Lunedì 3 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Martin PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Biagio Giordano   
mercoledì 13 ottobre 2010

Martin
Titolo originale: Wampyr
USA: 1978. Regia di: George A. Romero Genere: Horror Durata: 85'
Interpreti: John Amplas, Lincoln Maazel, Christine Forrest, Elaine Naydeau, Tom Savini, George A. Romero
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Settembre 1978
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Biagio Giordano
L'aggettivo ideale: Originale
Scarica il Pressbook del film
Martin su Facebook

MartinIl bel 17 enne Martin (John Amplas ) dopo il suicidio della madre Elena va ad abitare presso il prozio Cuda (Lincoln Maazel), un negoziante di alimentari di Pittsburgh sobborgo di Braddock in Pennsylvania. Cuda è un uomo anziano, cattolico, fanatico e superstizioso che considera il nipote un vampiro, un posseduto dal demonio, un nosferatu (non morto) nato nel 1892 proprio in Transilvania come il primo Dracula della letteratura.
Martin nonostante la sua straordinaria lucidità mentale, che lo porta a muoversi tra la gente in modo scaltro, è in realtà un malato psichico, uno psicopatico necrofilo, i cui disturbi, già presenti nell’infanzia, anziché essere stati analizzati e curati da qualche  psichiatra esperto, sono divenuti oggetto del più bieco e folle fanatismo religioso.

Cuda avvisa Martin, o meglio avverte l’alter ego del ragazzo (quella parte di lui che il prozio ritiene posseduta dal demonio), che in casa sua non avrà scampo, o si redime da un passato omicida convertendosi integralmente all’etica del cattolicesimo, o per il bene della sua anima verrà annientato, distrutto per sempre come si fa tradizionalmente con i vampiri della letteratura classica.
Martin  si ritiene solo un malato psichico, ma a nulla varranno  le sue sensate e razionali difese dalle accuse di Cuda che lo porteranno a dimostrare  tenacemente, con insistenza  come sia l’aglio che la croce su di lui non abbiano alcun effetto.
Martin seda le donne che lo colpiscono visivamente per qualche misteriosa particolarità estetica, lo fa con una siringa contenente della droga. Una volta addormentatele taglia loro i polsi con una lametta da barba, bevendone poi il  sangue.
Quando a Pittsburgh, con una donna sposata, il ragazzo scopre la bellezza dell’erotismo e del piacevole dialogo post-orgasmo, avvengono in lui degli importanti cambiamenti contraddistinti da  nuovi pensieri che sembrano preannunciare un miglioramento della sua malattia psichica; questo avviene nonostante che Martin continui a provare oscuri desideri di morte verso le donne, tra le quali  però, quasi a sorpresa, non riesce più a trovare volti che destino in lui pulsioni omicide.
Ma l’amante di Martin  promotrice del suo cambiamento è affetta da una grave forma di depressione e un giorno si uccide, nel bagno, mettendo nei guai il ragazzo che diventa per il prozio Cuda il principale indiziato della morte della donna.
Riuscirà Martin, nonostante le nuove complicazioni della sua vita, a sfuggire al potere dispotico del prozio e a trovare una via di salvezza dal suo male psichico?

La prima parte del film è la più sconvolgente e terrorizzante, paurosa perché priva di quelle mezze tinte cromatiche, luminose, capaci di distrarre la vista e  diluire le apprensioni visive per i dettagli di un omicidio in corso, è una prima parte assente di ogni dettaglio ironico, e si svolge in una cuccetta di un convoglio ferroviario, occupata da una ragazza che aveva colpito in precedenza Martin per lo stile riservato e la sua morbida e soave bellezza.
Sul treno che porta Martin dal suo prozio Cuda, il ragazzo assale con una siringa la ragazza ingaggiando una lunga lotta, corpo a corpo, e dopo aver avuto la meglio su di lei,  Martin addormenta la vittima e la uccide, bevendone  il sangue dai polsi tagliati.
Questa prima parte della pellicola è in netto contrasto stilistico con il resto del film, perché, usando un gergo cinematografico, è come se telefonasse a vuoto, preannunciando, malgrado la bravura di Romero e paradossalmente proprio in virtù di una sua estrema cura nella composizione, forme espressive  per il futuro immediato della narrazione che non avverranno. 
Nel seguito della narrazione prevarranno infatti aspetti ironici e di costume, con tratti anche farseschi, come quando Martin spaventa a morte il prozio mascherato da vampiro o quando il ragazzo  anticipa, nelle intenzioni, le mosse della prima amante della sua vita dicendole di aver capito da alcuni dettagli che voleva fare sesso.
Il film oscilla fastidiosamente tra il serioso e il beffardo, tra il grave e il sarcastico, ma tutto sommato si salva, piace, impressiona soprattutto per i contenuti, come accade raramente nel cinema,  che sono di per sé di forte impatto visivo-inconscio ed emozionale.

Nel complesso il film, nonostante lo scarso successo di pubblico, è da considerare  un apprezzabile  film horror che brilla per  originalità sopratutto perché in esso, a differenza di altri, tutto è realistico: soggetto e fenomeni psichici, quest’ultimi facilmente riconoscibili, identificabili tramite il  tradizionale vocabolario psichiatrico di turno, edizioni fine anni ‘70.
Romero è molto bravo principalmente nel riuscire a fare a meno, senza indebolire la qualità del film, di certi modelli horror alquanto frusti, tipici degli anni ’70,  che consentivano, usando tradizionali cliché, un incasso sicuro, senza infamia e senza lode, con un livello professionale del cast  non necessariamente alto, anzi spesso  medio basso. 
Romero con questa sua opera, da grande autore qual è, improvvisamente cambia tutto,  sia lo stile espressivo sia quei  contenuti  simbolici che erano divenuti esemplari;  modifica quasi tutte le forme proprie dei suoi film, calandosi in una realtà più palpabile che dimostra quanto questo brillante  autore  sia anche un artista molto versatile, creativo, anticonformista, non influenzabile dalla mediocrità dell’industria cinematografica media.
Ma il film non è imparziale, vuole colpire, provocare qualcosa o qualcuno che è all’esterno dell’opera, in virtù di un’autorità di Romero conquistata a fatica grazie alla sua scaltrezza critica e alla bravura tecnica; il regista lancia una provocazione intelligente che è ben presente nel film ma in una sorta di messaggio criptato, leggibile solo tra le righe della narrazione, e con il quale attraverso i suoi contenuti sembra proprio che Romero voglia sminuire, snobbare il successo tuttora vigente, nell’immaginario collettivo, del fantasioso vampiresco, quello  legato in qualche modo alla letteratura, o alle fiction - serie di altri mezzi espressivi, già allora in voga, che mettevano al centro del racconto il surreale della figura del vampiro, dolcificandola  di modernità ma senza variare le più comuni tematiche mitiche in gioco che rimanevano fisse, diventando col tempo stereotipate, prevedibili, noiose.

In questo  film  l’irrazionale, l’irreale, incarnati in figure torve e rivestite di poteri sopranaturali, per alcuni considerate addirittura forme carnali vicine al mondo demoniaco, a differenza delle pellicole  precedenti non sono protagonisti della narrazione, non sono verità possibili, oscure, macerate da ossessioni  nevrotiche, produzioni fantasmagoriche dell’inconscio, ma semplici equivoci, esteriorità filosofiche e poetiche  rivestite di delirio, debolezze della fantasia malata di angosce da traumi, frutti di  malattie psichiche gravi tra le quali vanno riconosciute anche quelle a carattere nevrotico di tipo religioso a sfondo ossessivo, di cui nonostante l’apparente normalità era affetto l’anziano Cuda.
Romero non finisce di sorprenderci quando in questo film sospende ogni forma letteraria per mettere l’accento sulla questione psichiatrica che sta dietro  a molti casi  di omicidi a sfondo sintomatico, vampiresco e necrofilo.

Il famoso regista fa spettacolo con il gioco delle verità negative più palesi, studiandole nella fase più critica, quando vengono occultate dal pudore e dalla vergogna, dal pregiudizio della gente comune e dagli odi tra famiglie, proponendo per certi disagi psichici delle sue diagnosi analitiche precise, a volte acute, comunque sempre ben dettagliate che nonostante la brevità espressiva del mezzo filmico, riescono lo stesso a coinvolgere gli spettatori suscitando interrogativi e domande  riverberate dalla realtà, da un vero proposto da Romero con arguzia, ben riconoscibile, per certi aspetti, dagli stessi spettatori come proprio, perché molto comune, quasi  familiare, che non appare mai straniante neanche quando è dominato da classi sociali diverse perché esse si muovono insieme,  quasi riconciliate dalla comune asprezza della vita e dal bisogno di solidarietà,  interagendo  tra  loro anche nella ricerca del piacere più spicciolo, occasionale, lungo una rinuncia, forse un po’ provinciale, a emozioni finemente ricercate, raffinate.
Sono scenari sempre ben accompagnate da uno sfondo ben curato,  interessante, levigato, rappresentato da un mondo del lavoro semplice e artigianale che dà ai personaggi del film aspetti psicologici  subdoli, capaci di sequestrare alla vista per lunghi periodi la follia più profonda che racchiudono.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere