La promessa dell'assassino - Eastern Promises
Scritto da Brunella Vecchi   
mercoledì 12 dicembre 2007

La promessa dell'assassino - Eastern Promises
Titolo originale: Eastern Promises
USA, Canada, Regno Unito: 2007. Regia di: David Cronenberg Genere: Thriller Durata: 100'
Interpreti: Naomi Watts, Viggo Mortensen, Vincent Cassel, Armin Mueller-Stahl, Sinead Cusack, Jerzy Skolimowski
Sito web: www.focusfeatures.com/easternpromises
Nelle sale dal: 14/12/2007
Voto: 8
Recensione di: Brunella Vecchi
Torino Film Festival

lapromessadellassassino_leggero.jpgIl film, cupo e inquietante, ambientato a Londra, racconta la storia di Anna, una ostetrica,che fa partorire una giovanissima ragazza russa , la quale muore dando alla luce un bimbo. Per scoprire le origini del piccolo orfano e per poterlo dare in affidamento, la donna inizia ad indagare, partendo da un diario segreto della giovane morta, scritto in lingua russa. Anna arriva così in universo violento, costituito da una fitta rete di prostituzione e regolamento di conti, governato dalla mafia.
La pellicola ruota principalmente intorno alla figura di Kirill (Vincent Cassel) , sociopatico, affascinante, buffonesco figlio del boss, costretto ad accettare la legge della mala, pur avendo come ideali : il rispetto, l’onore , l’amicizia e Anna (Naomi Watts) , donna impulsiva ed idealista.
Tra loro si staglia la figura di Nikolai Luzhin ( Viggo Mortensen), controllato, glaciale, meticoloso autista e amico di Kirill.
Il suo personaggio è nettamente contrastante con quello del figlio del boss, ma forma con questi una strana coppia, forse un tentativo di legame ideale e un anello di congiunzione tra la vita di Anna e di Kirill. I protagonisti, in definitiva , lasciano trasparire una certa inquietudine esistenziale, fa da nucleo la questione morale e, più precisamente , si “sviscera” il comportamento di un uomo appartenente al mondo malavitoso, che si scontra con quello “normale”.
La fotografia, che gioca sapientemente con i toni del rosso e del nero, conferisce alla pellicola una strana incombente atmosfera. Più che valida l’interpretazione degli attori di questo film, trionfatore al Festival di Toronto nel settembre scorso, thriller scritto dal britannico Steve Knight.
Da notare che l’attore Viggo Mortensen è tornato ad essere diretto dal regista David Cronenberg, duo che si è ricomposto dopo il film”A history of violence”, storia terribile cruda e quotidiana.