Buongiorno papā
Scritto da Ciro Andreotti   
domenica 06 luglio 2014

Titolo: Buongiorno papā
Titolo originale: Buongiorno papā
Italia.: 2013. Regia di: Edoardo Leo Genere: Commedia Durata: 109'
Interpreti: Raoul Bova, Marco Giallini, Edoardo Leo, Nicole Grimaudo, Rosabell Laurenti Sellers, Paola Tiziana Cruciani, Mattia Sbragia, Ninni Bruschetta
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 14/03/2013
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Serrato
Scarica il Pressbook del film
Buongiorno papā su Facebook

buongiorno_pap_leggero.pngAndrea Manfredini lavora nel settore pubblicitario, vive con un amico storico, Paolo, e sopratutto passa di avventura in avventura; questo sino a che alla sua porta non bussa Layla, accompagnata da suo nonno, Enzo.
La ragazza afferma di essere la figlia avuta da Andrea diciassette anni prima, al termine della solita avventura durata una sola notte. Solo dopo la scomparsa della madre, Layla ha deciso di cercare suo padre per poterlo conoscere.

Edoardo Leo imbastisce una seconda opera che riesce a bissare la prima buona pellicola rappresentata da “Diciott’anni Dopo”, storia su una riconciliazione fra famigliari all’insegna del viaggio on the road.
Questa volta a far le spese del cesello dell’attore e regista di origine capitolina č un Raoul Bova che pare non fare troppa fatica a interpretare quasi se stesso, un uomo di successo attraente e con pochi grilli nella testa, improvvisamente catapultato in una catarsi costituita dall’arrivo improvviso di responsabilitā inaspettate e insospettabili.

Con una figlia adolescente ribelle, un nonno filosofo sulle ali dei Kiss e di Charles Bukowski e una docente di ginnastica che parrebbe quella donna perfetta per mettere a tacere le velleitā e sicurezze amatorie di Andrea Manredini la sua vita cambierā radicalmente.
Una pellicola che scorre veloce, per merito di un ritmo perennemente serrato, son un Giallini in splendida forma e lo stesso Edoardo Leo che regala al pubblico pillole di rara saggezza.
Un film da vedere se amate il lieto fine che puō giungere solo al termine di un batti e ribatti fatto di colpi di scena e battute al vetriolo.