HOME arrow HOME VIDEO: arrow Horror arrow La Llorona - Le lacrime del male (Blu Ray)
Sabato 21 Settembre 2019
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
godzilla_2_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
la_llorona_728x120_top.jpeg
La Llorona - Le lacrime del male (Blu Ray) PDF Stampa E-mail
Scritto da Davide Sorghini   
mercoledì 04 settembre 2019

Titolo: La Llorona - Le lacrime del male
Titolo originale: The Curse of La Llorona

Caratteristiche del Blu Ray in vendita dal 28 Agosto 2019.

Il film.
Messico 1673: una donna bellissima non regge all'affronto di essere tradita dal marito e, per vendicarsi dell'uomo,la_llorona_blu_ray.png in un momento di follia decide di togliergli ciò che di meglio i due erano riusciti a concepire da quella unione apparentemente perfetta: i due figlioletti adolescenti, che la donna uccide annegandoli in un ruscello.
Poi pentita, si trasforma in un essere dannato perennemente condannato alla ricerca di altri due infanti da sostituire ai suoi, nel tentativo di riacquistare la serenità perduta.... Trecento anni dopo, nel 1973, in una grande metropoli americana, una assistente sociale vedova di un poliziotto ucciso in missione, si prende cura del caso di una donna messicana che vive di stenti cercando di mantenere la podestà sui due figlioletti.
Ma quest'ultima, ultimamente, si comporta in modo strano e nemmeno l'intervento della nostra assistente sociale solerte e premurosa riesce ad evitare il peggio: prima i bimbi vengono trovati chiusi barricati in un armadio, poi la notte successiva, ritrovati morti ammazzati sul greto cementato di un fiume. La madre, sconvolta e predisposta ad addossare la colpa sulla sua assistente, intervenuta maldestramente a sottrarre i bambini dalla protezione della genitrice, si difende sconvolta adducendo alla presenza della fantomatica e ormai leggendaria Llorona, donna piangente e rancorosa di cui sopra, figura oggetto di molteplici storie nere di lontana origine popolare, che si attacca alle famiglie con bambini per cercare di sfogare la sua dannazione. Il problema è che lo spirito insaziabile ed indomabile di quella donna, non è solo una leggenda, ma esiste per davvero, e questa volta è intenzionato a legarsi alla famiglia della assistente sociale, non a caso madre pure lei di due bambini oggetto di estremo interesse per quel demone....
L'opera d'esordio del regista Michael Chaves nasce sotto la fortunata e lungimirante ala produttiva del celebrato regista James Wan, noto per alcune riuscite incursioni horror spesso ambientate nei '70 (tra i suoi film, si ricordano Insidious, The Conjuring 1 e 2, la supervisione e produzione di Annabelle, tutti i film in qualche modo collegati da un almeno tenue filo conduttore comune). Il film, che rinverdisce una antica leggenda di tradizione popolare messicana, si presenta come un horror a buon budget e perfettamente orchestrato secondo un cliché di mistero e colpi di scena che non appare per nulla nuovo, ma che funziona alla grande. Numerose scene di suspence orchestrate effettivamente molto bene e strategicamente in grado di provocare sussulti e attimi di vera tensione risultano il piatto forte dell'intera opera. Buona e professionale la prestazione degli attori coinvolti, tra i quali spicca senza indugi la prova di Linda Cardellini. Certo il film non è esente da particolari o caratteristiche piuttosto improbabili, come la sontuosa sistemazione che una vedova di un poliziotto si trova a vivere, condividendo coi due figli una residenza in villa con piscina davvero al di sopra di ogni più realistica possibilità, anche nell'ambito di un sogno americano al di sopra di ogni europea verosimiglianza. Si tratta tuttavia di particolari che non inficiano la sostanziale buona tenuta di un film ben diretto, ed in grado di farsi seguire con strategica capacità di intrattenimento, a suon di sobbalzi e momenti di spavento che sorprendono anche quando sono ampiamente annunciati da un risvolto o una strategia narrativi ben noti.

Video.
Il film cooprodotto da Atomic Monster e New Line Cinema viene distribuito da Warner Home Video e presentato nel formato di 2,40:1 con codifica a 1080 p. La confezione presa in esame è una semplice Amaray, bella graficamente, ma priva di Artwork interno. Il film è stato interamente ripreso in digitale dal direttore della fotografia Michael Burgess con telecamera Red Weapon e successivamente riversato su un Master Digital Intermediate 2K. Il risultato finale è ottimo sotto ogni aspetto. Ci troviamo tra le mani un Blu Ray che gode di una buona definizione e percezzione dei dettagli anche nelle situazioni più delicate. Gran parte del film è ripreso in penombra o al buio ma la visione non ne risente particolarmente. Anche nell'oscurità più intensa l'occhio riesce a cogliere un buon numero di informazioni pur riscontrando un certo rumore di fondo costante.
I colori sono molto naturali e tendenzialmente pastello, ottimi per evocare un'atmosfera tipicamente vintage. Anche le sequenze più buie permettono di apprezzare i particolari inquietanti della Llorona. Un Blu Ray di tutto rispetto, che ci permette di godere tra le mura domestiche di un inquietante film....

Audio.
Comparto audio composto
da cinque tracce: Dolby Atmos True HD 7.1 per la lingua originale e Dolby Digital 5.1 per l'Italiano, lo Spagnolo, il Francese e il Tedesco. Chiaramente la traccia in Dolby Atmos per dinamicità e spazialità non ha rivali ed è assolutamente consigliata per godersi al meglio lo spettacolo e l'atmosfera del film. Analizzando la traccia nella nostra lingua in semplice Dolby Digital 5.1 ci accorgiamo che raggiunge la sufficienza ma nulla più.
E' una traccia capace di regalarci alcuni effetti di ambienza ma dalla dinamica non particolarmente accentuata.
L'uso dei diffusori posteriori è abbastanza limitato e a fatica riescono a dare una certa spazialità alla scena. Discreto l'uso del Subwoofer. I dialoghi risultano sempre chiari. Consiglio comunque la traccia in lingua originale, non solo per il maggior coinvolgimento sonoro, ma per i dialoghi più coinvolgenti e ricchi di patos!

Extra.
Extra interessanti e variegati, che analizzano il film e il personaggio della Llorona nei suoi vari aspetti attraverso interviste e testimonianze.
"The Myth of La Llorona" "Il mito della Llorona" (2,29) Breve featurette sul personaggio della Llorona.
"Behind the Curse" "Dietro la maledizione" (9,43) Featurette che attraverso le testimonianze del cast tecnico ed artistico del film ci introducono alla leggenda della Llorona.
"The Making of a Movie Monster" "Il Making of della Llorona" (5,53) Breve ma interessante spiegazione sul pregevole lavoro di Make-up realizzato per la Llorona.
"Scene eliminate" (11,10)
"Storyboard" (17,32) Ci viene mostrato come siano cambiate varie sequenze del film nel passaggio dallo storyboard iniziale alle riprese sul set.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere