HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Horror arrow Wrong Turn 3 – Svolta mortale
Martedì 20 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Wrong Turn 3 – Svolta mortale PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 15
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
lunedì 10 maggio 2010

Wrong Turn 3 – Svolta mortale
Titolo originale: Wrong Turn 3 Left for dead
USA: 2009 Regia di: Declan O'Brien Genere: Horror Durata: 92'
Interpreti: Janet Montgomery, Tom Frederic, Gil Kolirin, Tamer Hassan, Borislav Iliev, Chucky Venice, Todd Jensen, Bill Moody, Louise Cliffe
Sito web:
Nelle sale dal: Inedito in dvd
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Pallido
Scarica il Pressbook del film

Wrong Turn 3 Svolta mortaleHome Enterteinment di bocca buona,pensato per gli estimatori dei sequel antigaranzia destinati agli archivi delle pellicole per soli DVD. Chi ha lo sguardo attento a cogliere i passaggi di età dell’industria del cinema nelle diverse stagioni della sua esistenza,ha certo avuto modo di stupirsi di come oggi l’economia dello spettacolo indulga non poco sulle mozioni degli Studios americani indette a favore della programmazione dilatata di progetti in previsione di continuità e tanto più questo è vero,quanto più il proposito è relativo a prodotti di scarso rilievo artistico.

Gli scaffali dell’horror cedono sotto il peso di un’infinità di offerte rigenerate ad libitum in sequel o prequel fino ad esaurimento in termini di argomenti e di tolleranza. La saga “Wrong Turn” non sfugge alla generalizzazione e dà vita al terzo episodio della stirpe,risparmiando ai frequentatori delle sale il rischio di denaro mal speso ma insidiando il prossimo seduto sulla poltrona di casa.

Al consueto prologo infittito di irritanti ormonici adolescenti usualmente destinati al massacro,la scena si sposta al penitenziario di Grafton,dove un cellulare blindato scortato da un gruppo di guardie armate trasferisce alcuni carcerati,tra i quali spiccano per pericolosità il messicano Chavez (Tamer Hassan) e il turpe Floyd (Gil Kolirin),altrettanto feroce e sempre contrapposto a Chavez.
Entrambi progettano la fuga e le loro divergenze,pur negli stessi intenti,provocano continui scontri e violenze all’interno del gruppo messo sotto la custodia di Nate Wilson (Tom Frederic),al suo ultimo giorno di servizio prima di ritirarsi per dedicarsi a studiare legge.
Durante il trasferimento tuttavia,il furgone viene dirottato nella foresta dal mutante cannibale (!) Tre Dita (Borislav Iliev),unico superstite della famiglia ridotta negli episodi precedenti,che decima le guardie ed insegue nel bosco Nate e Chavez e i pochi sopravvissuti.
Nella fuga il gruppo incontra Alex (Janet Montgomery) unica rimasta viva nel massacro dei ragazzi in apertura della storia e si imbattono in un furgone abbandonato pieno di denaro.
La caccia continua tra fiumi di sangue e vittime massacrate nei modi più fantasiosi.
Grottesca alternativa ad una serata spesa meglio,il film del regista Declan O’Brien (“Snakeman – Il predatore”),non regala nulla né di nuovo né di vecchio,dato che,spento il lettore,non resta che il vuoto in soggiorno e nella memoria.
Inutile la ricerca,quella del miglior intenzionato,a trovare indizi celati in sottotrame o secondi piani,perché quello che c’è da vedere è già stato visto e dimenticato.

Semmai,una discriminante la si scorge nella personalizzazione dei protagonisti,una volta tanto individui adulti anziché spocchiosi ragazzotti,dotati forse di un comportamento a senso compiuto,cosa che può aiutare in parte a reggere la drammatica debolezza della trama.
Appaiono sul palcoscenico quattro generi di persone:i sorveglianti,i loro contraltari,la reietta fascia dei carcerati,l’adolescente scampata e il killer montanaro ed ovunque c’è scontro – senza tensione – inserito a tutti i livelli,tra guardie e detenuti,fra le fila stesse dei prigionieri,fra il gruppo ed il pericolo comune che li minaccia,ma non si avverte alcuna ventata emotiva,nulla che possa scuotere le emozioni,fatto salvo i fastidi per i continui irritanti gridolini del grottesco Tre Dita,più Gremlin dei boschi che omicida seriale.
Timing basso,montaggio da accademia per dilettanti filmakers e nessuna forma di decoro narrativo,qui inteso come contraddizione in termini,qualificano un film strutturato su una sceneggiatura (Connor James Delaney) inconcludente senza essere supportata da alcun tipo di contenuti.

Il debole tentativo di tracciare una timida morale sul valore del denaro rapportato alla vita umana si squaglia in una prevedibile galleria di figurine preconcette,corredata da una linea disarmonica di dialoghi a perdere.
O’Brien azzarda anche il colpo di coda,modellando l’epilogo del film sulla metafora del male che si nutre di sé stesso,ma l’allegoria non convince e l’ultimo minuto,anziché sorprendere,pare un forzato inserimento tardivo.
Resta difficile dare un senso alla perplessità insistente di fronte alle aspettative degli Studios verso un regista che viene da essi stessi proclamato come veterano dei film di fantascienza.
C’è davvero poco.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere