Venerdì 19 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
The Shock Labyrinth: Extreme 3D PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 67
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
giovedì 24 febbraio 2011

The Shock Labyrinth: Extreme 3D
Titolo originale: Senritsu meikyu 3D
Giappone: 2009. Regia di: Takashi Shimizu Genere: Horror Durata: 88'
Interpreti: Yuya Yagira, Misako Renbutsu, Ai Maeda, Suzuki Matsuo, Ryo Katsuji, Erina Mizuno
Sito web ufficiale: www.3d-shock.asmik-ace.co.jp
Sito web italiano: www.shocklabyrinth.it
Nelle sale dal: 18/02/2011
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Cupo
Scarica il Pressbook del film
The Shock Labyrinth: Extreme 3D su Facebook

The Shock Labyrinth: Extreme 3D“The Shock Labyrinth: Estreme” è stato presentato alla 67a Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, distribuito in Italia dal 18 febbraio 2011 da Wave Distribution.
Il regista Takashi Shimizu si è fatto conoscere dal grande pubblico con “The Grudge” (2002) e “Ju-On: The Grudge 2” (2003). Il consenso ottenuto ha spinto il regista Sam Raimi a chiedere a Shimizu di rifare una versione americana per ognuno dei due film, usciti rispettivamente nel 2004 e nel 2006, riscuotendo un successo clamoroso per un regista giapponese.

In “The Shock Labyrinth: Estreme” Shimizu ritorna a parlare di fantasmi vendicativi, che tormentano le persone colpevoli della loro sorte, in una veste del tutto nuova, utilizzando il 3D.
Dopo anni Ken ritorna alla città natale, ma non è il solo, anche Yuki fa la sua apparizione, bussando alla porta di Rin. Dieci anni prima Yuki si trova con i suoi tre amici: Ken, Motoki e Rin e sua sorella minore Miyu in un parco divertimenti e la ragazza scompare nella casa stregata.
Da allora tutti hanno cercato di rimuovere l’accaduto e hanno continuato le loro vite. Nel giorno del rientro di Ken, Yuki li riunisce nel luogo dove tutto è iniziato. Sarà una notte di resoconti, durante la quale affioreranno sensi di colpa e pensieri taciuti. Il film mostra un uso sapiente del 3D, non limitandosi a far saltare fuori le cose dallo schermo.

L’intento principale di Shimizu è stato quello di raccontare una storia fatta soprattutto di sentimenti ed emozioni, che procedono dal senso di perdita alla disperazione, dal senso di colpa alla gelosia, dalla vendetta al rimorso. Ogni personaggio prova più d’uno di questi stati emotivi: Ken soffre per la morte della madre, ma ha perso anche l’amica che aveva promesso di proteggere, sentendosi in colpa e tormentato per quanto le è accaduto. Motoki si sente estraneo a tutto ciò, fino a quando non comprende che anche lui ha avuto una parte determinante.
La gelosia di Rin nei confronti di Yuki la porta a mentire e quella di Miyu la porta a desiderare che la sorella scompaia. Il rimorso che li pervade arriva troppo tardi e la vendetta di Yuki fa il suo corso. In un film in cui realtà e fantasia si confondono, la chiave di lettura non è sempre scontata.
Ci si imbatte, a volte, in clichè di genere fin troppo utilizzati, che rappresentano un’interruzione di corrente in un tessuto dall’ordito impegnativo e la performance di Yuya Yagira (Ken) non è delle migliori.
Il film, tuttavia, è visivamente potente, il regista immerge lo spettatore in labirinti, che oltre che fisici si dimostrano essere mentali, inoltre gioca molto sul potere della pioggia che modifica il suo incedere quando è presente il fantasma.
La fotografia di Tsukasa Tanabe crea un’atmosfera cupa e straniante e la modulazione della luce regala un senso di mistero. Le musiche di Kuniaki Haishima sono avvolgenti e sottolineano il senso di inquietudine dei personaggi.

Il parco divertimenti Fuji-Q Highland, in cui è ambientato il film, è realmente esistente e la casa stregata in cui si ritrovano i personaggi è la più grande al mondo, entrata nel Guinness dei primati, ci vogliono cinquanta minuti per essere visitata. Inoltre è legata a una leggenda metropolitana: si dice che prima fosse un ospedale e dopo la sua chiusura sia stato incorporato nel parco. Che la leggenda sia vera o no, i produttori ne sono rimasti affascinati tanto da sceglierla come location.
Takashi Shimizu mostra una cifra stilistica riconoscibile, dedicandosi molto all’estetica del film.
L’utilizzo del rosso nel tappeto che ricopre il lunghissimo corridoio, oltre ad avere una forte valenza in Giappone, infonde luminosità alle sequenze.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere