Lunedì 3 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Skjult - Hidden PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 11
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
mercoledì 09 dicembre 2009

Skjult - Hidden
Titolo originale: Skjult - Hidden
Norvegia: 2009 Regia di: Pål Øie Genere: Horror Durata: 96'
Interpreti: Kristoffer Joner, Cecilie A. Mosli, Andreas Haugsbø, Arthur Berning, Bjarte Hjelmeland, Anders Danielsen Lie, Marius Rusti, Eivind Sander, Jon Sigve Skard, Julie Rusti, Bjarte Hjelmeland
Sito web:
Nelle sale dal: In dvd - Inedito Nelle Sale
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Onirico

Skjult - HiddenKai è scappato di casa diciannove anni fa e, incautamente, vi fa ritorno alla morte di sua madre.
La casa, come il suo passato, nasconde brutti ricordi e Kai non può fare a meno di confrontarsi con essi e col peso di una vita spesa a nascondersi dal dolore.

Kai torna a casa alla morte di sua madre, ma non è là per raccoglierne l'eredità. Vuole solo accertarsi che sia morta davvero. Non ha bei ricordi e sua madre non è stata amorevole con lui. La fuga che lo ha aiutato a sopravvivere purtroppo non ha cancellato la memoria di un passato indelebile e di una colpa immotivata e inesplicabile.
Anni addietro Kai aveva involontariamente provocato, con la sua fuga, un incidente in cui un'intera famiglia era stata spazzata via. L'unico sopravvissuto, un bambino della sua età, era sparito quella notte, e Kai forse finora non si era mai chiesto che fine avesse fatto quel ragazzo. Ma adesso che è tornato a casa non può più sopprimere il violento emergere dei ricordi e dei sospetti. E la natura onirica di gran parte di questi non li renderà meno consistenti o efficaci, quando verrà il momento di tirare le somme e fare i conti con un passato che non è mai stato possibile archiviare. Neanche con la fuga.

La madre di Kai è un archetipo del cinema horror: la temutissima madre castigatrice che tortura i bambini e li rende nella migliore delle ipotesi vulnerabili e insicuri, nella peggiore degli assassini.
Kai non sfugge al destino dei suoi confratelli di sciagura, e si presenta molto insicuro e parecchio vulnerabile.
Al punto da vedere la madre morta negli specchi o in altre circostanze, anche dopo essersi personalmente assicurato dell'avvenuto e irreversibile decesso della genitrice.
Dal momento in cui entra nella casa della sua infanzia Kai regredisce di colpo e ritorna quel ragazzino spaventato che non ha mai smesso di essere.
Peter, il bambino sparito quella notte, infesta la sua mente e, nonostante sia stato dato per morto all'epoca, in realtà sembra essere ancora nei boschi. La gente comincia a morire e Kai si chiede se per caso Peter non l'abbia fatta franca, con tutte conseguenze che questo può implicare nelle circostanze in cui si era trovato quella notte. Potrebbe addirittura essere stato vittima di qualcosa di peggio della cascata in cui tutti pensavano che avesse trovato la morte.
E a questo punto il destino che tocca ai bambini abusati fa di nuovo capolino sulla scena. E Kai intuisce una verità difficile da mandare giù. Specialmente per lui.

Pål Øie non è nuovo al genere horror, anni fa il suo Dark Woods fu distribuito anche in Italia con un discreto passaparola tra i fan del genere. Non si tratta certo di capolavori, ma l'atmosfera angosciante e la costruzione attenta dei particolari rendono interessanti i risultati di un lavoro che alla base non è, purtroppo, mai originale. Anche in questo caso la parte migliore è nella costruzione dell'atmosfera. Densa, polverosa e oscura essa è la vera protagonista dell'ennesima storia basata sui fantasmi di un'infanzia abusata, che negli horror è straordinariamente comune.
Il racconto si svolge lentamente, avvolto dalla materia di cui sono fatti i ricordi, eterea ma persistente. Il sentimento predominante è l'angoscia, e la misurata interpretazione di Kristoffer Joner rende plausibile l'intero percorso di una vita spezzata e mai realmente vissuta.
La notte persistente che ammanta l'avvicendarsi degli eventi li rende più che mai onirici, e alla fine solo il sangue sarà reale. L'unico elemento in grado di risvegliare i ricordi e le angosce di tutta una comunità, che reagisce come un sol uomo al ritorno di un figliol prodigo, sfuggito ai fantasmi solo per riportarli alla luce con la sua sola presenza.
L'insieme di un'onesta regia, e di un convincente lavoro con gli attori completano il quadro di questo discreto prodotto, che esaurisce tutta la sua funzione nel regalare un'ora e mezza di umana condivisione con le angosce universali di cui tutti, almeno una volta hanno avuto un assaggio.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere