HOME arrow Recensioni Blu Ray arrow Horror arrow Ouija - L'origine del male (Blu Ray)
Lunedì 26 Giugno 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prossimamente
Ouija - L'origine del male (Blu Ray) PDF Stampa E-mail
Scritto da Lorenzo Murillo   
martedì 28 febbraio 2017

Titolo: Ouija - L'origine del male
Titolo originale: Ouija: Origin of Evil

Caratteristiche del Blu Ray in vendita dal 22 Febbraio 2017.

Il film.
Negli ultimi anni è sempre più tempo di sequel e prequel, e il genere horror non è mai stato da meno.
E anche per
ouija_lorigine_del_male_blu_ray_leggero.png Ouija-L'origine del Male, ci troviamo difronte a un prequel della pellicola del 2014, diretta da Stiles White. In questo nuovo capitolo il timone passa a Mike Flanagan, un regista sicuramente non nuovo al genere horror.
La pellicola ci porta nella Los Angeles del 1965, nella stessa casa vista nel primo capitolo, dove una madre vedova e le sue due figlie introducono un nuovo trucco alle loro consuete frodi spiritiche per ravvivare l'attività di famiglia. Queste, senza volerlo, attireranno nella loro abitazione un autentico spirito maligno che si impossesserà di Doris, la ragazza più piccola (non si tratta affatto di spoiler se si è visto il primo capitolo).
Fin dalle prime battute si ha l'impressione (o meglio dire la speranza) che la pellicola abbia deciso di affrontare la storia, per quanto possibile, con più serietà e maturità, e l'atmosfera anni 60 del film unita alla figura della protagonista madre di famiglia Alice (Elizabeth Reazer), spazzano in poco tempo il ricordo delle atmosfere tipiche da horror-teen-movie moderno che caratterizzavano il suo predecessore.
La situazione famigliare e psicologica che fa da tappeto alle vicende delle tre protagoniste orfane del padre, è ben presentata attraverso i disagi della piccola Doris e le discussioni tra l'adolescente Paulina (Annalise Basso) e la madre. La pellicola non punta al terrore da sobbalzo in sala, piuttosto si limita a costruire un crescendo di tensione ben diretta, grazie anche alla trama non del tutto scontata che evita fortunatamente di scadere nel banale; nonostante questo non mancano di certo, in particolare giungendo verso il finale, i momenti di vera paura, grazie anche alla bravura degli interpreti tra cui è giusto annoverare anche Henry Thomas, nei panni di Padre Tom. Ouija-L'origine del Male, dato soprattutto l'infinito numero di pellicole horror riguardanti tematiche analoghe, non riesce in alcuni frangenti , seppur involontariamente, a non trasmettere la sensazione di “gia visto”, ma si rivela comunque un buon prodotto d'intrattenimento di gran lunga superiore al primo capitolo, che ben si ricongiunge con gli avvenimenti inerenti alla pellicola del 2014. ....

Video.
Il film co-prodotto da Allspark Pictures, Blumhouse Productions, Platinum Dunes e distribuito da Universal Pictures viene presentato nel formato 1,85:1 con codifica a 1080 p. La confezione, come consuetudine, è una semplice Amaray priva di Artwork interno. Il film è stato interamente girato con telecamera digitale Arri Alexa XT Plus e lenti Panavision C-Series e riversato su un master digital intermediate 2K. Per un tale prodotto le aspettative sono molto alte, e tutte vengono puntalmente mantenute, regalandoci un Blu Ray di ottima qualità che, in alcuni punti, raggiunge vette da riferimento.
Forte di un Bitrate medio sempre molto generoso che si attesta su oltre 30 Mbps di media il trasferimento digitale risulta vicino alla perfezione, con una definizione elevata e un’immagine che lascia a bocca aperta.
Il regista e il direttore della fotografia Michael Fimognari hanno cercato di rendere le immagini simili ai tipici film degli anni 70, cercando di simulare la fotografia di opere come "L'esorcista", "The Homen" o "Hamityville Horror".
L'immagine risulta molto pulita, priva di artefatti, dove ogni cosa viene riprodotta fedelmente e ogni dettaglio reso perfettamente. Gli oggetti sia in primo che secondo piano sono sempre molto chiari, l'interno della casa degli Zander, le espressioni dei volti degli attori, i capelli, le texture dei vestiti, tutto è reso al meglio, regalandoci la sensazione di essere nel centro della scena
. Le tante inquadrature al buio o con scarsa illuminazione godono di una resa perfetta e di un livello di nero ottimale che permette di cogliere ogni piccola cosa. Ottimo il contrasto e la luminosità. Perfetti gli incarnati, resi sempre in modo estremamente naturale. La paletta dei colori è tendente al pastello e tipicamente anni settanta. Un Blu Ray ottimo sotto tutti gli aspetti.

Audio.
Sul versante audio il film gode di una traccia
DTS HD Master Audio 5.1 per l'inglese e quattro DTS 5.1 Surround per: Italiano, Spagnolo, Francese eTedesco. La qualità generale per la traccia Italiana è ottima e adeguata al tipo di film. Interessante l'uso dei canali surround sempre pronti a creare un campo sonoro avvolgente, dove ogni singolo rumore è ben riprodotto. L'uso del Subwoofer è minimo ma sempre bilanciato e mai preponderante, intervenendo solo quando è strettamente necessario. Da rimarcare un canale centrale ben bilanciato che permette dialoghi cristallini e effetti di ambienza buoni e sufficientemente coinvolgenti. Consiglio comunque di godere della traccia audio originale di tutt'altro spessore e coinvolgimento.

Extra.
Interessante il comparto degli extra, con oltre 30 minuti di materiale da visionare.
Sette scene eliminate. (16,58).
Il making of di Ouija: L’Origine del Male. (9,13) Un bel dietro le quinte dove attraverso le interviste a regista, produttore e attori si analizza il film e la sua realizzazione.
Dove l'horror è di casa. (4,45) Featurette che ci illustra la casa degli Zander, della sua progettazione e realizzazione attraverso i commenti di attori, regista e produttore.
La ragazza dietro Doris. (4,01) Breve featurette che ci racconta del personaggio di Doris, interpretato da Lulu Wilson.
Commento al film del regista Mike Flanagan.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere