Domenica 23 Novembre 2014
Cinemalia Menù
HOME
ANTEPRIME GRATUITE
FILM GRATIS
RECENSIONI NOVITA'
RECENSIONI FILM
RECENSIONI DVD
I FILM CHE USCIRANNO
GLI INEDITI
CULT MOVIE SCI-FI
SORRIDI CON NOI
PROSSIMAMENTE
LUOGHI COMUNI
ARTICOLI CINEMA
CINEMA E CURIOSITA'
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI E CINEMA
COLLABORA CON NOI
CONTATTACI
STAFF
FEED RSS
NEWS & RUMORS
SERIE TV
Cerca in Cinemalia
Newsletter Cinemalia
Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.
Ricevi HTML?
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Pubblicità
Anteprima TFF

Retrospettiva Sono Sion
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)

Libri & Cinema
Prossimamente
The Cloth PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 37
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
mercoledì 21 agosto 2013

Titolo: The Cloth
Titolo originale: The Cloth
USA: 2012. Regia di: Justin Price Genere: Horror Durata: 88'
Interpreti:Eric Roberts, Danny Trejo, Kyler Willett, Rachel Brooke Smith, Robert Miano, Silvia Spross, Perla Rodriguez
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 4
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Indigente
Scarica il Pressbook del film
The Cloth su Facebook

the_cloth_leggero.pngCinema desolato e squallido,"The Cloth" esprime tutta la sua natura di pellicola a basso costo,cui aggiunge la pena dell'assoluto vuoto di immagini,significato e contenuto. Immagini, perchè nel malinconico panorama dello spettacolo da due spicci,il film si piazza in pole position per l'indigenza della grafica e della sezione narrativa.

Significato e contenuto perchè,un po' come in "La setta dei dannati",pare di assistere ad un compendio di farneticanti idiozie e deliranti formulazioni fantastiche fuori da ogni plausibile spettro delle fantasie horror. Le presenze dell'ipercliccato Danny Trejo e del ripescato Eric Roberts nelle file del line up artistico,non aiutano nè lo script inconsistente,nè lo svogliato stile registico (Justin Price) e narrativo e neppure l'incomprensibile montaggio a tenere a galla un lavoro di cui non si intuisce la ragion d'essere.

Dopo un prologo dove due sacerdoti (Danny Trejo e Steven Brand) salmodiano cantilene in latino in un'oscena emulazione de "L'esorcista" di Friedkin e cui il regista non ha negato le ordinarie contorsioni fisiche di "L'altra faccia del diavolo" e "Possession",la scena passa a Jason (Kyler Willett),slavato giovanotto deluso da Dio per avergli portato via i genitori in un incidente. Debitamente e noiosamente istruito da Laurel (Perla Rodriguez) sulla realtà e i motivi delle possessioni demoniache e sull'esistenza di una società segreta religiosa chiamata The Cloth,costituita per combattere Lucifero nelle sue incursioni nella natura umana,Jason,guidato da Padre Diekmen (Lassiter Holmes),viene rivestito di un'armatura benedetta e viene armato di strumenti sacri per entrare in guerra contro le forze del male che stanno minacciando l'umanità.

La sconcertante banalità del film appare evidente fin dall'incipit,un'imbarazzante resumazione di trovatacce muffe male imbastite in un componimento stantio ed irritante. La sproloquiante formulazione teologica che fornirebbe la spiegazione dell'esistenza della società religiosa,un insostenibile e tedioso bisbiglio dell'archivista Laurel,apre il primo rullo del film in una soporifera esposizione di sfinenti teorie fantareligiose e pseudoclericali,dove Apostoli,Papato,Impero Romano,Chiesa d'occidente,scritti apocrifi e Belzebù si compongono in un guazzabuglio di fantasie demenziali che malcelano un'improbabile ispirazione alle migliori teorie romanzate di Dan Brown.

Il film è misero in tutto,nell'anestetizzante narrazione,nella struttura traballante,nei dialoghi surreali,nel montaggio inesistente,nell'architettura scenica,nell'indigente livello degli effetti,fino allo score, inopportuno e fastidioso collage di temi rock-pop. Afflitto da un senso di noia che vira subito all'irritazione,"The Cloth" raccatta ovunque trova stralci di lavori che lo spingono ai titoli di coda,da "Blade" a "Vampires",a "Dracula di Bram Stoker",all'infinita collezione di Possession Movies di ogni età e botteghino,ma in questo lavoro Price (che non si nega un cameo nelle vesti del demone Kasdeya) sembra voler solo reclamare un compendio farsesco degli spettacolini poveri in canna,senza l'ombra di una fantasia e con l'identità assente di un recupero senza forma.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_home_1.png twitter_home_1.png facebook_home_1.png SiteBook


Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
The White Haired Witch of Lunar Kingdom
Brotherhood of Blades
Kundo: Age of the Rampant
Broken
Obsessed
Aberdeen Far East Festival
Coming Home Cannes 2014
The Five
Montage Florence Korea Film Fest
Our Sunhi Florence Korea Film Fest
Why don’t you play in hell? Venezia 2013
Secretly, Greatly Florence Korea Film Fest
Hide and Seek Film d'apertura del Florence Korea Film Fest
Hwayi: A Monster Boy
The Face Reader
The White Storm
R100 Toronto Film Festival
The Terror Live
No Man’s Land
Real Toronto Film Festival
Unbeatable
Blind Detective Courmayeur Noir in Festival
A Woman and War Anteprima Torino film festival
Snowpiercer Festival di Roma
Gli articolii più letti
Box Office
I Top Movie del Week-End dal 14 al 16 Novembre 2014
1) La scuola più bella del mondo
2) Interstellar
3) Andiamo a quel paese
4) Il mio amico Nanuk
5) Doraemon 3D
6) Clown
7) Dracula Untold
8) Lo sciacallo - The Nightcrawler
9) Confusi e felici
10) Il giovane favoloso
In Blu-Ray questo mese
Brick Mansions
Nymphomaniac - Volume 2
3 Days to Kill
Transcendence
Mai così vicini
Aftershock
Tutte contro lui - The Other Woman
Cam Girl
Sabotage (2014)
Transformers 4 - L'era dell'estinzione
Jersey Boys
1303 - La paura ha inizio
Archivio per genere
Sondaggi
Il prezzo dei biglietti aumenta, cosa ne pensi?