HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Horror arrow La casa del diavolo
Domenica 29 Gennaio 2023
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
La casa del diavolo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Mauro Corso   
domenica 21 gennaio 2007

La casa del diavolo
USA-GERMANIA: 2005. Regia di: Rob Zombie Genere: Horror Durata: 101'
Interpreti: Sid Haig, Bill Moseley, Sheri Moon, William Forsythe, Ken Foree, Matthew McGrory
Recensione di: Mauro Corso

copia_di_thedevilsrejects.jpgA quasi un anno dall'uscita nelle sale statunitensi finalmente arriva anche in Italia "La Casa del Diavolo", scritto e diretto da Rob Zombie, già autore de "La Casa dei 1000 corpi" (2003). In effetti la "Casa del diavolo" riprende le gesta della famiglia Firefly, un gruppo di efferati serial killer responsabili di un numero imprecisato di rapimenti ed omicidi a sfondo rituale e sessuale. Ma in questo caso i Firefly, guidati anche stavolta dal Capitano Spaulding (Sid Haig) sono le prede e non i cacciatori. Lo sceriffo Wydell li insegue implacabilmente per vendicare la morte del fratello. "La casa dei 1000 corpi" già aveva imposto il Rob Zombie regista all'attenzione del pubblico e della critica, anche se il musicista aveva comunque diretto alcuni videoclip per i White Zombie e poi per se stesso una volta intrapresa la carriera di solista. Anche la sua musica si caratterizza per il suo forte legame con il cinema horror (si noti l'abbondanza di campionature dalle pellicole che evidentemente ama di più). Tanto per fare un esempio basti citare il video di "Living dead girl" con riferimenti che spaziano dal "Gabinetto del Dottor Caligari" (1920) fino a "Wes Craven" (La casa sulla collina, 1972) e oltre. Ma "La Casa dei 1000 corpi" nella sua fantasmagoria per certi aspetti sembrava il risultato di una giustapposizione di video musicali, incubi ed impressioni da viaggio narcotico. Questo limite viene superato completamente ne "La Casa del Diavolo", un film on the road, una lunga resa dei conti tra la famiglia Firefly (evidentemente ispirata alla famiglia Hewitt del "Texas Chainsaw Massacre" di Tobe Hooper) e lo sceriffo Wydell, in un clima che sembra evocare le atmosfere del cinema di Sam Peckinpah, ed in particolar modo Pat Garrett & Billy the Kid, film violento, sensuale e permeato da un sentore di morte che aleggia incombente su tutti i personaggi. Qui questo alone è amplificato da elementi appartenenti al mondo dell'occulto, tra cui spicca in particolare la testa di maiale in putrefazione all'entrata della fattoria dei Firefly, che ricorda la manifestazione di Belzebub nel "Signore delle mosche", il romanzo di William Golding uscito nel 1954. "La Casa del diavolo" a livello visuale è molto legato agli anni '70 nelle luci, nei colori, nelle transizioni secche e meccaniche nella loro essenzialità, così come pure la colonna sonora, sospesa tra impressioni country e rock anch'esso anni '70. Indimenticabile la lunga sequenza finale sulle note di "Free Bird" di Lynyrd Skynyrd, che sembra discendere come la spada di un arcangelo. E ricorda allo stesso tempo le note di Bob Dylan in Billy the Kid: "Billy, non vogliono che tu sia libero". Ma "La Casa del Diavolo" non è soltanto un film sulla vendetta, è anche uno splatter (molto moderato per la verità) ed è comunque permeato dalla grottesca ironia che aveva caratterizzato la prima opera di Rob Zombie, con dialoghi che sono destinati a diventare memorabili nella loro allegra crudezza. Una delle scene più belle è quella in cui viene interpellato un critico cinematografico (Captain Spaulding è il nome di un personaggio di Groucho Marx), personaggio quanto mai ridicolo ed inutile nelle sue conoscenze delle varie interconnessioni cinematografiche. "Di certo la tua conoscenza delle stronzate è illimitata" è la frase che si sente dire dallo sceriffo Wydell. Nel cast si può notare la presenza di numerosi caratteristi immediatamente riconoscibili tra cui spicca (in tutti i sensi) Matthew McGrory, il gigante di "Big Fish" e di "Carnivale" scomparso nel 2005. È perfettamente inutile affermare che come pellicola di genere "La Casa del Diavolo" è destinato a diventare un cult-movie. Lo è già.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere