HOME arrow HOME VIDEO: arrow Horror arrow Noi (Blu Ray)
Sabato 14 Dicembre 2019
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
halloween_banner_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
the_field_guide_to_evil_banner.jpeg
Noi (Blu Ray) PDF Stampa E-mail
Scritto da Luca Orsatti   
martedì 10 settembre 2019

Titolo: Noi
Titolo originale: Us

Caratteristiche del Blu Ray in vendita dal 28 Agosto 2019.

Il film.
“Noi” è un horror immancabile, ma anche molto di più. Certo, fa paura, dispone di un crescendo invidiabile e pescanoi_blu_ray.jpg nell’universo del genere senza preoccuparsi di accumulare pulsioni conosciute, ma poi evidenzia soprattutto una spiccata dote comunicativa. E parla di noi, delle paure del singolo così come dell’umanità e del corso che ha intrapreso.
Le esperienze traumatiche lasciano un segno profondo, che può finire in un angolo remoto della nostra memoria ed essere modificato nella sua percezione, comunque sia pronto a tornare a galla, anche dopo tanto tempo e attraverso semplici associazioni, senza richiedere particolari preavvisi.
Quando questa condizione prende piede, anche i conoscenti più stretti rimangono spiazzati e il giudizio subitaneo fa pensare a un esaurimento o di trovarsi dinnanzi a una persona fuori di testa. Tuttavia, la questione non è sempre così semplice da interpretare e, nei casi più estremi, arriva a riguardare anche gli altri, talvolta con conseguenze inimmaginabili. Partendo da questo presupposto, Us libera un incubo in levare, una reazione a catena che allarga la sua sfera d’interesse assemblando elementi sempre più minacciosi e chiavi di lettura destabilizzanti.
Con la sopraggiunta morte dei suoi genitori, Adelaide rientra in possesso della casa a Santa Cruz, dove ha vissuto la sua infanzia, occasione ideale per trascorrerci le vacanze insieme al marito Gabe e ai figli Jason e Zora. Fin dal principio, Adelaide è tormentata dal suo passato ma, dopo una giornata trascorsa in spiaggia, le paure che l’attanagliano coinvolgono direttamente anche il resto della sua famiglia. Incredibilmente, si trovano di fronte a quattro figure misteriose, che scopriranno essere perfettamente identiche a loro. Sarà solo l’inizio di una lunga lotta per la sopravvivenza, che obbligherà Adelaide a fare i conti con quanto accadutole da bambina....
Prodotto, scritto e diretto da Jordan Peele, Noi amplifica i felici presentimenti associati a "Scappa - Get out", inducendo a credere in un brillante futuro per il regista newyorchese. Nuovamente, con ancora più vigore e una sfera d’influenza più sostanziosa, Jordan Peele realizza un horror pescando a piene mani dalla fonte del genere, per poi aggiungere frammenti consoni ad andare oltre la superficie e incrementare l’impeto delle suggestioni.
Così, Noi scatena la tempesta perfetta partendo da un bicchier d’acqua. Senza perdere troppo tempo, questa volta vengono attivate connessioni multilayer, per cui da una prima lettura cinefila a pelo d’acqua si va oltre, fino a sprofondare negli abissi, del subconscio così come di quesiti ancestrali, senza trascurare agganci estremamente attuali. Contestualmente, il ricorso al doppelgänger è estremo, in pratica siamo alla sua rappresentazione definitiva essendo impensabile andare oltre almeno per quantità. Un modo alternativo per rappresentare il nostro dark side e anche un’invasione sconosciuta (più inquietante anche de L’invasione degli ultracorpi), con una progressione che procede per cerchi concentrici, sempre più ampi (famiglia ---> amici ---> comunità), fino ad approdare a un finale che rimescola gli ingredienti. Per giunta, tutto questo avviene senza disdegnare sciabolate beffarde e un tono irriverente, ricorrendo senza problemi a topoi horror e simboli, per cui la raffigurazione della famiglia bianca e arricchita, contraddistinta da un assordante vuoto pneumatico, è encomiabile, mentre gli uomini sono immancabilmente rammolliti....

Video.
Il film cooprodotto da Monkeypaw Productions, QC Entertainment e Universal viene distribuito da Universal Pictures e presentato nel formato di 2,39:1 con
codifica a 1080 p. La confezione presa in esame è una semplice Amaray, dalla copertina particolarmente accattivante ma priva di Artwork interno. Il film è stato girato in digitale con camere Arri Alexa Mini e Arri Alexa SXT con una risoluzione nativa a 3,4K per poi essere riversato in un Master Intermediate 2K. Il risultato finale è di un Blu Ray di grande qualità e che ci offre immagini ricche di dettagli e perfettamente fedele al film visto in sala. Il quadro video è sempre realistico e gli oggetti in primo e secondo piano sono resi fedelmente pur soffrendo una fotografia fortemente stilizzata in cui il contrasto è notevolmente attenuato e ampiamente limitato. In diverse occasioni, la scelta fotografica fa apparire alcune scene leggermente sbiadite e opache pur mantenendo un livello di dettaglio pungente e un punto di biancho pulito. La decisione artistica del regista, in parte, influenza i livelli di nero e i dettagli più fini che tendono ad essere avvolti dagli angoli più scuri del quadro. Nonostante queste premesse, il video risulta estremamente fedele, appagante e immersivo. Da rimarcare gli incarnati sempre estremamente naturali. Impeccabili i colori!

Audio.
Troviamo quattro tracce in formato Dolby Atmos per l'inglese e Dolby Digital 7:1 per l'Italiano il Francese e lo Spagnolo. Chiaramente la traccia in Dolby Atmos per dinamicità e spazialità non ha rivali ed è assolutamente consigliata per godersi al meglio lo spettacolo e l'atmosfera del film. La traccia in italiano comunque se la cava abbastanza bene, riuscendo a riprodurre un buon campo sonoro e a ricreare molteplici effetti di ambienza che ci coinvolgono durante la visione. I dialoghi risultano sempre estremamente chiari e vengono perfettamente integrati con la colonna sonora che ci accompagna. Subwoofer che interviene con precisione nelle situazioni più opportune.

Extra.
Comparto Extra ottimo, con oltre 40 minuti di materiale da visionare:
I mostri dentro di “Noi” (4,45′) Featurette sul doppio ruolo del cast nel film, l'interpretazione della famiglia Wilson e dei misteriosi ed inquietanti doppi.
Legati insieme: renderci doppi (7,29′) In questa featurette, i film-maker, il cast e la troupe parlano di alcune delle sfide tecniche nel realizzare il film, oltre che di alcune scelte di design per i personaggi.
Ridefinire un genere: L'horror di Jordan Peele (5,31′) Featurette dove il cast e la troupe descrivono il regista e cosa lo rende unico, oltre ai pensieri dello stesso Jordan riguardo a ciò che lo ispira e al rapporto tra horror e commedia.
La dualità di “Noi” (9,56′) Il regista analizza a fondo alcuni dei temi chiave e l’immaginario di Noi – tra cui il tema del doppio, Hands Across America, la scena di ballo dello Schiaccianoci, i conigli e la citazione del versetto 11:11.
Diventare Red (4,09′) Attraverso l’uso di materiale dietro le quinte tra un ciak e l’altro, scopriamo da più vicino l’intensa ed affascinante interpretazione di Lupita Nyong’o nei panni di Red.
Esplorare le scene (7,37′) Tre scene: Il massacro in 7 secondi, E' una trappola, Rivoglio la mia bambina.
Scene eliminate (6,28′). 6 scene eliminate.
Moriremo tutti (6,22′) Fuorionda esilaranti della conversazione tra Winston Duke e Tim Heidecker sulla spiaggia.
Come Sopra, come Sotto: grand pas de deux (5,02′) Una versione estesa della sequenza di danza del film, che passa da un’Adelaide adolescente al saggio fino a Red nel mondo sottoterra.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere