Si muore solo da vivi
Scritto da Ciro Andreotti   
lunedì 26 ottobre 2020

Si muore solo da vivi (Si muore solo da vivi) Italia 2020 Regia di: Alberto Rizzi Genere: Commedia Durata: 94' Cast: Alessandro Roja, Francesco Pannofino, Neri Marcorè, Amanda Lear, Ugo Pagliai, Andrea Gherpelli, Paolo Cioni, Alessandra Mastronardi. 
Nelle sale dal: 
18/06/2020
Recensione di: Ciro Andreotti Voto: 6,5
L'aggettivo ideale: Musicale...

I Cuore Aperto sono stati una funky band emiliana scioltasi per decisione del loro front man Orlando. Dopo vari anni Orlando si ritrova in un baratro fatto di ricordi del passato inclusi quelli riguardanti Chiara, la sua ex fidanzata. Sarà l’arrivo del terremoto dell’Emilia con la morte del fratello e il doversi occupare della nipote undicenne, Angelica, che lo spingeranno a riformare la band e a cercare di superare i suoi problemi.

locandina_si muore.jpg

Dopo I più grandi di tutti, pellicola del 2011 firmata da Carlo Virzì, Alessandro Roja, ancora una volta spiantato e talentuoso, si trova a occupare un palco tornando nuovamente dietro il microfono di una band, questa volta funky, desiderosa di riformarsi per cercare nuove fortune. In entrambi i casi è la forza della disperazione a portare gli ex sodali a rincontrarsi cercando di ricreare le medesime atmosfere di molti anni pima.

Intreccio e commedia in bilico fra i personaggi delle pellicole di Luciano Ligabue, tutti incredibilmente emiliani, e I Blues Brothers, con una band ricreatasi da poco ma senza che si siano incontrate le medesime incredibili difficoltà di Elwood e Jake. La band vede l’intreccio di musica e musicisti di primo piano, cinematografico, con componenti che vanno da Francesco Pannofino a Neri Marcorè, sino a Paolo Cioni, caratterista noto al pubblico tv grazie al serial I Delitti del Bar Lume. Commedia d’esordio leggera, godibile e consolatoria, oltre che dotata di un'eccellente colonna sonora, del regista Alberto Rizzi, che fa ben sperare per il prosieguo della sua carriera.