Martedì 27 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
The Disappeared PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 15
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
lunedì 03 novembre 2008

The Disappeared
Titolo originale: The Disappeared
Regno Unito: 2008. Regia di:  Oliver Blackburn Genere: Horror Durata: 96'
Interpreti: Harry Treadaway, Greg Wise, Alex Jennings, Finlay Robertson, Nikki Amuka-Bird, Ros Leeming, Bronson Webb, Bronson Webb, Lewis Lemperuer Palmer, Jefferson Hall, Tyler Anthony,  James Cook, T'Nia Miller, Benedict Martin, Daniel Tatarsky
Sito web: www.thedisappearedthemovie.com
Nelle sale dal: Ravenna Nightmare Film Fest 2008
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella

thedisappeared_leggero.jpegMatthew Ryan cerca di rimettere insieme il suo rapporto col padre dopo la scomparsa di suo fratello Tom. Ma le cose sono molto più difficili di quanto lui immagini, dal momento che suo padre lo ritiene responsabile dei fatti accaduti a Tom. Inoltre a Matthew sembra di sentirne la voce di tanto in tanto.

Immaginate la periferia industriale di Londra. Già di per sè un luogo triste e deprimente.
I grossi palazzi incombono sotto un cielo talmente grigio da sembrare dipinto. Poi c'è un ragazzo il cui fratello di otto anni è scomparso senza lasciare tracce. Una ragazza con un padre violento, e un certo numero di ragazzini aggressivi che girano organizzati in bande, terrorizzando i più piccoli.
Di che angosciarsi anche senza sentire le voci dei morti. Ma Matt non solo sente la voce di suo fratello Tom, scomparso dal parco giochi in cui si era rifugiato mentre suo fratello dava una festa, ma vede anche persone che non dovrebbero esserci. Si, lui vede la gente morta.
Una medium cerca di aiutarlo, e una ragazza, che abita di fianco a lui gli sta vicino, ed è la sola a non pensare che lui sia impazzito. E su questo filo sottile si gioca l'intera storia. Ma proprio quando tutti si saranno convinti che Matt è uno psicotico, sparisce una ragazza, sorella di un suo amico. A quel punto Matt decide di seguire le sue visioni e scopre una realtà molto peggiore di qualsiasi fantasia.

Omaggio dichiarato al Sesto Senso, The Disappeared è in realtà molto più complesso del suo modello.
Il regista, presente alla proiezione, ha dichiarato di aver voluto girare un horror quotidiano, realistico.
Infatti per la quasi totalità della pellicola tutto quello che vedremo sarà un ragazzo che perde progressivamente la ragione, in un mondo ostile fatto di persone insensibili. La scomparsa di suo fratello e l'ambiente freddo e dolorosamente impietoso, fanno da detonatore a tutte le angosce nascoste nella sua mente. La sua sola compagnia è costituita da persone che lui non dovrebbe nemmeno poter vedere, dal momento che alcune sono morte anni prima. E di altre nessuno sa nulla da tempo. Inoltre il posto in cui vive si riempie di ombre a mano a mano che lui aggiunge un tassello alla sua ricerca. Suo fratello non è morto, lui ne sente la voce, e lo sogna in un luogo buio e freddo, coperto di terra.
Girato con uno stile accurato The Disappeared è composto di due parti. Nella prima c'è la storia di un ragazzo disturbato in una periferia industriale degradata. Nella seconda, quando la realtà si sfilaccia e i colori perdono i loro contorni, sullo sfondo compare un'altra storia: quella di un fantasma che si nutre di vite umane. Vite giovani. Il cui orribile destino è di sparire senza lasciare tracce. E i cui resti saranno alla fine trovati solo per caso. In un luogo buio, che Matt sogna già dalla prima notte in cui è tornato a casa. La notte in cui smette coi farmaci. E sente la voce di Tom.

Il regista Johnny Kevorkian ha dichiarato di avere come riferimento l'horror tradizionale, quello britannico classico basato esclusivamente sugli spifferi e sulle ombre. Nessuna esplosione gratuita di sangue o violenza, ma un unico progressivo, lento, degenerare, che si conclude nella sola maniera immaginabile per un horror: la morte.
Il plot è avvincente, e il tocco finale, che motiva il tutto senza stravolgere la percezione dello spettatore, rende solo leggermente più nera, una storia di quotidiana alienazione. Kevorkian ha ripetuto a più riprese che la realtà nel suo paese, al momento, è piena di storie di violenza da parte di adolescenti.
Di bande che terrorizzano i più piccoli, e di situazioni di degrado urbano da fare spavento. Motivo per cui il suo è un horror realistico. Nessun simbolismo è presente nel suo lavoro. Solo chiara esposizione di una realtà dura e di difficile vivibilità. I colori sono soltanto infinite variazioni del grigio.
L'unico momento in cui vedremo del colore sarà nei flashback di un passato, talmente lontano da sembrare un sogno. E il futuro è così grigio da sfociare in un nero i cui contorni svaniscono al progressivo avanzare della realtà che tutto fagocita, e in cui non c'è posto per nessuno che non abbia avuto la forza di sopravvivere da solo alle disgrazie di una vita spezzata dalla sfortuna.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere