Martedì 31 Gennaio 2023
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Il rito PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 81
ScarsoOttimo 
Scritto da Gianlorenzo Franzì   
martedì 15 marzo 2011

Il rito
Titolo originale: The Rite
USA: 2011. Regia di: Mikael Håfström Genere: Horror Durata: 114'
Interpreti: Anthony Hopkins, Colin O'Donoghue, Alice Braga, Toby Jones, Ciarán Hinds, Rutger Hauer, Maria Grazia Cucinotta, Chris Marquette, Torrey DeVitto, Marta Gastini, Andrea Calligari, Marija Karan, Arianna Veronesi
Sito web ufficiale: www.whatdoyoubelieve.warnerbros.com
Sito web italiano: wwws.warnerbros.it/therite/index.html
Nelle sale dal: 11/03/2011
Voto: 4
Trailer
Recensione di: Gianlorenzo Franzì
L'aggettivo ideale: Pasticciato
Scarica il Pressbook del film
Il rito su Facebook

Il ritoMichael Kovack (Colin O'Donoghue) discende da una famiglia dove o fai il becchino o fai il prete: se allora non apprezza più imbellettare i cadaveri, è logico (…) che decida di prendere i voti.
Ma il sacerdozio non fa per lui, e poco prima degli esami finali invia una lettera di dimissioni perché sente che la sua fede non è solida come dovrebbe: lettera che il suo padre superiore puntualmente non accetta perché sente in lui qualcosa di speciale, dopo averlo visto impartire la benedizione ad una ragazza morente in un incidente stradale.
E decide quindi di invertire le cose: per fargli credere in Dio, lo farà credere nel Demonio, inviandolo a Roma a seguire un corso per esorcisti. Ma proprio nella capitale incontrerà Padre Lucas (Anthony Hopkins) che lo porterà con lui in una serie di terrificanti esorcismi. Allora, le sue convinzioni vacilleranno…

Pasticciaccio brutto in salsa mistica: la paura del Diavolo è dura a svanire, come anche l’offerta di film sull’argomento. E anche se dal 1973 che difficilmente qualcuna ha saputo dire qualcosa in più o meglio di William Friedkin, è pur vero che in tanti ci provano. Ultimamente l’ha fatto Daniel Stramm con il convincente “L’Ultimo Esorcismo”, ennesimo mockumentary (o quasi) che sapeva però essere anarchico e sovversivo; e visto che un film non si nega a nessuno, l’autore del sopravvalutato 1408 ci prova ed è un disastro.
Sgomberiamo il campo da ogni dubbio, si dica subito che questo “Rito” è un quasi remake dell’ “Esorcista” capostipite, visto che gli ingredienti ci sono tutti: dalla coppia prete vecchio/prete giovane che porta con sé il dualismo fede/scetticismo alla ragazzina posseduta con tanto di frasario a base di oscenità sessuali, fino al riferimento al genitore che comunica tramite il dèmone dall’aldilà. Peccato che manchi un territorio autorale autonomo, perché il film di Håfström vive -male- di rendita, sfruttando un immaginario di riporto senza riuscire ad aggiungere nulla, brividi compresi.
E allora giù con citazioni papali, frasi ad effetto (“questo film si basa su una storia realmente accaduta”), rumori improvvisi che cercano di sollecitare il balzo sulla sedia, e ancora immagini raccapriccianti, richiami ad una spiritualità sempre di riporto, tentativi di riportare il tutto ad una dimensione meno orrorifica e più psicologica.

Ma il tentativo rimane tale, specie se la storia non fa altro che snodarsi lungo un percorso fatto solo di luoghi comuni, mascherati con una certa abilità registica e con immagini oniriche che però non restituiscono mai quel ricercato senso di perturbante. Håfström si dimostra amante della pioggia visto che spesso i suoi personaggi per risultare più drammaticamente smarriti sono inondati da diluvi torrenziali; ma purtroppo poco amante di tv e serial, visto che i suoi becchini non hanno un’oncia della credibilità del “Six Feet Under” di Alan Ball.
E allora se la sceneggiatura è traballante, se i dialoghi sono risibili, se il film di paura non fa paura, cosa resta? Le prove degli attori sono superflue, considerando che Alice Braga sembra raccomandata e il protagonista O'Donoghue ha l’aria di chi passa lì per caso, vittima di un folle caso di miscasting (forse doveva finire sul set di “Dylan Dog”, visto che almeno l’aria sofferta ma non sofferente la imita meglio di Brandon Routh…): e peccato ancora una volta per Anthony Hopkins, che oltre a non azzeccare un ruolo dopo Hannibal Lecter sembra imprigionato nei panni del suo personaggio più celebre, e pur recitando bene non riesce mai a distinguere la sua recitazione dall’idea di immaginetta che ormai si ha di lui.

E se a questo aggiungiamo i tristi camei di Cecilia Dazzi e Maria Grazia Cucinotta, da inserire in un’idea di Italia piuttosto sciatta ed involgarita, fatta solo di colossei, vigili convulsi e folla rumorosa, visto che i soldi del biglietto non tornano indietro lamentiamoci almeno per il tempo perduto.

 

Commenti  

 
0 #5 artemisia 2012-07-04 10:33
ottima recensione....film decadente, orripilante, mistificato, malfamato, risicato, misero , lontanissimo dalla vera spiritualita-
Citazione
 
 
-1 #4 Valentina79 2011-05-13 11:27
Pessima recensione!
Una visione di chi ha la presunzione di voler spiegare tutto ad ogni costo!
La lotta tra il bene e il male è una realtà più che vera e attuale che non vede solo chi come il recensore Franzì vuole ridurre tutto a una banale e quasi ridicola spiegazione!
Per comprendere determinati messaggi ci vuole FEDE, SCETTICO!
Citazione
 
 
-2 #3 Valentina79 2011-05-03 09:30
Pessima recensione!
Una visione che ha la presunzione di voler spiegare tutto ad ogni costo!
La lotta tra il bene e il male è una realtà più che vera e attuale che non vede solo chi come il recensore Franzì vuole ridurre tutto a una banale e quasi ridicola spiegazione!
Per comprendere determinati messaggi ci vuole FEDE, SCETTICO! :-)
Citazione
 
 
+5 #2 Maria Elisa 2011-03-31 10:28
Dissento completamente da questa recensione. Come si fa a definirlo un semplice "remake" dell'"Esorcista"? Ci sono alcuni richiami, ma lo stile è lontano anni luce. Estremamente più "garbato" e verosimile, non mira a inorridire lo spettatore ad ogni costo. Gli attori sono bravissimi, in particolare la "ragazza indemoniata", che interpretato magistralmente la sua parte. La trama è ben strutturata e coerente. La psicologia, a mio parere, è la vera base di questo film, che non può essere definito banalmente un film di paura. Insomma, un capolavoro, e mi sembra strano che questa recensione lo liquidi così. Forse, di quetso film, ti ha dato fastidio la "salsa mistica?" Eppure dovresti sapere che l'atavica lotta tra il bene e il male, nel caso degli esorcismi, può esplicarsi solo all'interno della Chiesa. Forse qualcuno è infastidito dall'immagine positiva dei sacerdoti che emerge da questo film. In tal caso, se si hanno simili pregiudizi, è meglio evitare di guardare film di questo genere.
Citazione
 
 
+7 #1 dario carta 2011-03-17 10:30
Ben scritto.
Con competenza.
Bravo.
Dario
Citazione
 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere