Mercoledì 22 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Spring PDF Stampa E-mail
Scritto da Chicco D'Aquino   
lunedì 23 ottobre 2017

Titolo: Spring
Titolo originale: Spring
USA 2014 Regia di: Justin Benson, Aaron Moorhead Genere: Horror Durata: 109'
Interpreti: Lou Taylor Pucci, Nadia Hilker, Vanessa Bednar, Shane Brady, Francesco Carnelutti
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 7
Recensione di: Chicco D'Aquino
L'aggettivo ideale: Kafkiano....
Scarica il Pressbook del film
Spring su Facebook

spring.jpgLa bellezza asprigna di Polignano a Mare fa da sfondo a questo riuscito fantasy- horror, girato con finanziamenti americani, con il sostegno di Apulia Film Festival è realizzato con un budget di 504 mila euro e l’impiego di trenta professionisti di cui dieci pugliesi.
La trama è insolita e non è il caso di svelarne antefatti e sviluppi. Basti aggiungere che cose strane accadono su questo tratto di costa pugliese, accadimenti insoliti e raccapriccianti, eventi esoterici e misteriosi conditi con una miscela di suspance e romanticismo non banale.

Due ragazzi si incontrano, flirtano tra suadenti chiari di luna e passeggiate in riva al mare.
La ragazza del posto è di un’ avvenenza tutta mediterranea mentre lui arriva d’oltreoceano in cerca d’esperienze e gratificazioni e non sa che dietro l’angolo potrebbe celarsi una sorpresa ai limiti del reale, l’incontro con l’irragionevolezza della fantasia, del delirio lisergico, del rifiuto dell’umano. Prova molto convincente dei registi Benson e Justin Aaron Moorhead, considerati enfant prodige dell’horror qui alla loro prima opera “italiana”, il film ritrae il gioco amoroso di una giovane coppia appassionata della vita,che non si piega all’arbitrio dell’irrazionale,del magico e dà fiato a un rinnovato patto sentimentale fatto di speranze, attese,gioie.
L’asse centrale su cui ruota la struttura narrativa del film è la felice ricombinazione continua tra vigore e abbandono,tra estasi e caduta.
Una miscellanea ben riuscita che cattura con estremo rigore gli stati d’animo di entrambi di fronte all’imponderabile,all’ineluttabile quasi destino sacrificale ai nuovi dei dell’invisibile. Già noti per Resolution,vincitore del Mad Movies Award nel Neuchatel International Fantasy Film Festival, i due registi confezionano un horror con ascendenze tarantiniane di derivazione kafkiana. Il celebre Gregor Samsa, accompagnato dal padre Franz forse rimarrebbe stupito dalla perfezione tecnica di alcune sequenze e probabilmente non si sentirebbe troppo bene.

Ma se in Gregor la metamorfosi è la risposta e l’epilogo di un sistema sociale sottilmente coercitivo in “Spring” la bomba a orologeria irrompe con la forza devastante della Natura incontrollata, cartina tornasole di un’altra normalità, al di là di steccati normativi e allineanti. La fotografia è ben curata e contribuisce a rendere godibile la visione, così come la recitazione dei due giovani attori. Lou Taylor Pucci nei panni di Evan dà convincentemente corpo e anima alla figura di Evan, tormentato da un profondo lutto familiare, alla ricerca di quiete ed equilibrio interiore.
Nadia Hilker, la Louise del film si cala perfettamente in un ruolo impegnativo e non privo di rischi scenici. Lo scenario, a cui si aggiungono Conversano,Oria e gli scavi archeologici di Egnazia, come accennato è tra i più maestosi del nostro meridione collocato in un contesto da favola non frivola, simbolica quel tanto che basta, senza scomodare tortuose interpretazioni psicanalitiche, nel segno di un rinnovato modo di raccontare una storia non comune.
Infine, secondo Apulia Film Festival e dato da non trascurare, l' impatto sul territorio è stato pari a 127.777 euro.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere