Venerdì 19 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
The Covenant PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 16
ScarsoOttimo 
Scritto da Andrea D'Addio   
mercoledì 14 febbraio 2007

The Covenant
USA: 2006. Regia di: Renny Harlin Genere: Horror Durata: 97'
Interpreti: Steven Strait, Sebastian Stan, Laura Ramsey, Taylor Kitsch, Toby Hemingway, Jessica Lucas, Chace Crawford
Recensione di: Andrea D'Addio

thecovenant.jpgCovenant, ovvero un'alleanza, un patto solenne che unisce fin dalla loro nascita quattro ragazzi della piccola Ipswich americana. Sono i discendenti dei primi coloni inglesi che fuggirono dalla madrepatria quando la caccia alle streghe divenne la giustificazione di qualsiasi evento negativo. Ed il loro problema era che i poteri magici li avevano davvero. Adesso, a pochi giorni dal diciottesimo compleanno di uno di loro, età che gli consentirà di avere ancora più potere, strani episodi stanno accadendo nella cittadina. Maledizioni, fantasmi e coincidenze davvero particolari turbano la tranquillità della provincia. Ecco quindi The covenant. Più originale di un servizio sul meteo lanciato da Studio Aperto, il film di Renny Harlin (un finlandese che nella sua anonima carriera ha comunque realizzato i decenti Cliffangher, Spy e DieHard 2) è quanto di più studiato a tavolino si possa immaginare. Il che non è neanche un male di per sé, se non fosse che l'esito è una noia travolgente. A partire dai titoli di testa che paiono presi dalla sigla iniziale della serie "Buffy - l'ammazza vampiri", si susseguono sprazzi di tutti i prodotti (cinematografici e televisivi) visti o vedibili in giro. Da "Highlander" a "It" (o magari quella scena nella doccia aveva la presunzione di richiamare Psycho), passando per i voli di "Matrix", le palle energetiche di "Dragon Ball", i finti cattivi con i capelli biondi a caschetto come l'anti-Harry Potter ed elucubrazioni mentali sul potere alla "Star Wars". Il target è quello degli adolescenti (non tutti, ma alcuni), maschi o femmine che siano. Che a seconda del sesso strabuzzano gli occhi davanti a belle ragazze che parlano semi-svestite nella loro cameretta, o se ne vanno in giro con un solo asciugamano a coprirle e ragazzi dai fisici scultorei che parlano del più e del meno nello spogliatoio della piscina, lasciando vedere il fondoschiena. Regia fiacca, che utilizza qualsiasi espediente pur di far salire una tensione che si sarà nascosta nella presa elettrica più vicina. Musica rock, che rende più fico qualsiasi discorso sul satanismo, ironia zero, finale ricco di ormai convenzionali effetti speciali, e la terribile sensazione che il film più che horr-or sia horr-ibile.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere