Giovedì 21 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Alone PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 18
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
mercoledì 07 novembre 2007

Alone
Titolo originale: Alone
Thailandia: 2007. Regia di: Banjong Pisanthanakun e Parkpoom Wongpoom Genere: Horror Durata: 95'
Interpreti: Marsha Wattanapanich, Vittaya Wasukraipaisan, Ratchanoo Bunchootwong, Hatairat Egereff, Rutairat Egereff, Namo Tongkumnerd, Chutikan Vimuktananda, Chayakan Vimuktananda
Sito web: www.alone-themovie.com
Sito web italiano: www.alonethemovie.it
Nelle sale dal: 13/08/2010
Voto: 4
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Pasticciato
Scarica il Pressbook del film
Alone su Facebook

Alone“Alone”, fresco di vittoria al “Toronto After Dark”, è l’ennesima variazione sul tema delle sorelle articolata con le cadenze tipiche dell’horror-thriller, ed arriva buon ultimo dopo “A tale of two sisters”, “The evil twin” ed un’altra manciata di film, volendosi limitare al solo cinema asiatico.
Questa volta il progetto è firmato da Banjong Pisanthanakun e Parkpoom Wongpoom, la coppia di registi che aveva esordito con il riuscitissimo “Shutter”, evidentemente ansiosi di rivaleggiare con la ben più nota coppia registica thailandese formata dai fratelli Pang.

“Alone” racconta la storia di Pim che, con il marito Wee, è costretta a tornare in Thailandia dalla Corea a causa della grave malattia della madre. Una volta arrivata viene assalita dai ricordi del passato, memorie che aveva accuratamente rimosso, ed inizia ad avvertire intorno a sé una presenza malevola che non tarderà a manifestarsi nei modi consueti dell’horror orientale. Attraverso una serie di flashback veniamo gradualmente a scoprire che il fantasma che ossessiona Pim è quello di Ploy, la sorella gemella: Pim e Ploy erano infatti gemelle siamesi. La relazione tra le due sorelle è fatta di affetto profondo e totale comprensione finchè un fattore esterno non arriva ad incrinare questa armonia: il giovanissimo Wee, ricoverato nello stesso ospedale, si innamora di Pim, evento che scatena la gelosia di Ploy al punto tale da costringere Pim ad esigere di essere separata chirurgicamente dalla sorella.
Ma Ploy muore per complicazioni sopraggiunte durante l’operazione ed ora sembra essere ritornata per distruggere la vita di Pim, piena di rancore e di desiderio di rivalsa per la vita che le è stata strappata prematuramente. Ma le cose sono andate davvero così?

Come in “Shutter”, il tema è quello della colpa rimossa, da cui è impossibile fuggire e che ritorna per annichilire i colpevoli, ma questa volta i risultati appaiono assai meno brillanti. Nonostante una prima parte diretta con abilità e tutto sommato accettabile, anche per merito della bravura di Masha Wattanapanich che interpreta entrambe le sorelle, “Alone” tracolla improvvisamente nella seconda diventando totalmente implausibile da un punto di vista drammaturgico, banale da un punto di vista narrativo (twist telefonato compreso) e vagamente reazionario nel sottotesto
La reazione di Wee, il marito di Pim, è psicologicamente immotivata (dopotutto Pim è pur sempre sua moglie) e del tutto gratuita, mentre il brusco voltafaccia di Pim ha come unica motivazione il desiderio dei registi di regalarci un bel finale ottusamente e volgarmente catartico con tanto di incendio finale della casa, roba che non si vedeva sullo schermo dal tempo dei gloriosi e raffazzonati finali del ciclo Corman/Poe, mentre la scena dell’armadio, che si vorrebbe inquietante, riporta alla mente le storiche disavventure di Wile E. Coyote nei cartoni della Warner Bros.

Cosa viene fuori da questo pasticcio? Moralismo di seconda mano, odio e paura per il diverso e perbenistica punizione del colpevole, tutte cose fuori luogo in un horror degno di questo nome il cui compito dovrebbe essere quello di seminare inquietudini e non quello di ristabilire stolidamente lo status quo.
Forse è proprio per questo che in America, respirando aria di famiglia, hanno acquistato il film per farne il solito remake. Insomma, se proprio morite dalla voglia di vedervi un film sulle gemelle correte a vedervi il meraviglioso “Box” di Miike Takashi (in Three Extremes) o, al maschile, “Gemini” di Tsukamoto e lasciate perdere questa fuffa.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere