L’ex avvocato
Scritto da Francesca Caruso   
mercoledì 13 marzo 2013

L’ex avvocato

Il nuovo legal thriller firmato John Grisham sarà presto un film

lex_avvocato_leggerp.pngÈ uscito in Italia lo scorso gennaio l’ultimo romanzo di John Grisham. “L’ex avvocato” è stato distribuito nelle librerie americane nell’ottobre del 2012, con una tiratura iniziale di un milione e mezzo di copie, dimostrandosi fin da subito l’ennesima conferma.
In poche settimane ha scalato le classifiche dei libri più venduti del 2012, posizionandosi al primo posto, per diverse settimane, in quella del New York Times e di USA Today.

Vi si racconta la storia di Malcolm Bannister, un ex avvocato finito in prigione per essere stato fregato dal sistema giudiziario. Sono già trascorsi cinque anni ma, quando un giudice federale viene ucciso, Malcolm ha un’occasione irripetibile per evitare di scontare l’intera pena: sa chi è l’assassino e conosce il movente del delitto.
Per quanto lo si possa annoverare tra i legal thriller “L’ex avvocato” ha in sé delle profonde venature da giallo investigativo. Dopo la parentesi “Calico Joe”, Grisham torna al suo genere prediletto e lo fa in maniera superba, tanto da interessare nuovamente Hollywood, che vuole farne subito un film (del resto è uno degli autori più ‘saccheggiati’ dall’industria cinematografica e, recentemente, televisiva)

Il 12 febbraio 2013 l’Hollywood Reporter dà la notizia in esclusiva che la Fox 2000 e la New Regency intendono realizzare un adattamento cinematografico del romanzo.
A dirigerlo è stato chiamato Daniel Espinosa, notato per il buon lavoro fatto con “Safe House – Nessuno è al sicuro”. Che John Grisham sia un eccellente narratore lo si è capito già da tempo, le vendite dei suoi romanzi, che diventano sistematicamente dei best-seller, parlano da sole. Finora sono state stimate 275 milioni di copie vendute in tutto il mondo. La lettura de “L’ex avvocato” è godibilissima.
Perfetta in ogni sua parte, quella tratteggia da Grisham è una storia a incastri. È un intreccio che lentamente si svela e lascia sorpresi e soddisfatti. Nella parte introduttiva vengono espressi alcuni sentimenti e sensazioni che si provano stando in carcere per un lungo periodo. Molti di questi individui non hanno alcun desiderio di uscire, perché si sentono alienati dal mondo esterno, che non fa più per loro. Quando i giorni diventano mesi e poi anni si nota come gradualmente si viene dimenticati, allontanati dal mondo e dalle persone care, che proseguono le rispettive vite.

Dopo si viene catapultati in un gioco al gatto col topo, non lasciando un attimo di respiro al lettore tanto quanto al protagonista, che dà il via a una girandola di eventi da far scorrere l’adrenalina. Non c’è una pagina di troppo, una descrizione in più, tutto è al servizio della storia. La tensione e la curiosità aumentano di capitolo in capitolo, non si riesce a smettere di leggere e, come per un film, si rimane incollati alla poltrona.
Se in qualche suo romanzo precedente ci si è potuti imbattere in situazioni in cui lo scrittore si è dilungato più del necessario – facendo perdere la concentrazione dalla storia principale – ciò non accade in “L’ex avvocato”.
La narrazione è fluida e ben orchestrata, ogni mossa del protagonista e dei comprimari è studiata al millesimo. Il colpo di scena non manca. Nello scorrere delle pagine c’è un dettaglio – una frase – che dà un indizio di ciò che verrà rivelato in seguito, ma può essere ingannevole in quanto la si può spiegare diversamente.
Il linguaggio utilizzato da Grisham è di per sé filmico: il lettore mette in scena un film attraverso le parole che prendono forma, trasformandosi in immagini vivide, come ogni buon libro dovrebbe fare.

L’ex avvocato
Titolo originale: The Racketeer
Autore: John Grisham
Traduzione: Nicoletta Lamberti
Casa Editrice: Mondadori, 2013
Pagine: 367
Prezzo: € 20

Francesca Caruso