Mercoledì 28 Settembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
The Loved Ones PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 12
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
giovedì 21 ottobre 2010

The Loved Ones
Titolo originale: The Loved Ones
Australia: 2009. Regia di: Sean Byrne Genere: Horror Durata: 84'
Interpreti: Xavier Samuel, Robin McLeavy, John Brumpton, Richard Wilson, Victoria Thaine, Jessica McNamee, Andrew S. Gilbert, Suzi Dougherty, Victoria Eagger, Anne Scott-Pendlebury, Bright Eyes, Fred Whitlock, Leo Taylor, Brandon Burns, Takeaway Shop, Stephen Walden, Timmy Valentine, Igor Savin
Sito web ufficiale: www.thelovedonesmovie.com
Sito web italiano: 
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Caramellato
Scarica il Pressbook del film
The Loved Ones su Facebook

The Loved OnesLa vita di Brent Mitchell cambia radicalmente quando rimane coinvolto in un incidente d’auto in cui il padre perde la vita. Oppresso dal senso di colpa, il ragazzo sviluppa tendenze autolesioniste, ma per fortuna può contare sulla sua fidanzata, Holly, che progetta di invitare al ballo di fine d’anno della scuola. Ma Brent non sa di avere un’ammiratrice segreta, Lola, abituata ad ottenere sempre quello che vuole.
Revival in gran spolvero dell’Ozploitation, quella immortalata nell’istruttivo documentario “Not Quite Hollywood”, questo esordio dell’australiano Sean Byrne pecca di originalità, ma si fa in parte perdonare per la discreta padronanza della messa in scena e la buona prova degli interpreti.

Propinare allo spettatore l’ennesima famiglia disfunzionale con tanto di risvolti incestuosi, naturalmente in chiave horror-grottesca, non farà certo vincere a Byrne un premio per la migliore sceneggiatura, ma la verve del regista supplisce alle numerose carenze ed illogicità riscontrabili in fase di scrittura, compresa una storia parallela che non sembra portare da nessuna parte.
L’idea sarebbe quella di far partire “The Loved Ones” come una teen-comedy degli anni ’80, di quelle ambientate in una scuola superiore, e poi ribaltarla completamente, trasformandola in un horror. In pellicole di questo tipo la scuola è generalmente popolata da una fauna stereotipata di adolescenti, e anche in questo caso ci ritroviamo alle prese con degli archetipi: l’introverso e affascinante Brent, l’affettuosa fidanzata Holly, Jamie, l’amico sfigato che tenta di rimorchiare, Mia, la Goth della scuola, e la bamboleggiante Lola Stone. Il problema è che Lola non è abituata a sentirsi dire di no e, al rifiuto di Brent di accompagnarla alla festa, lo fa rapire dal padre per portarselo a casa dove, con la complicità dello sciroccato genitore, inscenerà la sua personalissima “Prom Night”, in cui verrà incoronata reginetta del ballo.
E qui la commedia precipita nell’incubo, sia pure in un incubo dai caramellosi colori pastello. Lola è infatti una Barbie psicotica dotata di notevoli quanto letali strumenti di persuasione, abituata a raccogliere intorno alla sua tavola i fidanzati recalcitranti.

Sinceramente sfugge dove Byrne voglia andare a parare, dato che non sembra di cogliere intenti satirici nella rappresentazione delle distorte dinamiche famigliari dell’allegro terzetto. Le implicazioni incestuose evidenti nel rapporto tra “Princess” e “Daddy” (come recitano i titoli di coda) non vanno al di là dell’ironica caricatura, e di famiglie simili a questa, composta da figlia sociopatica, padre collaborazionista e madre lobotomizzata, sono pieni i cimiteri dell’horror fin dai tempi di “Non aprite quella porta”. Pare francamente difficile riuscire ad aggiungere qualcosa di nuovo sull’argomento,  al massimo si può discutere di quanto funzioni questa inedita versione della “Misery” kinghiana, che sposta l’accento sulle insicurezze, le ansie e le ossessioni dell’adolescenza.
La risposta è semplice. “The Loved Ones”, nonostante il regista dichiari un po’ avventatamente che il suo modello è nientemeno che Paul Thomas Anderson e che il suo è un film sul dolore e sul modo di affrontarlo, funziona a corrente alternata, e le ambizioni appaiono sproporzionate rispetto ai risultati raggiunti. L’esiguità del plot principale non regge neanche lo scarso minutaggio, costringendo Byrne ad una digressione superflua, ovvero la storia di Jamie e Mia, la cui unica ragione di esistere consiste nel permettere una momentanea evasione dal soffocante teatrino di torture assortite, messo in scena da Lola nella Piccola Casetta degli Orrori. Un teatrino che non riserva però nessuna sorpresa e a cui abbiamo già assistito mille volte, a partire dall’incipit fino alla prevedibile conclusione.

Molto efficaci Robin McLeavy nel ruolo della bambola demente, spesso accompagnata dalla canzone “Not Pretty Enough”, e Xavier Samuel (Twilight: Eclipse) nella parte di Brent, considerato che il personaggio è muto per la gran parte del tempo, grazie alle attenzioni ricevute dalla sua corteggiatrice indesiderata. Sean Byrne dimostra una buona padronanza del mezzo cinematografico ma si rivela sceneggiatore inesperto, e si spera che prima o poi s’imbatta in un professionista  di passaggio.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere