Venerdì 30 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Silent House PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 34
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
martedì 07 agosto 2012

Titolo: Silent House
Titolo originale: Silent House
U.S.A.: 2011. Regia di: Chris Kentis, Laura Lau Genere: Horror Durata: 86'
Interpreti: Elizabeth Olsen, Adam Trese, Eric Sheffer Stevens, Adam Barnett, Julia Taylor Ross, Haley Murphy
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito in dvd
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Claustrofobico
Scarica il Pressbook del film
Silent House su Facebook

silenthouse_leggero.pngLa tecnica direttiva che il dizionario del cinema di questa epoca si compiace di definire "Found Footage",soluzione frequente nel catalogo horror disponibile ai botteghini di fitto passaggio,fin dal tempo del "Blair Witch Project" (che non ne è però genitore),qualifica lo stato di tensione come derivato della finzione proposta nella forma di una realtà colta nell'atto del suo divenire. La suspense è offerta in modo soggettivo,instillando elementi di paura nei fotogrammi di sequenze di inquietante identità tessute in una struttura documentaristica scomoda e provocatoria.
Ma gli spezzoni ritrovati non parlano lo stesso idioma del cinema sotteso da una tecnica formale che,come contraltare, crea il disagio attraverso lunghe e ininterrotte riprese,dove la tensione si carica dell'energia dell'attesa.

In "Silent House" i registi Chris Kentis e Laura Lau ("Open Water") riscrivono una pellicola uruguaiana,"La casa muda",di Gustavo Hernandez,impostando la narrazione in tempo reale e confezionandola in una presunta unica e continuativa ripresa.
E' irrilevante ricordare il lavoro sperimentale di Hitchcock del '48,"Nodo alla gola",affascinante piece noir su un palcoscenico ripreso senza soluzione di continuità,qui omaggiata dai registi da lontano,in un trucco espositivo discutibile di attendibilità,viste le numerose sequenze in zona d'ombra,capaci di accogliere tagli e sezioni.

Va comunque riconosciuto che l'identità di "Silent House" è da ricercarsi nel linguaggio di una regia studiata con abilità e mestiere anche senza scomodare picchi di novità o esplorazioni nell'insolito. Sarah (Elizabeth Olsen),con il padre John (Adan Trese) e lo zio Peter (Eric Sheffer Stevens) fanno lavoro di squadra per ripulire e sgomberare la loro vecchia casa di campagna,una grande dimora di campagna che la famiglia ha deciso di mettere in vendita.
La casa è abbandonata da anni e il suo degrado è forte,ma i tre si organizzano e cominciano i lavori,nonostante la mancanza di collegamenti alla rete elettrica. Non passa molto tempo che Sarah si accorge di essere rimasta sola nella casa,lo zio e il padre letteralmente scomparsi. E' solo allora che la donna si troverà nella condizione di doversi difendere dalle realtà che abitano quelle vecchie mura,cercando a tutti costi la via di fuga verso l'esterno.
La tensione che pervade la storia è quieta e prudente,scritta nelle righe di un cinema sistematico,mai aggressivo ma narratore con la voce bassa. Dalle immagini in apertura,una inquadratura dall'alto su una donna seduta in riva al mare,l'occhio accompagna la scena all'interno di una casa dove resterà per quasi tutta la durata della storia,ambiente protagonista e scenario principale. Il buco praticato da John e Peter nel muro della casa abbandonata,non lascia spiegazioni,ma è l'affacciarsi sul buio di un mistero tenuto segreto persino fra le pareti della propria dimora,ormai sconosciuta e estranea. Il clima creato dai registi è quello del silenzio e dell'allerta,di un mistero oscuro e messo in attesa negli angoli di una dimora dai muri freddi e avvolti nel fiato dell'incognito.

L'occhio della telecamera spazia fra specchi,scale,arredi appena percepibili in giochi di luci e ombre,contrasti e insieme sfumature,opache macchie cromatiche,angoli,corridoi,muri,tutto in una architettura prospettica che traduce il linguaggio di una regia che è l'Alfa e l'Omega dell'intera pellicola. La cinepresa segue ossessivamente Sarah,il suo volto,le sue spalle,la sua figura superiore,in un continuo passaggio della donna nei locali invasi in danze di chiari scuri allarmati dai movimenti lenti e indagatori della macchina da ripresa. Il cinema è buono e il racconto schiva l'ovvietà per gusto di tessitura,eleganza visiva e accortezza espositiva.
I lunghi silenzi e le ispezioni fra le ombra mute indulgono sulla ragione prima di un film che non violenta le immagini e non alza il volume ma mette la sua leva nel lento respiro del silenzio e dell'attesa,scandendo il ritmo metodico di un'ansia che cresce senza essere vista. Elizabeth Olsen ("La fuga di Martha") regge lo sguardo insistente della telecamera con carattere e coraggio dando compimento a quello che per molte nuove attrici è il rito di passaggio sul tappeto dello spettacolo,nell'esperire i ruoli nei capitoli dell'horror hollywoodiano.

Se l'epilogo è un traguardo raggiunto in sofferenza di spunti e smalto,inciampati in una soluzione surreale e visionaria,in "Silent House" Kentis e Lau pur ricorrendo ad una tecnica d'esposizione già collaudata,tessono un racconto dove immagine e suono si accompagnano con ritmo pacato e insinuano una paura viscerale che non si fa toccare ma neppure si fa negare ai sensi più profondi di una audience disponibile al buon cinema.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere