HOME arrow ARTICOLI CINEMA: arrow Horror arrow Final Destination 5
Lunedì 27 Marzo 2023
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Final Destination 5
Scritto da Dario Carta   
martedì 20 settembre 2011

Final Destination 5
Titolo originale: Final Destination 5
USA: 2011. Regia di: Steven Quale Genere: Horror Durata: 95'
Interpreti: Nicholas D'Agosto, Emma Bell, David Koechner, Tony Todd, Courtney B. Vance, Jacqueline MacInnes Wood, Miles Fisher, Arlen Escarpeta, P.J. Byrne, Ellen Wroe, Tanya Hubbard
Sito web ufficiale: www.finaldestinationmovie.warnerbros.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 07/10/2011
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Fatalistico
Scarica il Pressbook del film
Final Destination 5 su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

"La Morte rivuole il suo"

Final Destination 5Dell'arte di morire,il cinema si fa maestro e prolifico cantastorie in ogni pagina del libro dello spettacolo di ieri e di oggi. Si muore d'amore e in guerra,si muore vittima e carnefice,si muore subito o nell'agonia,si muore nel rimpianto o nella gloria.
Si muore sempre anche in "Saw" e in "Final Destination",ma mentre "Saw" occupa le posizioni affollate del "Torture Porn",nella serie dei "Final Destination" echeggia il memento mori dell'ineluttabilità degli eventi,l'alito caldo della paura senza volto che fiata la sua morte nella silenziosa cronaca appena sussurrata da un Fato paziente e inevitabile.

E' il cinema tessuto nella ferocia inumana dell'incontrollabile,dove la violazione psicologica dell'innocenza sottende valori paranormali e gli elementi inquieti dell'incertezza.
In "Saw" è l'individuo che si annienta,invaso dal karma mortale dell'uccidi o muori,in un equilibrio impazzito fra moralismo e delirio.
In FD non si è padroni di nulla e si danza alle note del lugubre canto del destino in attesa in quel luogo e in quel tempo. "FD5" non azzarda suggerimenti fuori dalla formula che definisce la serie.

Pervaso anch'esso dal respiro del fatalismo,il lavoro di Steven Quale,regista della seconda unità dello staff di Cameron in "Titanic" e "Avatar",manca del fascino ambiguo ed esoterico del primo episodio,componente emotiva già col fiato corto nei film successivi e fissa lo sguardo,con maggior successo,su un'espressione più tattile e percettiva,declinando un mistero annunciato e già risolto con la virtù visiva di una suggestiva spettacolarità,offerta fin dagli ipnotici titoli di testa e riproposta a seguire in sequenze di sorprendente grandiosità virtuale.

Sam (Nicholas D'Agosto),in viaggio con i suoi colleghi di lavoro su un autobus,ha una premonizione:il ponte su cui il mezzo sta per passare crollerà e il disastro porterà con sè le vite di molti passeggeri. Svegliatosi dal sogno,il ragazzo esorta subito gli amici a scendere dal bus e non proseguire il viaggio,ma chi deciderà di non ascoltarlo,resterà vittima del presagio diventato realtà.
Ma tutti i sopravvissuti,la fidanzata di Sam Molly (Emma Bell),Peter (Miles Fisher),suo miglior amico e la sua ragazza Candice (Ellen Wroe) e gli amici Isaac (P.J. Byrne),Olivia (Jacqueline MacInnes Wood) e Nathan (Arlen Escarpeta),pagheranno un debito dovuto,uno ad uno e nell'ordine prestabilito.

Il regista fissa l'attenzione su particolari e dettagli di cui infittisce la narrazione,segni premonitori vibranti dell'energia di un linguaggio simbolico,mezzo che veicola il messaggio finale,l'ultimo traguardo conosciuto,le braccia aperte ad accogliere l'ospite sempre aspettato nell'appuntamento di quell'istante e mai disatteso. In un catalogo di caratterizzazioni adolescenziali completo in ogni sua parte,si innestano fasci di di sequenze altamente spettacolari,quale la scena del crollo del ponte,percorse da fremiti di forte intensità fisica ma debole urgenza drammatica.
Ma questo sembra essere poco rilevante in un lavoro che fruga fra i ricordi del cinema catastrofico dei ''70,con nervi e carne dello spettacolo di questo tempo e teso a dar corpo ad un compromesso che lusinghi occhio e cuore di un pubblico che oggi ha voglia e paura di vivere il senso del destino nella occulta dimensione di un'avventura umana fuori dall'umano.
Centrato sulla morte,il lavoro di Quale dimentica l'uomo e il tessuto del film si smaglia nelle analisi sui protagonisti,"secondi fuori" nel gioco del fato e delle sue sentenze.

"Alla morte non piace essere ingannata",dice il coroner Bludworth (Tony Todd),sempiterna figura nella saga,ai ragazzi scampati al disastro e aggiunge che "su quel ponte voi avete cambiato le cose.
E' una crepa nella realtà e la crepa siete voi,che dovete essre morti.Avete lasciato che altre persone fossero portate via dalla morte al vostro posto!"). Sam,Peter,Molly,Candice,Olivia,Isaac,Nathan sono ai margini dell'abisso che si affaccia sull'oscurità,dove precipitano senza lasciare traccia di sè,a beneficio della luce livida che esplora l'iperbole sulla casualità degli eventi in atroce aalternativa alla predestinazione.

Sangue e trash non hanno la meglio in un lavoro in bilico conflittuale tra pigrizia creativa ed effetti spettacolari. In FD5 sono i giovani attori a scaldare il fuoco tiepido di una storia già letta e illuminata dalla luce tenue e distratta della ripetizione,ma il loro respiro accompagna il racconto all'incontro fra sorridente condiscendenza e piacevole spettacolarità.

 

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere