno-thriller a sfondo sovrannaturale che ammicca agli horror anni '80 (vedi il cult "Nightmare"), ma la maggiore fonte d'ispirazione del regista proviene dal filone degli horror nipponici ( J-Horror) in cui si è spesso utilizzata la tecnologia come un tempo si usavano le case infestate, vedi la videocassetta di The Ring, il telefono cellulare di The Call - Non rispondere, ma soprattutto Friend Request sembra particolarmente influenzato dal cult Kairo e il suo remake americano Pulse, in quel caso era un misterioso sito internet a causare un'ondata di inspiegabili suicidi.
Friend Request ha il pregio di porre al centro della trama la stregoneria e la sua mitologia, tematica recentemente tornata alla ribalta grazie alla serie tv Salem e al sorprendente horror The Witch. Per quel che concerne Facebook in realtà c'è molto più "social network" in Unfriended che in Friend Request poichè il film per nostra fortuna non si arena in un pistolotto retorico sugli evidenti mali che si annidano nei social media, pur mostrando quanto la "massa" sempre più spesso "branco" sia capace di trasformare i social media in una gogna pubblica in puro stile medievale.

In Friend Request si inverte la prospettiva rispetto all'americano Unfriended trasformando in vittima una brava ragazza senza inconfessabili segreti nascosti e molto amata (800 "amici" su Facebook). Laura, interpretata dalla graziosa Alycia Debnam-Carey vista nella serie tv Fear The Walking Dead e nel disaster-movie Into the Storm, si ritrova calata in un vero e proprio incubo, che prima vede la ragazza vittima di quello che sembra uno stalker informatico per poi assumere una decisa connotazione sovrannaturale con tanto di persecuzione di stampo malefico.
Friend Request - La morte ha il tuo profilo nel suo complesso è un film che regala del discreto intrattenimento mostrando però le tipiche pecche che si riscontrano spesso in registi che non hanno dimistichezza con il genere e che si riflettono su schermo in una palese mancanza di personalità. Il film scorre via su binari ben rodati di tanto horror visto e stravisto, ma purtroppo per strappare una sufficienza non bastano una bella confezione, un cast volenteroso e un finale con "tentato" colpo di scena.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere