Domenica 29 Gennaio 2023
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Frontiers - Ai confini dell'inferno PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 8
ScarsoOttimo 
Scritto da Denis Zordan   
lunedì 03 novembre 2008

Frontiers - Ai confini dell'inferno ("Vincitore del Ravenna nightmare film fest")
Titolo originale: Frontiere(s)
Francia: 2008. Regia di: Xavier Gens Genere: Horror Durata: 108'
Interpreti: Karina Testa, Aurélien Wiik, Patrick Ligardes, David Saracino, Maud Forget, Samuel Le Bihan, Chems Dahmani, Amélie Daure, Estelle Lefébure, Rosine Favey, Adel Bencherif, Joël Lefrançois, Hervé Berty
Sito web: www.frontieres-lefilm.com
Nelle sale dal: 07/11/2008
Voto: 4
Trailer
Recensione di: Denis Zordan

frontieres_leggero.jpegNon basta mostrare scontri politici a sfondo razziale, o fare “nera” (di sangue e di merda) Karina Testa, per occhieggiare seriamente a Salò; così come non è sufficiente dipingere con mano trucidissima l’ennesima famiglia di pazzi omicidi e cannibali, appendendo i cadaveri nella solita macelleria improvvisata, per riscrivere all’europea The Texas Chainsaw Massacre, già omaggiato senza forza dalle riletture cool degli ultimi anni.

So di essere in nettissima minoranza (anche se in ottima compagnia) tra gli appassionati dell’horror, però quando l’altra sera a Ravenna ho sentito Deodato (Ruggero, tu quoque?) proclamare Frontière(s) film vincitore del concorso, ho avuto un moto di stizza: questo lavoro d’esordio di Xavier Gens si sta conquistando una fama del tutto immeritata.
E in Italia, dove esce con ritardo imbarazzante, potrebbe persino diventare un testo di riferimento per la critica e, ahinoi, per qualche sconsiderato regista alle prime armi.

Rischierò la scomunica dai patiti del “purché sia splatter”, ma ritengo che Frontière(s) sia un pessimo film, degno campione di una pretestuosa nouvelle vague dell’horror francese (forse sarebbe meglio dire francofona, comprendendo anche Calvaire del belga Fabrice du Welz: il quale, da parte sua, ha ugualmente deluso all’opera seconda con il pallido Vinyan visto a Venezia).
È innanzi tutto una questione, sarà passatista dirlo, di morale dello sguardo: quante delle atrocità copiosamente esibite da Gens servono veramente ad inquietare e non, piuttosto, a mostrare più di tutti, più di tutto il cinema contemporaneo, neanche dovessimo stabilire il nuovo record mondiale di truculenze assortite?
A mancare, a questo Frontière(s), è proprio l’inquietudine, fin dai primi minuti di film.
Il sottotesto degli scontri parigini (utilizzato in modo davvero scadente) non ha che una labile connessione col resto della storia, e serve soprattutto al regista per acquisire alla sua opera una patente d’autore.
Così come il bambino che la Testa porta in grembo è solo ulteriore carne buttata sul fuoco senza riflettere a fondo e seriamente sulle implicazioni. Gens non è mai modesto e dimostra per ogni dove le sue altissime aspirazioni autoriali. Quando il ridicolo pater familias nazista sciorina le sue prevedibili – e ormai banalissime – battute, è ormai evidente che si va verso il più totale, e letterale, bagno di sangue.

La protagonista che si nasconde tra le salme appese in macelleria, che dire? non è più nemmeno citazionismo, ma lungaggine (il film dura la bellezza di 108 minuti, che sembrano eterni), anche se, va ammesso, quando Samuel Le Bihan ci lascia le penne sulla sega, un moto di compiacimento gore il cinefilo horror lo può provare.
È però solo un lampo dentro un’opera che tradisce presunzione ad ogni fotogramma: laddove Pasolini e Hooper avevano il coraggio di essere davvero estremi e sgradevoli, Gens è solo ambizioso ed esibizionista.
E se il suo film finisce in un massacro, è più per convenzione narrativa che per autentico pessimismo.
Non sarà certo un Frontière(s) qualsiasi a raccontarci l’orrore dell’Europa che non si scolla dal suo passato nero: di questo si può essere ragionevolmente certi. E quindi, per favore, lasciamo stare Salò e Non Aprite Quella Porta, che hanno segnato un’epoca, e che avevano ben altre carte da giocarsi.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere