Sex List - Omicidio a tre
Scritto da Francesco Balzano   
sabato 06 settembre 2008

Sex List - Omicidio a tre
Titolo originale: Deception
USA: 2008 Regia di: Marcel Langenegger Genere: Thriller Durata: 108'
Interpreti: Ewan McGregor, Hugh Jackman, Michelle Williams, Maggie Q, Danny Burstein, Aya Cash, Wayne Chang, Robert "Toshi" Kar Yun Chan, Daisy Bates
Sito web: www.deception-movie.com
Nelle sale dal: 29/08/2008
Voto: 4
Trailer
Recensione di: Francesco Balzano

sexlist_leggero.jpegJohnatan McQuarry è un contabile sfigato e annoiato della vita che, durante un controllo sui conti di un'azienda, conosce un brillante avvocato che lo introdurrà in un sex club di donne in carriera in cerca di sesso facile. Johnatan sembra aver scoperto la chiave di volta della sua vita, finchè non si innamora.
Marcel Langenegger fa il suo esordio dietro la macchina da presa con questo thriller sgangherato e davvero poco originale. La sceneggiatura è praticamente assente e la prima mezz'ora di film si regge sulle cosce nude delle affascinanti quarantenni che sfilano davanti agli occhi dell'inebetito protagonista. Poi, appena il nostro eroe rinsavisce e torna a fare il bravo ragazzo, la noia torna sovrana. I colpi di scena sono totalmente assenti, il film scorre piatto come una tavola, e tutto sembra una brutta (e ce ne voleva) scopiazzatura di un film, altrettanto brutto, come "Sex Crimes". Ewan McGregor ha sbagliato parte e, ultimamente, gli capita abbastanza spesso (unica eccezione "Sogni e delitti" ), e lo attendiamo con ansia accanto a Jim Carrey in "I love you Philip Morris". Stessa sorte è capitata a Hugh Jackman che dopo essere stato Wolverine e poi un mago in "The Prestige", si perde negli scomodi panni di un avvocato anti-conformista e pappone. Michelle Williams, nel ruolo di prostituta d'alto bordo, ci fa rimpiangere i tempi di Dawson's Creek, con una prova che, per una questione di educazione, mi limiterò a definire sotto le righe.
Per quanto riguarda il regista più che un giudizio, gli ci vorrebbe un consiglio: sei ancora in tempo per lasciar perdere. Film inutile.