Giovedì 23 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Deranged PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 27
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
mercoledì 03 ottobre 2012

Titolo: Deranged
Titolo originale: Yeongasi
Corea del Sud: 2012. Regia di: Park Jung-woo Genere: Horror Durata: 109'
Interpreti: Kim Myung-min, Kim Dong-wan, Moon Jung-hee, Lee Ha-nui, Jeon Kwuk-hwan
Sito web ufficiale: www.hancinema.net/korean_movie_Deranged
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Allegorico
Scarica il Pressbook del film
Deranged su Facebook

deranged_leggero.pngYim Jae-hyeok è un professore di chimica che lavora come impiegato in una società farmaceutica. Un giorno nella zona di Gangwon Do affiorano nel fiume alcuni cadaveri, disidratati e in avanzato stato di denutrizione.
Ben presto il fenomeno si estende a tutto il paese, e Jae-hyeok sarà costretto a una corsa contro il tempo per salvare la moglie e i due figli.

Un’appropriata tagline per “Deranged” potrebbe essere: “l’horror ai tempi della recessione”. Cinema politico sotto le mentite spoglie dell’horror epidemico, in cui i fattori economici sono basilari tanto per comprendere il contesto sociale in cui si muovono i personaggi, quanto nel definire e motivare la struttura della narrazione.

Jae-hyeok ha perso tutti i propri risparmi in azzardate speculazioni finanziarie, e ora si trova costretto ad accettare un lavoro che detesta. Malgrado la moglie si offra di aiutarlo trovando un impiego come cassiera in un supermercato, Jae-hyeok preferisce sobbarcarsi tutti gli oneri del capofamiglia, anche se questo significa non avere il denaro sufficiente per portare il proprio figlio al luna-park nel giorno del suo compleanno.
Il fratello Jae-pil è un detective della polizia riottoso e scansafatiche il quale, come notano i colleghi, lavora solo per pagare i debiti; anche la sua relazione con Yeon-joo è giunta a un punto morto, dato che la propensione di Jae-pil per gli investimenti fallimentari ha portato la coppia a non avere risorse sufficienti per affrontare le spese del matrimonio o per accedere a un mutuo.
In questo panorama tutt’altro che rassicurante, che riflette la sussultoria agonia di un sistema economico votato all’autodistruzione, s’inserisce l’elemento marcatamente horror, nelle modalità ormai consolidate del filone catastrofico/pandemico (l’esempio più recente è il “Contagion” di Soderbergh), già declinato anche in forme verbosamente metaforiche (“Blindness” di Meirelles).

Ma qual è la causa della morte di tante persone, che si gettano freneticamente in acqua come un branco di lemming? Si tratta forse, come inizialmente ventilato, di un’arma chimica nordcoreana o, come nel buon vecchio horror ecologista, degli scarichi tossici di una qualche multinazionale?
In questo caso la risposta è differente, e anche più adeguata ai tempi: il responsabile è un parassita (Yeongasi) che si annida nell’intestino e arriva a controllare il cervello della vittima, costringendolo a comportamenti irrazionali che conducono all’autodistruzione dell’ospite e alla moltiplicazione dell’agente infestante.
Lo Yeongasi, che certamente ci ha già contagiato tutti da un bel pezzo, spinge l’ospite a sovralimentarsi consumando enormi quantità di cibo, per poi successivamente indurlo al suicidio tramite l’annegamento. Malgrado l’ipernutrizione, la vittima appare denutrita, letteralmente ”prosciugata” in una vampirizzazione che non è solo fisica ma anche economica. Si tratta insomma dell’oggettivazione del vecchio assioma: nasci, consuma, crepa.

E allora le motivazioni che stanno alla base della creazione di questa versione geneticamente modificata del parassita non potranno che essere dettate dall’avidità. Lo Yeongasi non solo è fondamentale nel perpetuare lo status quo, che vede il suddito/consumatore subire con vorace entusiasmo le logiche consumistiche del mercato, ma influenza le oscillazioni delle quotazioni di borsa, nello specifico quelle della casa farmaceutica Jo-Ah, la quale produce l’unica medicina efficace ma non è disposta a renderne pubblica la formula, a meno di un sostanzioso investimento economico del governo coreano.
In tempi in cui economia e finanza decidono del destino di intere nazioni, non stupisce che il denaro sia l’argomento principe nelle conversazioni tra i personaggi: per salvaguardare gli interessi economici della zona il sindaco di Gangwon Do, rinomata località turistica, omette di raccontare l’inquietante episodio che ha dato il via all’epidemia; ancora per denaro, le confezioni di Windazole vengono vendute a prezzi altissimi al mercato nero; sempre per denaro, migliaia di persone vengono condannate a morte per far levitare le quotazioni della Jo-Ah.

Come chiosa Jae-hyeok nel prefinale: “So che il denaro è importante, ma non dovremmo permettergli di prendere il posto dell’umanità”. Con una regia asciutta e dal taglio semidocumentaristico, Park Jung-woo (Dance with the Wind) impagina un film di genere che è anche un freddo commentario sulla contemporaneità, richiamandosi al miglior horror “politico” degli anni ’70, quello di Hooper, Craven e Romero, in cui la critica sociale andava di pari passo con l’innalzamento del livello di gore. “Deranged”, che oltretutto può contare sull’ottima prova di Kim Myung-min (Man of Vendetta, Sorum) nel ruolo di un frustrato “ordinary man” sopraffatto dagli eventi, sarà prossimamente presentato al Festival di Sitges.

 

Commenti  

 
0 #2 Skyline 2012-10-04 08:34
Ottima recensione. Il rammarico è che film come questi non verranno mai distribuiti nelle nostre sale a scapito di oscenità come i Cinepanettoni! Meditate gente... meditate...
Citazione
 
 
0 #1 Marco 2012-10-03 14:05
Bellissima recensione che rende giustizia a un film decisamente intrigante! Nicola Picchi è una certezza, ogni sua recensione è oro colato per chi ama il cinema asiatico! Bravo!
Citazione
 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere