Sabato 26 Novembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
La Madre PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 51
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
lunedì 11 febbraio 2013

Titolo: La Madre
Titolo originale: Mama
Spagna: 2013. Regia di: Andres Muschietti Genere: Horror Durata: 100'
Interpreti: Jessica Chastain, Nikolaj Coster-Waldau, Megan Charpentier, Isabelle Nélisse, Julia Chantrey, Jane Moffat, Jayden Greig, Sydney Cross, Morgan McGarry, Kevin Kirkham, Pamela Farrauto, Maya Dawe, Tyler Curnew, Sierra Dawe, Javier Botet, Daniel Kash
Sito web ufficiale: www.mamamovie.com
Sito web italiano: www.lamadre-ilfilm.it
Nelle sale dal: 21/03/2013
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Daria Carta
L'aggettivo ideale: Riuscito
Scarica il Pressbook del film
La Madre su Facebook

mama_leggero.pngC'è di più del cinema da menù in offerta alle mense dell'horror seriale,in questo "Mama",dove il regista Andy Muschietti sembra declinare esoterismo e paura nelle voci del dramma psicologico. Sarà anche per l'influenza di Guillermo del Toro,produttore esecutivo del lavoro e comunque dotato artista del brivido,ma al regista,qui al suo primo impegno per il grande schermo,va conferito il merito di un film di paura genuino e suggestivo,dove gli inevitabili clichès di genere sono corredati da una architettura scenica e narrativa coinvolgente e di tutto rispetto.

Muschietti dilata in "Mama" uno short scritto con la sorella Barbara e ne fa un film dove la paura è modellata nelle forme di un dramma psicologico che non si arena nelle secche della percezione visiva,ma sonda nelle emozioni e risveglia i sensi a sopite inquietudini.
Nel prologo del film Jeffrey (Nicolaj Coster-Waldau),vittima della crisi finanziaria del 2008,uccide i suoi soci e fugge portando con sè le sue due bambine,Victoria e Lilly,e trova rifugio in un capanno abbandonato in mezzo ai boschi.
Disperato,l'uomo,stringendo le piccole a sè,decide di porre fine alle loro vite,prima di annientarsi a sua volta,ma una presenza si materializza nell'aria, salva le bambine e trascina all'esterno il padre. Cinque anni dopo il fratello di Jeffrey, Lucas (sempre Coster-Waldau),mai persosi d'animo nella ricerca delle bimbe,finalmente le ritrova,ancora nascoste nella capanna nei boschi,completamente abbandonate a loro stesse e con gravi difficoltà comportamentali.Come hanno potuto sopravvivere tutti quegli anni senza nessuno al loro fianco? Sporche,incapaci di emettere suoni articolati e estremamente sospettose,come piccoli animaletti selvatici,le bambine vengono subito prese in cura dal dottor Dreyfuss (Daniel Kash),psichiatra dell'infanzia e in seguito affidate allo zio Lucas e alla fidanzata Annabel (Jessica Chastain),musicista alternativa e poco lusingata dalla possibilità forzata di diventare madre adottiva.

La formazione della nuova famiglia non è senza problemi. Victoria pare reagire bene,ma Lilly accenna sovente ad una "Mamma" che vede solo lei,mentre un'entità oscura e inquietante si aggira nella casa. Quando delle ricerche del dottor Dreyfuss conducono ad omicidi commessi tempo prima non lontano dalla casa nel bosco e Lucas rimane coinvolto in un incidente,Annabel si ritrova sola in una casa abitata da una presenza minacciosa che reclama quanto le appartiene.
Forse Muschietti beneficia del talento di del Toro,maestro scultore della paura nelle storie dell'immaginifico popolare,fattostà che "Mama" privilegia delle qualità di un cinema di livello più che decoroso.
Qualche fraseggio alla maniera di Dario Argento sparso qua e là negli spunti del racconto - i disegni infantili e tragici sulle pareti e le righe delle stesso score ne evocano il modo di regia - non tolgono al lavoro un'identità intensa e forte,dove gli stereotipi - ce ne sono - vengono superati da una attenzione speciale al ritmo e alla cadenza narrativa. Muschietti riesce a scavare nei recessi dell'immaginazione dei bambini,messi nel centro di una storia sul ruolo della figura materna nelle pagine dei racconti fantasy.

Più che visiva,la paura si fa psicologica e si crea nei silenzi,nei viraggi dei colori,nelle gestualità,ma soprattutto prende corpo nel tatto dell'invisibile,nell'incertezza e nei sospetti che il racconto insinua fra la realtà e la fantasia.
Porte che cigolano,armadi che si aprono senza rivelare nessuno all'interno - ordinari ricorsi al cinema "Paranormal Activity" - borbottii,suoni ed echi provenienti dai condotti di aereazione,corridoi vuoti,cantilene e sospiri,sono spunti solo occasionali per tessere un senso di angoscia più obliqua e sfuggente,che reclama una rivelazione messa al confine fra la realtà e l'immaginazione concepita nelle piccole menti di bambini che chiedono una madre.

Il film soffre solo in epilogo del ricorso al digitale,dove la manifestazione di Mama disincanta,ma altrove ne crea uno scenario suggestivo e affascinante,come le intense immagini del sogno di Lucas,surreali e agghiaccianti. "Mama" è una intrigante ghost story dall'atmosfera intensa e vibrante,sottile e a tratti ironica,punto d'incontro fra horror e fantasy,con tensione ed energia che coniugano dramma e sgomento declinandoli nei colori di una paura che si fa palpabile ai confini di quell'universo infinito e insondabile dove prfino gli spettri incarnano l'amore che lega le madri alle loro creature.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere