Venerdì 30 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Case 39 PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 38
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
mercoledì 11 novembre 2009

Case 39
Titolo originale: Case 39
USA, Canada: 2009 Regia di: Christian Alvart Genere: Horror Durata: 109'
Interpreti: Bruce Renée Zellweger, Jodelle Ferland, Ian McShane, Kerry O'Malley, Callum Keith Rennie, Bradley Cooper, Crystal Lowe, Adrian Lester, Georgia Craig, Cynthia Stevenson, Tiffany Knight, Cindy Sungu, Philip Cabrita, J. Winston Carroll, Mary Black, Domenico D'Ambrosio, Michael Bean, Lesley Ewen, Jane Braithwaite, Paul Duchart, Bill Mondy, David Patrick Green, Davin Mackay, Sarah-Jane Redmond, Benita Ha, Dee Jay Jackson
Sito web: www.case39movie.com
Nelle sale dal: Inedito in dvd
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Prevedibile

case39_leggero.jpgEmily Jenkins è un'assistente sociale cui viene affidato il caso di Lilith, una bambina che sembra avere problemi con i genitori. Infatti non passa molto tempo dal suo intervento che Lilith le telefona chiedendole aiuto. Emily accorre e giunge appena in tempo per salvarla da un tentativo di omicidio, messo in atto dai suoi genitori. Lilith viene così affidata a Emily, la quale presto scopre che la ragazzina ha degli strani comportamenti.

E' noto ormai a tutti che gli operatori sociali sono degli ingenui. Nei film americani, psicologi e assistenti sociali, spesso vengono abbindolati da tutta una progenie demoniaca, la quale si infiltra nelle crepe della formulazione freudiana dell'infante inteso come perverso polimorfo, del tutto ignorata da quelle parti. E questo, in genere, porta a una serie di fraintendimenti che sfociano spesso in carneficine molto divertenti. Ma non è questo il caso. Divertente, si intende.
Perchè per quello che riguarda tutto il resto, il copione è rispettato in pieno.

L'operatrice di turno, appena mette piede in una casa dove dei degenerati genitori mettono al forno la loro pargoletta, pensa immediatamente ad Hansel e Gretel.
Ma lo spettatore un pochino meno influenzato dal buonismo di chi rimane puro, nonostante il lavoro sporco che gli tocca svolgere, immagina già in quel momento che ci sia una ragione.
O almeno quelli svegli si chiedono come mai un genitore metta nel forno la figlioletta, senza che ci sia una carenza di approvvigionamenti in vista.
Da questo momento in poi, e precisamente nell'istante in cui la piccola Lilith si installa in casa di Emily, la psicologa di buon cuore che l'aveva tirata fuori dal forno, lo spettatore si chiede quanto ci metterà la poveretta a decidersi a rimettercela dentro.
Intanto Lilith non è esattamente il nome di un angioletto, e questa qui di angelico ha veramente poco.
La monumentale prova di Jodelle Ferland ci regala una delle più inquietanti tra le piccole, mostruose creature dell'ultimo cinema horror. Lontana anni luce da quello scherzo scappato dal circo Barnum che è la protagonista di Orphan.
La Lilith di Jodelle è l'unico motivo per guardare l'ennesima storia di bambini demoniaci, che in sè non ha davvero nulla di nuovo. Il suo solo paventare l'incubo di tutti i genitori ostaggio delle pretese da shopping compulsivo dei loro pargoli, è in sè un capolavoro di angoscia.

Mentre Renée Zellweger, non esattamente una grande attrice, in questo caso riesce a dare l'impressione di passare di lì per caso, e di mettere tutta la sua attenzione nel sembrare dolce e materna. Oltre che del tutto stupida. O troppo buona per questo mondo cattivo, in cui i bambini non sono più quelli di una volta.
La tensione, che si auspica accompagni storie simili già dai tempi gloriosi del Presagio, è qui del tutto assente.
Ogni singola azione del piccolo mostro viene presto soffocata dallo sbadiglio che lo spettatore tenta invano di sopprimere, per riguardo a un regista che non è del tutto un principiante. Antibodies non era così brutto.
O forse è passato troppo tempo e si tende a idealizzare. Chissà.
Certo è che la storia trita e la rappresentazione poco ispirata creano non poche difficoltà a chi voglia arrivare fino in fondo alla pellicola. Giusto per capire come finirà.
Anche se è prevedibile, in questo caso pure certo, che finirà in maniera del tutto ovvia.
Data la totale assenza di originalità in tutta la pellicola.
Ma tant'è, adesso è tornato di moda il bambino cattivo, posseduto come in Dorothy Mills, o semplicemente sociopatico, modello Joshua, poco importa. Quel che conta è che, a giudizio degli sceneggiatori d'oltreoceano, è ormai giunto il momento di smettere di caldeggiare le esportazioni di democrazia e paranoia e dedicarsi seriamente alla costruzione di una serena atmosfera familiare. Così tanto per dare un ulteriore brivido all'americano medio, ormai abituato a non fidarsi nemmeno più dei suoi figli.

 

Commenti  

 
+12 #1 LucaNuovi 2011-01-10 01:40
A me francamente il film ha convinto, come, d'altronde, anche nella maggior parte dei forum si legge. Il fatto è che Anna Maria Pelella vive e gode nel scrivere e commentare e dimostrarsi superiore delle fatiche (in questo caso cinematografich e) altrui. Tra l'altro, dato che sono del mestiere, intuisco che la signora qui presente se le si dà una macchina da presa in mano non saprebbe manco riconoscerla. C'è troppa Anna Maria Pelella sul web e su troppi siti a scrivere di film. Basta....
Citazione
 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere