Frost/Nixon - Il Duello
Scritto da Francesca Caruso   
mercoledì 04 febbraio 2009

Frost/Nixon - Il Duello
Titolo originale: Frost/Nixon
USA: 2008. Regia di: Ron Howard  Genere: Drammatico Durata: 122'
Interpreti: Sam Rockwell, Kevin Bacon, Michael Sheen, Rebecca Hall, Frank Langella, Oliver Platt, Patty McCormack, Matthew MacFadyen, Toby Jones, Holly Weber
Sito web: www.frostnixon.net
Nelle sale dal: 06/02/2009
Voto: 8
Trailer
Clip 1
Clip 2
Recensione di: Francesca Caruso

frostnixon_leggero.jpegNell’estate del 1977, le interviste televisive di David Frost a Richard Nixon riscossero il più grande consenso della Tv americana per un programma di informazione.
Tutti erano curiosi di ascoltare la sua ammissione di colpa per l’abuso di potere esercitato, che lo aveva portato a dimettersi.
La storia trasportata sul grande schermo è tratta dallo spettacolo teatrale realizzato dallo sceneggiatore Peter Morgan, che aveva rinvenuto queste interviste, e chiesto la collaborazione di Sir David Frost, che ha fornito una consulenza storica.
Il film mette sotto i riflettori anche le precedenti settimane di lavoro spese ad organizzare e a manovrare le figure dei due uomini e delle loro opposte fazioni.
David Frost è un giornalista inglese brioso e ambizioso, vuole fare il colpaccio realizzando delle interviste all’ex presidente Nixon, il quale accetta di essere intervistato sottovalutando l’avversario e pensando di avere la meglio su qualsiasi domanda potesse essere rivolta da quel giornalista “leggero”.

Entrambi si preparano al meglio, scoprendo i loro punti di forza e le loro debolezze.
Gli interpreti dei due protagonisti sono gli stessi dello spettacolo teatrale, Frank Langella (Nixon) e Michael Sheen (Frost), che non solo conoscevano già i loro rispettivi ruoli, ma si era creata la giusta alchimia che li rendeva grandi insieme.
Langella ha voluto infondere al suo personaggio uno sguardo più intimo, di un uomo fallibile, ossessionato dai suoi demoni interni, un uomo dalle mille sfaccettature, arguto, sicuro, ironico, l’attore è riuscito a incarnare tutte quelle peculiarità proprie di Nixon, senza trascurare la profonda malinconia e sensibilità che emerge nei suoi momenti più naturali.
Si scorge così un uomo a volte ironico e poi pervaso da un profondo rammarico, fino a giungere al sentimento di sconfitta, lo si vede dai i suoi occhi, dal leggero sogghigno, dalle sue uscite verbali. Sheen si è misurato con un uomo che a volte trasuda insicurezza e mancanza di polso, in altri momenti mette in mostra il suo ego, eccedendo nell’autostima, riuscendo a passare con disinvoltura da uno stato d’animo all’altro.
Entrambi gli attori incarnano alla perfezione i rispettivi personaggi, tanto da trovarsi di fronte non due interpreti, ma due uomini che per motivazioni diverse custodiscono tribolazioni interiori con le quali combattono, mettendo a nudo la loro anima.
I ruoli di contorno sono altrettanto importanti, caratterizzati al meglio da attori del calibro di Kevin Bacon (il tenente colonnello Jack Brennan), Oliver Platt (il giornalista Bob Zelnick) e Sam Rockwell (lo scrittore James Reston Jr.), i loro personaggi contribuiscono a stemperare la tensione con il sarcasmo, oltre a essere il sostegno morale e pratico di Frost e Nixon.

Per ciò che riguarda l’ambientazione, alcune location sono quelle reali, un esempio sono le riprese effettuate nella stanza 817 al Beverly Hilton Hotel, l’albergo scelto da Frost durante le sue visite a Los Angeles.
Un’altra parte importante è rivestita dal mezzo televisivo, presente fin da subito, tutte le informazioni sono veicolate dalla Tv.
Il regista Ron Howard mette in scena due uomini che ripongono tutto il loro futuro nel mezzo televisivo, la speranza di un riscatto, accompagnata dalla paura dell’insuccesso e della relativa impopolarità, scivolando nell’oblio.
Ron Howard è riuscito a enfatizzare un duello fatto di parole e di idee, rendendolo accattivante, teso ma allo stesso tempo intimo, catturando l’attenzione dello spettatore partecipe tanto quanto le opposte fazioni che non a caso vengono inquadrati nel momento in cui assistono alle interviste dal monitor nella stanza attigua.
Un film dai temi adulti con dei risvolti divertenti.