HOME arrow Fantascienza arrow The Horde
Venerdì 19 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
The Horde PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 7
ScarsoOttimo 
Scritto da Biagio Giordano   
sabato 02 ottobre 2010

The Horde
Titolo originale: La Horde
Francia: 2009. Regia di: Yannick Dahan, Benjamin Rocher Genere: Horror Durata: 90'
Interpreti: Eriq Ebouaney, Jo Prestia, Aurélien Recoing, Jean-Pierre Martins, Claude Perron, Antoine Oppenheim, Yves Pignot, Sebastien Peres
Sito web: www.lahorde-lefilm.com
Nelle sale dal: 01/10/2010
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Biagio Giordano
L'aggettivo ideale: Sopra le righe
Scarica il Pressbook del film
The Horde su Facebook

The HordeNella banlieue (periferia) parigina quattro poliziotti, tre uomini e una donna, snervati dal lavoro, insoddisfatti della propria vita, ormai avviati sulla strada della corruzione, decidono di vendicare un amico-collega, Mathias, assassinato da un gruppo di criminali appartenenti a etnie diverse tra le quali quella nigeriana che vivono rinchiusi in un immobile condominiale fatiscente, popolare e semi-abbandonato.
Il capo del gruppo, Ouessem, partecipa al funerale dell’amico, e promette alla moglie del defunto che il regolamento dei conti avverrà senza altre perdite del loro gruppo-famiglia.
I quattro, vestiti di nero e con il viso coperto da un passamontagna scuro, giungono di sera nell’atrio condominiale del palazzo dove hanno trovato rifugio i delinquenti, e chiedono all’ex guardiano informazioni sul numero degli occupanti l’appartamento da forzare, l’uomo sorpreso e un po’ impaurito non riesce a dare informazioni precise, ma delirando sembra  volersi schierare subito dalla  loro parte come se ciò comportasse la partecipazione a una giusta azione contro l’abbandono forzato degli abitanti della banlieue voluto dalla borghesia parigina.
I quattro tentano un colpo a sorpresa, si avviano perciò velocemente per le scale con un ritmo da blitz militare raggiungendo in pochi istanti  l’alloggio dei criminali, ma proprio mentre stanno per far saltare la porta con del mini esplosivo plastico scoprono amaramente che il loro arrivo era in un certo senso atteso. I malviventi infatti non appena  sentono dall’esterno la voce del guardiano, che nel frattempo ha raggiunto i quattro sul pianerottolo per dare loro un fucile speciale, sparano verso la porta chiusa perforandola e ferendo un poliziotto, Jimenez, poi escono e uccidono  l’ex guardiano.

Il gruppo malavitoso  sequestra gli sbirri nell’appartamento, terrorizzandoli, uccidono Jimenez, e feriscono a una gamba Tony, cercano quindi di capire bene perché essi si trovano lì;  l’impresa vendicativa  dei poliziotti da quel momento  si complica  terribilmente perché i tre si vedono precipitare in un’atmosfera da incubo.
Intrappolati dai loro nemici, i poliziotti superstiti si aspettano da un momento all'altro di essere uccisi, quando a un certo punto accade l'impensabile: torme di creature rumorose e sanguinarie, sporche di sangue sulla bocca, assediano il palazzo cercando di entrare al suo interno per aggredire e divorare le persone rimaste.
Gli sbirri e i malviventi, sconvolti, si rifugiano di notte sul tetto, ma lo spettacolo che si para ai loro occhi è allucinante,  scoprono sbigottiti che Parigi è piombata nel caos. Centinaia di persone si muovono in modo scoordinato, strano, quasi con lo sguardo assente, sulle strade si notano masse informi di cadaveri. Si scorgono dappertutto edifici  incendiati, oscurati dal fumo, alcuni semidistrutti, che danno alla capitale francese un aspetto allucinante, un’atmosfera da apocalisse.

Da una televisione accesa in un appartamento di un inquilino grasso e bellicoso, René, abitante al quarto piano, unitosi al gruppo con un’ascia, si viene a sapere che si sta diffondendo nella metropoli un’epidemia di cannibalismo che fa resuscitare i morti contagiando anche i vivi, soprattutto i  cinesi più miserabili presenti nelle periferie di Parigi.
Feriti e impauriti per il rischio di perdere la vita, i poliziotti e i malviventi non hanno altra scelta che unire le proprie energie per tentare di sfuggire all’imminente assedio degli zombi-cannibali. Li attendono la discesa di 15 esigui piani, in parte già devastati dai morti-zombie appartenenti ai loro compagni uccisi negli scontri nell’appartamento; durante la discesa dei 15 piani l’alleanza funziona, il gruppo riesce a respingere l’assalto degli zombie più familiari compreso  l’ex guardiano ucciso da poco e il gruppo passa addirittura al contrattacco.
Più in là però l’alleanza risulterà molto difficile perché sia nel gruppo degli sbirri che in quello dei malviventi emergeranno vecchie ruggini che creeranno  pesanti liti e divisioni.
Riusciranno i tre sbirri a sfuggire  all’orda apocalittica e a regolare poi i conti in sospeso con i delinquenti capeggiati dal criminale Markudi?

I due giovani registi francesi Yannick Dahan e Benjamin Rocher,  alle prime armi nel lungometraggio, stupiscono per sicurezza registica e realizzazione tecnica. Il  linguaggio filmico dei colori è sempre ben intonato, con gradazioni intense, sature, dense, e contrasti ben scuri che diventano essi stessi soggetto anziché solo accompagnamento espressivo, pittorico, perché preannunciano inequivocabilmente, irrimediabilmente, l’entrata in scena di psicologie dure, malate, alienate dal ritmo crudele della vita,  finché l’alba inoltrata e una via d’uscita verso l’aperto più solare del palazzo  non porrà fine alla carneficina di massa cambiando i colori della scena .
Eccellente la composizione fotografica e la residua luce che la anima, entrambe di  non facile realizzazione per via degli interni costantemente scuri e qua e là fatiscenti.
Per non parlare poi delle profondità di campo, mai insufficienti nelle scene chiave, sempre allungate al massimo con una messa a fuoco totale, apprezzabilissima.
Il montaggio del film  è pressoché perfetto, sicuro, dà molta scorrevolezza alla narrazione grazie alla presenza di una scena d’azione in ogni ciak, anche in quelle sequenze che appaiono inizialmente lente.
Grazie alle numerosissime scene d’azione girate il montaggio poi accelerato contribuisce notevolmente alla creazione del ritmo narrativo travolgente della pellicola.

Ma soprattutto il film sorprende per un gusto-horror sopra le righe, originale, autentico, raro nel cinema francese. In particolare la pellicola brilla di un sale nuovo,  desta dall’inizio alla fine un interesse senza pause, addirittura matematicamente esponenziale, delineando una narrazione sempre ricca di suspense e tensioni che in prossimità del finale sorprende e stupisce ancor di più, rilasciando un soluzione terminale altamente drammatica, inaspettata, una conclusione che è forse il fiore all’occhiello di questo ottimo film horror francese.
Gli unici difetti di rilievo del film stanno forse  nello scarso numero degli intrecci e in una eccessiva verbosità. Gli intrecci tra l’altro sono tutti originati da situazioni interne, esageratamente claustrofobiche.
Da un punto di vista un po’ più filosofico e sociologico il film appare ricco di metafore storiche ben imparentate con la vera storia francese di questi ultimi anni. Sono metafore del tipo “ad ampio raggio realistico”, soprattutto per quanto riguarda l’immaginario collettivo dei francesi, esse infatti colgono con spirito spettacolare, cinematografico, ansie, paure, conflitti sociali, di un mondo quello delle banlieue  tuttora sempre sul punto di esplodere violentemente, di tuonare con effetti imprevedibili capaci di far perdere del tutto il tradizionale controllo di questo territorio critico, malato, come d’altronde è già successo nel novembre del 2005.

In quell’anno fatidico per le istituzioni democratiche francesi, due giovani delle banlieue per sfuggire ad una retata della polizia, si erano rifugiati in una cabina elettrica ad alta tensione rimanendone fulminati, in pochissimo tempo da tutte le periferie, quelle socialmente più emarginate della Francia, partì una reazione di protesta violenta, distruttiva, che interessò circa duecento comuni; vennero date alle fiamme migliaia di automobili,  centinaia di negozi e magazzini vennero devastati, nelle periferie si formarono numerosi  campi di battaglia con da una parte poliziotti armati pronti a far fuoco, spesso sfiniti, stressati, e dall’altra gli abitanti delle periferie i cui sguardi televisivi erano sempre colmi di odio e rabbia animalesca.
Era una situazione sociale quella francese  del 2005 effettivamente molto critica, i movimenti di protesta agivano con una modalità brutale, veramente paurosa sia per le istituzioni sia per le altri classi sociali più integrate come quella piccola borghese che subì  danni ingenti.

Si era creata come nel film una situazione a tratti apocalittica, di grande estensione territoriale e culturale che ne potenziava la forza contrattuale, sia con un forte eco mediatico  verso altri generi di precariato, sia richiamando anche alleanze internazionali, di altri partiti sopratutto occidentali, indubbiamente di sinistra, molto sensibili al problema, che non lesinavano aiuti concreti e riconoscimenti politici -simbolici finalizzati alla costruzione di uno stato del diritto francese più attento alla difesa delle minoranze etniche e delle piccole opposizioni.
Il film rispecchia psicologicamente, pur esprimendosi in una forma narrativa diversa, quel difficile periodo francese delle rivolte, nel senso che ci fa sentire bene la forza di quell’odio sociale, la sua drammaticità, l’astio pauroso, irrimediabile, bivalente che portava a impugnare la pistola, nella massima indifferenza alla morte, sia i poliziotti che gli abitanti delle banlieue.

Gli zombi del film potrebbero allora essere una metafora-umana di qualità rara, riferita a una battaglia interminabile, immortale, tuttora in corso dove i morti  in precedenza negli scontri, uccisi per disprezzo o  spregio dai socialmente più forti, non porterebbero nei vinti a cui appartengono, a forme di rinuncia e rassegnazione, ma moltiplicherebbero la loro forza per quando in un inevitabile giorno decidessero,  all’improvviso, di risorgere come gli zombi, animati da una nuova e più potente rabbia, procurando seri danni alla Francia bene, piccolo borghese e lussuriosa governata frequentemente in questi casi, da regimi reazionari che raggirano la democrazia e il diritto e fanno del razzismo e della xenofobia il loro punto di forza elettorale.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere