HOME arrow IL CINEMA ASIATICO arrow Horror arrow Nigthmare detective 2
Giovedì 29 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Nigthmare detective 2 PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 9
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
venerdì 20 novembre 2009

Nigthmare detective 2
Titolo originale: Akumu Tantei 2
Giappone: 2008 Regia di: Tsukamoto Shinya Genere: Horror Durata: 102'
Interpreti: Ryuhei Matsuda, Yui Miura, Wako Andô, Miwako Ichikawa, Hanae Kan,Toshiyuki Kitami, Hatsune Matsushima, Ken Mitsuishi, Shungiku Uchida
Sito web:
Nelle sale dal: Prossimamente in dvd
Voto: star07.png
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Onirico

Nigthmare detective 2Yukie contatta l'investigatore dell'incubo Kyoichi Kagenuma perchè perseguitata nei sogni dal pensiero della sua compagna Itsuko, che lei e le sue amiche hanno vessato fino al punto da indurla a non uscire più di casa.
Kyoichi però non è disposto ad occuprasi della faccenda, dal momento che egli stesso è alle prese con sogni spaventosi che riguardano il suo passato.
Ma il collegamento tra la malattia di sua madre e lo stato di Itsuko inducono Kyoichi a rivedere la sua posizione.

Il tema dei maltrattementi a scuola e dei successivi suicidi e/o persecuzioni da parte della vittima è stato ampiamente esplorato nella cinematografia asiatica. Ma naturalmente ogni qualvolta Tsukamoto decide di rappresentare uno stereotipo esso perde di colpo la sua caratteristica principale di già visto e diventa un altro strumento che il maestro usa per raccontare l'angoscia.
Disilluso cantore di molte derive dello spirito, Tsukamoto adotta qui l'ottica della ragazzina, che si accorge troppo tardi di aver provocato qualcosa di più serio di uno spavento alla vittima delle angherie sue e della sua piccola banda.
Il detective dell'incubo, Kyoichi Kagenuma, dapprima rifiuta di aiutarla, impegnato com'è a smaltire le sue angosce personali e a svicolare da quelle degli altri. Ma le assonanze con un problema di famiglia lo spingono ad occuparsi della faccenda.
E da qui in poi l'onirico prende violentemente possesso della scena e crea un'atmosfera di invincibile panico, nei protagonisti e in chi è così incauto da sbirciare attraverso lo spiraglio lasciato perfidamente aperto dal maestro.
La paura, semplice e quotidiana diviene qui panico incontrollato, nella misura in cui sfugge a tutte le definizioni e alla fine si rivela per l'unica realmente invincibile: quella della vita.

Non c'è molto che si può dire a chi teme la vita e le sue incognite, nè si può veramente risolvere il problema del panico che sostituisce la normale, se così si può dire, espressione di sgomento e impotenza di chi è alle prese con l'incontrollabile, ma la strategia finale di Kyoichi sarà comunque la sola possibile di fronte a tutto questo: il contatto umano e la condivisione.
Curiosamente la sua prima reazione rispecchia quella di chi non vuole essere invischiato nelle altrui angosce, soprattutto perchè gravato dalle proprie, ma naturalmente la condivisione può essere una via di uscita, o nel peggiore dei casi un sollievo alla solitudine di chi pensa di essere l'unico a patire tali forme di oppressione spirituale.
Tsukamoto esplora ancora una volta l'animo umano con la chirurgica perizia del conoscitore niente affatto casuale. Le sue riflessioni, come i modi sempre nuovi e potenti con cui le mette in scena, vengono direttamente dal lato ombra di ciascuno di noi e là sarebbero rimaste a far da materiale per gli incubi se Tsukamoto, e il suo detective dell'incubo, non fossero arrivati a rimestare nell'affascinante magma dell'inconscio.
Là dove alberga tutto quello di cui la nostra coscienza farebbe volentieri a meno, Tsukamoto ha costruito la sua casa, e da quel luogo che tutti sperano di avere isolato bene, egli manda con inquietante perizia messaggeri e notizie non del tutto edificanti.

L'anima dei protagonisti, divenuti oggetto dei personali messaggi di Tsukamoto, è un luogo molto umido, trasuda ossessioni e ripropone tutto quello che non è stato mai spiegato, e che quindi finisce per diventare impossibile da metabolizzare.
La novità di questi ultimi resoconti dal luogo angosciante per elezione, però è che forse c'è una via di uscita.
Quello che era negato ai protagonisti di capolavori come Vital o Haze, è qui dapprima suggerito e poi addirittura mostrato come possibile. Verrebbe da pensare a una svolta ottimista, se non fosse Tsukamoto l'oscuro demiurgo dell'intera operazione.
Ma trattandosi di lui, l'idea che striscia silenziosamente alle spalle del conoscitore approfondito della sua opera è che il tutto potrebbe essere una trappola, o forse solo un sogno.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere