Becoming Jane - Il ritratto di una donna contro
Scritto da Samuele Luciano   
giovedì 17 gennaio 2008

Becoming Jane - Il ritratto di una donna contro
Titolo originale: Becoming Jane
Regno Unito: 2007. Regia di: Julian Jarrold Genere: Drammatico Durata: 120'
Interpreti: Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, James Cromwell, Maggie Smith, Joe Anderson, Jessica Ashworth, Lucy Cohu, Laurence Fox, Ian Richardson
Sito web: www.bvimovies.com/uk/becoming_jane
Nelle sale dal: 12/10/2007
Voto: 6,5
Recensione di: Samuele Luciano

becomingjane_leggero.jpegSignori si nasce e io non lo nacqui! Così direbbe un Totò meno ironico e più realista, magari sotto le spoglie di una donna, nata nel XVIII secolo, nelle campagne inglesi, amante della scrittura e ahilei, senza il becco di un quattrino.
Terreno difficile quello intorno alla società blasonata londinese, nel periodo pre-vittoriano, in cui regna il principio di difendere i diritti dei proprietari dalle mani rampicanti della plebe: non ha importanza essere talentuosi o bellissimi, conta solo di chi sei figlio, qual è il tuo ceppo.
Eppure Jane non si arrende di fronte a questo stato, semplicemente perché vuole scrivere, non le interessa altro che cercare il giusto aggettivo mentre passeggia nei boschi dell’Hampshire e produce storie, come alberi che trasudano resina.
Sembra la solita storia romanzata, ma si ispira in pieno alla vera storia di Jane Austen, scrittrice nota per il capolavoro “Orgoglio e pregiudizio”, la quale si affermò nel panorama letterario dell’epoca dopo anni di tenacia, pur essendo di origini umili e senza ricorrere a matrimoni di convenienza.
Tornano di moda, ultimamente, i black-movie (film in costume) e in particolare improntati a storie di autrici di best seller (es. Miss Potter, Angel, Espiazione, ecc.).
Mossa arguta quella di raccontare il DREAM e l’impervia ascesa di un personaggio (tema sempre attuale, vedi “Alla ricerca della felicità”) piuttosto che rifare “Senso” o “Via col vento”, per riportare in auge un genere altrimenti destinato a scomparire.
Se poi aggiungi al plot, come succede in Becoming Jane, anche un amore adolescenziale che, senza scrivere sui muri o volare tre metri sopra il cielo, riesce ad emozionare sinceramente i teen ager post-moderni, il botteghino è assicurato.
Il regista Julian Jarrold infatti non mette a fuoco tanto le ambientazioni o i vestiti d’epoca, ma soprattutto i primi piani “sfavillanti” dei due innamorati, i quali al termine di una serie di esilaranti battibecchi riescono a far sobbalzare il cuore con una semplice, catartica, dichiarazione d’amore.
Insomma film godibile, senza pretese.
Dal punto di vista tecnico: regia, montaggio e fotografia si limitano a supportare l’ottima prova dei due protagonisti.
Incantevole Anne Hathaway, nei panni di Jane, il cui volto grazioso e marmoreo basta da solo a dare eleganza e intensità al contesto storico.
James McAvoy (già incisivo ne “L’ultimo Re di Scozia”) è una nuova promessa del cinema drammatico mondiale.