Posti in piedi in paradiso
Scritto da Ciro Andreotti   
lunedì 05 marzo 2012

Posti in piedi in paradiso
Titolo originale: Posti in piedi in paradiso
Italia: 2012. Regia di: Carlo Verdone Genere: Commedia Durata: 119'
Interpreti: Carlo Verdone, Pierfrancesco Favino, Marco Giallini, Micaela Ramazzotti, Diane Fleri, Nicoletta Romanoff, Nadir Caselli, Valentina D'Agostino, Maria Luisa De Crescenzo, Giulia Greco, Gabriella Germani, Roberta Mengozzi
Sito web ufficiale: www.postinpiediinparadiso.it
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 02/03/2012
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Solido
Scarica il Pressbook del film
Posti in piedi in paradiso su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

postiinpiediinparadiso_leggero.pngFulvio, un ex critico cinematografico relegato al ruolo di giornalista di gossip.
Domenico, agente immobiliare che arrotonda i propri introiti facendo l’accompagnatore; e Ulisse, ex produttore discografico proprietario di un negozio di vinili; sono tre genitori divorziati cui la crisi li obbliga a dover dividere una casa alla periferia di Roma.
Una sera Domenico dopo aver assunto del viagra viene colpito da un attacco cardiaco. Fulvio e Ulisse si trovano così costretti a chiamare una cardiologa di fiducia.

La crisi della famiglia e dell’economia capitalista narrata in salsa come sempre acre da un Verdone che abbandona definitivamente la facile risata per prediligere, come egli stesso ha affermato, un salto di qualità nella narrazione e nel messaggio finale di questa pellicola.

A fargli da spalla una solida sceneggiatura scritta a sei mani con i fidi Albertazzi e Plastino e due attori fra i migliori volti del cinema di casa nostra; il Pierfrancesco Favino che di recente abbiamo rivisto al cinema nel ruolo del violento celerino di “ACAB”, di Stefano Sollima, ma che ormai può spaziare indifferentemente dalla commedia al genere drammatico; e Marco Giallini che con questa ennesima prova è forse riuscito a far virare definitivamente la propria carriera verso una direzione che ricorda quella del Gassman del “Sorpasso”, ovvero tanto bravo a passare da ruoli drammatici a cialtroneschi con inaspettata rapidità.

A completare questa ventitreesima fatica del regista romano un cast di supporto capeggiato da Micaela Ramazzotti, che in questo frangente non riesce a sfiorare i vertici interpretativi di “La prima cosa bella” (2010); alla quale s’aggiunge Nicoletta Romanoff nel piccolo e contenuto ruolo della moglie di Fulvio (Favino).
Da vedere se siete innamorati di Verdone e se desiderate comunque ricevere una ventata di speranza come solo nella penultima fatica del regista (Io, Loro e Lara) si era potuta intravedere.