Giovedì 21 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Coming Soon PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 18
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
venerdì 17 aprile 2009

Coming Soon
Titolo originale: Coming Soon
Thailandia: 2008 Regia di: Sopon Sukdapisit Genere: Horror Durata: 95'
Interpreti: Worakan Rojanawat, Chantawit Tanasaewe, Sakulrath Thomas
Sito web ufficiale:
Sito web italiano: www.comingsoonthemovie.it
Nelle sale dal: 06/08/2010
Voto: 4
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Inutile
Scarica il Pressbook del film
Coming Soon su Facebook

Coming SoonUn film horror tratto da una storia vera sta per esser proiettato nelle sale.
Ma durante la proiezione in anteprima accade qualcosa di strano. Tutte le persone che vi hanno assistito spariscono senza lasciare tracce. Così Chen, pirata informatico che approfitta del suo lavoro presso la sala cinematografica per vendere in anteprima i film in uscita, si mette sulle tracce della storia originale.

Chen è un pirata informatico che vende i film alla criminalità organizzata, e una sera si trova a discutere col suo socio sull'opportunità di doppiare il nuovo horror in uscita nella sala presso cui i due lavorano.
Evil Spirit, questo il titolo che prossimamente uscirà nelle sale della città, racconta di una donna impazzita che, avendo perso i suoi figli, rapisce quelli degli altri e li acceca.
I familiari dei bambini rapiti irrompono nella sua casa e, dopo averla sfregiata, la impiccano.
Curiosamente le persone che hanno assistito alla proiezione in anteprima spariscono e Chen, insieme a Som la sua ex ragazza il cui fratello è tra gli scomparsi, indaga sulla storia originale.
Quello che finiranno per scoprire potrebbe anche esser un discreto finale per la storia leggermente derivativa che ci troviamo di fronte, ma il tutto viene sciupato da un eccesso di effettacci, e da una recitazione decisamente troppo enfatica persino per un horror di serie b.

Prima esperienza di regia per Sophon Sakdaphisit, già autore dello script di Shutter e di Alone, Coming Soon avrebbe in teoria tutte le carte in regola per esser definito un discreto film horror, ma alla fine quello che convince di meno lo spettatore è una certa ingenuità nella rappresentazione e un uso massiccio degli stereotipi del genere, che finiscono per soffocare tutto il potenziale di coinvolgimento che si intuiva nei primi fotogrammi.
Ovvio che da un regista alle prime armi ci possa aspettare il saccheggio delle idee più innovative degli ultimi dieci anni di cinema asiatico, ma quello che proprio non ci sembra il caso di infliggere allo spettatore sono un totale di novanta minuti di gente che gira a vuoto con la bocca spalancata e che viene braccata da una tizia impiccata, brutta come il peccato, che infesta pure la doccia di uno dei protagonisti.

Il tentativo di istillare ansia tramite lo scarso uso delle luci, finisce soffocato dall'incredibile comicità involontaria del fantasma che, complice un eccessiva presenza in scena, rende patetico il panico apertamente simulato dai protagonisti, i quali alternano espressioni di candido stupore a silenzi che si vorrebbero carichi di pathos, ma che stimolano nell'annoiato spettatore soltanto l'ennesimo controllo del minutaggio.
La ricerca delle fonti, punto forte di un capostitpite del J-horror: l'arcinoto Ring (Ringu 1998) di Nakata Hideo, qua assume connotati grotteschi, non tanto per il fatto che non ci sia niente da trovare, quanto per la rappresentazione del tutto priva di tensione.
Il contesto metafilmico poteva senz'altro essere un buon terreno di gioco per creare uno schermo su cui proiettare le peggiori ansie circa il destino dei pirati informatici colti sul fatto, ma la scelta di emulare milioni di altri modi per rappresentare un concetto semplice, come può esser quello della caccia sovrannaturale, uccide ogni idea di coinvolgimento dello spettatore che risulta assai più smaliziato degli ingenui protagonisti.

E se l'idea finale, che comunque non è certo originale, può in parte motivare il tempo passato a guardare dei pessimi attori in una sorta di omaggio agli horror asiatici degli ultimi dieci anni, è certo che il sottofinale metafilmico, relegato all'interno della pellicola e demandato alla brutta faccia del fantasma meno spaventoso della storia, rendono ancora una volta inutile tutti gli sforzi dello spettatore di regalare la tanto sospirata sospensione dell'incredulità, che qui viene facilmente sostituita da un sonoro sghignazzo finale.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere