HOME arrow PROSSIMAMENTE: arrow Contagious - Epidemia mortale: nuove clip in italiano e intervista ad Arnold Schwarzenegger
Domenica 29 Gennaio 2023
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Contagious - Epidemia mortale: nuove clip in italiano e intervista ad Arnold Schwarzenegger PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
giovedì 25 giugno 2015

Contagious - Epidemia mortale: nuove clip in italiano e intervista ad Arnold Schwarzenegger

Debutta oggi nei cinema italiani Contagious - Epidemia mortale (Maggie), il dramma post-apocalittico che vede protagonisti Arnold Schwarzenegger e Abigail Breslin nei panni di padre e figlia alle prese con una devastante pandemia zombie.
M2 Pictures ha reso disponibili nuove clip in italiano del film che vi proponiamo insieme ad alcune note i produzione  in cui Schwarzenegger, la Breslin e il regista Henry Hobson parlano del film.

Ambientato in un futuro post-apocalittico dove un virus letale sta lentamente trasformando la popolazione in zombie, Contagius vede protagonista Arnold Schwarzenegger, leggendario interprete di film d’azione, nei panni di un contadino e di un padre coraggioso e protettivo, che si rifiuta di rinunciare alla figlia di 16 anni, Maggie, interpretata da Abigail Breslin, quando viene contagiata dal morbo – e che resta solo di fronte all’orrore e alla straziante decisione da prendere prima che sua figlia si trasformi. Schwarzenegger racconta:

“È una cosa nuova per me, e anche per il genere zombie. È davvero un film diverso, e non volevo solo recitare, ho deciso anche di produrlo, che è una cosa che di solito non faccio mai”.

Basata su una sceneggiatura originale dell’esordiente John Scott, rientrata nella Black List delle migliori sceneggiature non prodotte del 2011, Contagius segna il debutto alla regia di Henry Hobson, celebre graphic designer, regista di spot pubblicitari e title sequence director, ma anche la prima volta di Schwarzenegger come attore e produttore di un film indipendente a basso costo.

“Quando mi hanno portato la sceneggiatura e mi hanno detto che era nella Black List, ossia una tra le migliori sceneggiature che non sono state prodotte, mi sono incuriosito”, dice Schwarzenegger.
Siete abituati a vedermi nei panni del ‘superuomo’, dell’eroe di film d’azione che sembra non poter essere scalfito dai proiettili.
In Contagious, invece, sono l’uomo della porta accanto, un contadino coraggioso che affronta problemi basilari, come proteggere la sua famiglia e assaporare gli ultimi istanti che gli restano con sua figlia”.


Per il regista Hobson, l’esplorazione di uno dei generi cinematografici più popolari, attraverso la famiglia creata da Scott, offriva una storia semplice ma ricca a livello emozionale, che si adattava bene al suo particolare stile visivo; era una grande opportunità per passare alla regia di un lungometraggio.


“Nella marea di progetti sugli zombie – anzi, forse dovrei dire nell’orda – Contagius spiccava. Invece di fare eco alla grande crisi globale come gli altri progetti, questo film è concepito su una scala ridotta: un tipo di relazione riconoscibile, un padre e una figlia in una città senza nome. Questo permette agli spettatori di identificarsi con quella situazione e chiedersi: Cosa farei se succedesse a me? Fa luce su quello che significa essere umano”, dice Hobson.

“L’uso di una malattia letale, ancora più grave del cancro, dà una torsione alla storia, il cui sviluppo è segnato dalla frattura di una famiglia. Quando tutti quelli che ti circondano sono intaccati da una cosa del genere, diventa difficile offrire un livello umano di empatia e di compassione.
Mi interessava mostrare cosa potesse comportare tutto questo per una famiglia e per una comunità. Come si può aiutare il proprio vicino se si è terrorizzati da quello che sta nascondendo? Mi è piaciuta molto l’ambientazione in una piccola cittadina: è una dimensione locale ristretta, in cui la paura dell’alienazione è più realistica e inquietante. La sceneggiatura dà un’immagine più simile a I giorni del cielo che a 28 giorni dopo”.


“Il nucleo del film è un padre che protegge sua figlia”, dice Schwarzenegger. “Abbiamo già visto orde di zombie e mitragliatrici in altri film, sembra un futuro inimmaginabile. In Contagius invece è una malattia che diventa reale perché il mondo del film si restringe e si concentra su una famiglia, in una fattoria devastata nel mezzo del nulla. Quando ho letto la storia, ho sentito che dovevo interpretare questo personaggio. È più vulnerabile di qualsiasi altro ruolo che io abbia mai fatto, è più autentico, più toccante”.

Per Schwarzenegger, quella di Wade è una scelta inimmaginabile che lacera nel profondo: Maggie non è solo la sua prima figlia, è anche l’unica figlia che ha avuto, tardi, con la sua prima moglie. Mentre Maggie peggiora e Wade rimane fermo al suo fianco, capisce che l’unico modo in cui può davvero proteggere la sua preziosa figlia è mettere fine alla sua sofferenza – ma come può uccidere la sua stessa figlia?

“Dopo che mia figlia Maggie, interpretata da Abigail, viene morsa, prende coscientemente la decisione di scappare per proteggerci. Io, come padre, prendo una decisione, più che istintiva, per trovarla e metterla in salvo. Ogni padre sa che l’istinto di proteggere un figlio è reale, e questo crea un’identificazione. Ti chiedi ‘Cosa farei io?’ e non c’è una risposta facile – le lacrime che vedete sono vere”.

“Mi rattrista il pensiero che il mondo diventi insensibile a queste tragedie, e così ho voluto raccontare la storia individuale di una famiglia per mostrare che negli eventi globali in grande scala, sono le storie personali che li rendono identificabili, reali e umani”, dice Hobson. “Le scelte in questo film non sono solo sulla vita e la morte, ma sulla domanda: Cosa farei io? Cercherei di trovare la cura. E se questa cura fosse senza speranza, dovrei tenerla in vita o ucciderla? Sotto la minaccia di quello che accade quando qualcuno diventa letale, le scelte sono ancora più difficili”.

“È il film sugli zombie più umano che si sia visto”, dice Schwarzenegger, “ed è il ruolo più umano che mi abbiate mai visto interpretare, ne sono fiero. Penso che abbiamo realizzato un film toccante e ricco di suspense che sorprenderà il pubblico”.

È proprio quello che ha colpito Abigail Breslin, attrice nominata all’Oscar, che interpreta il ruolo di Maggie: per lei questo virus è una forma indiscriminata di contagio che trasforma la vita quotidiana di un individuo in un incubo a occhi aperti. Breslin racconta che era interessata alla possibilità di interpretare l’adolescente infetta perché ha visto come la malattia possa portare a una terribile solitudine.

“Ero davvero in sintonia con la storia perché avevo amici molto malati”, racconta la popolare attrice diciannovenne, che ha fatto il debutto sul grande schermo nel 2002, all’età di cinque anni, in Signs di M. Night Shyamalan. “Non vedevo CONTAGIOUS come un film di zombie, ma piuttosto come un film sulla malattia e l’isolamento che ne deriva. Ho pensato che fosse qualcosa in cui potevo davvero entrare e prendere il mio tempo per il personaggio. Il nostro film è un’umanizzazione degli zombie. Maggie non è un mostro. Quando il virus prende il sopravvento, entra ed esce da comportamenti animaleschi. Le scene con i suoi amici sono momenti di sollievo dall’isolamento e dalla tristezza, dal fatto che sta morendo. Sono scorci su quello che la sua vita dovrebbe essere. Poi diventa tutto più pesante di prima, perché cambia tutto”.

In Contagius, la trasformazione da umano a morto vivente – istantanea in molti film horror – si svolge nell’arco di settimane. Trattando il contagio dei morti viventi come un virus in rapida progressione, Scott ambienta il fenomeno degli zombie nel mondo terrificante e fin troppo noto delle pandemie. Mentre Maggie peggiora, potrebbe essere una qualsiasi ragazza adolescente che lotta per rimanere in vita e che deve affrontare insieme alla sua famiglia la sua inevitabile morte.

“In molti film abbiamo visto donne e uomini più anziani attraversare le vicissitudini e le tribolazioni di una malattia devastante, durante la quale i loro corpi si deteriorano nel corso del tempo”, dice Kaufman. “Il fatto che questo succeda a un’adolescente è qualcosa di diverso che non si vede spesso”.

In Contagius, il fatto di diventare un morto vivente è vissuto come un problema di salute e di sicurezza pubblica, a differenza dei film pieni di sangue e di mostri, e questo è un altro aspetto della storia che ha colpito Breslin.

“Spero che il film faccia riflettere su quanto le persone che stanno morendo per una malattia abbiano bisogno di avere vicino la gente”, aggiunge Breslin. “Evitare i malati o le persone che stanno morendo o trattarle come ‘infetti’, li lascia soli proprio nel momento in cui hanno più bisogno delle persone”.

Clip: "Non ancora"

Clip: "Gli effetti del virus"

Clip: "Deve andare in quarantena"

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere