Domenica 3 Luglio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Smiley PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 20
ScarsoOttimo 
Scritto da Rudy Salvagnini   
sabato 26 ottobre 2013

Titolo: Smiley
Titolo originale: Smiley
USA: 2012. Regia di: Michael J. Gallagher Genere: Horror Durata: 90'
Interpreti: Caitlin Gerard, Melanie Papalia, Shane Dawson, Andrew James Allen, Liza Weil, Toby Turner, Roger Bart, Keith David, Richard Ryan, Jason Horton
Sito web ufficiale: www.smileymovie.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 31/10/2013
Voto: 4,5
Trailer
Recensione di: Rudy Salvagnini
L'aggettivo ideale: Fiacco
Scarica il Pressbook del film
Smiley su Facebook

smiley_leggero.pngDalla bambina per cui fa la babysitter, frequentatrice assidua di internet, una ragazza apprende una curiosa leggenda urbana: se qualcuno scrive una determinata frase per tre volte in una particolare video chat, un mostruoso serial killer soprannominato Smiley verrà a uccidere chi sta chattando con lui.
Naturalmente, la prima cosa che fa la ragazza è fiondarsi sulla video chat, venendo immediatamente trapassata dal coltello di Smiley.
Posta questa premessa prima dei titoli di testa, il film parte con la storia principale, che vede la giovane Ashley andare al college, separandosi dal padre, preoccupato che lei non abbia superato il trauma del suicidio della madre.

Ashley divide la casa con la disinibita amica Proxy, che la porta subito a un party studentesco dove Ashley conosce il mentalmente tortuoso Zane e i suoi amici più sempliciotti che si divertono a fare i bulli con il sensibile Binder, con cui Ashley aveva tentato un approccio.
Ma soprattutto Ashley viene a conoscenza della leggenda di Smiley e, addirittura, vede su internet l'omicidio della ragazza della sequenza iniziale.
Nessuno degli studenti che sono con lei, però, Proxy compresa, pensa che sia una cosa vera, dato che è su internet. Ad Ashley vengono dei dubbi vedendo un altro omicidio di Smiley su internet, così Proxy ha la bella pensata di provare a "chiamare" Smiley in video chat: così vedranno che non succede niente e sapranno per certo che è tutto uno scherzo. Ma qualcosa, naturalmente, succede.

L'aggiornamento ai tempi di internet del vecchio format degli slasher che tanto successo ebbe soprattutto negli anni '80, si incrocia con la tematica delle leggende urbane che, qualche tempo fa, hanno avuto persino una serie loro dedicata (Urban Legend e i suoi seguiti) e richiama suggestioni risalenti ai tempi di Candyman - Terrore dietro lo specchio.
Ma oltre a questi riferimenti c'è anche quello, in qualche modo latente, all'hitchockiano Nodo alla gola.
Relativamente nuova è la riflessione sulla difficoltà di individuare il discrimine tra realtà e impostura, che il voyeurismo internettiano sta contribuendo sempre più a confondere: ciò che vediamo sugli schermi dei nostri computer è vero o fasullo? Oppure, meglio, sappiamo capire quando è vero e quando è fasullo?
Qualche discorso filosofico del professore interpretato con gusto da Roger Bart vorrebbe contribuire ad alzare il livello esistenziale della problematica. Il concetto che sta alla base di queste digressioni è interessante e, oltre tutto, pertinente alla storia, ma forse troppo ambizioso, in relazione al modo piuttosto banale con cui è condotta la vicenda.
La trama, infatti, è piuttosto fiacca e la sceneggiatura ha troppi momenti meramente espositivi, al punto che per movimentare le cose, il film deve indulgere spesso in falsi spaventi e scene inquietanti che si rivelano essere sogni.

Curiosamente, per uno slasher, ben poca enfasi viene data agli omicidi e c'è anche scarsa attenzione alla costruzione della suspense. Conseguentemente, la narrazione è poco tesa e non troppo avvincente.
Ashley resta sempre la figura centrale dell'azione: il film gioca molto sull'ambiguità relativa al suo stato mentale e all'effetto che questo può avere sulla sua concreta percezione della realtà. Però Caitlin Gerard è sin troppo vispa per rendere del tutto credibile la fragilità psicologica della protagonista e il personaggio resta poco approfondito.

Melanie Papalia, invece, è petulante e sempre un bel po' sopra le righe nel ruolo della sua amica frivola. Il resto del cast, nell'insieme, è meramente funzionale. Nella piccola parte di un investigatore della polizia si fa notare il bravo Keith David.
L'icona di Smiley è la cosa migliore del film: suggestiva e inquietante, rappresenta l'incarnazione efficacemente mostruosa del più classico degli emoticon.
Il finale è relativamente coerente con le premesse e con l'opportunità di trovare una spiegazione all'accaduto, ma, come negli slasher di una volta, gli autori hanno ritenuto di aggiungere un sottofinale pretestuoso e, in senso letterale, inconcludente.
Seguiti in vista?

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere