La scelta
Scritto da Ciro Andreotti   
giovedì 09 aprile 2015

Titolo: La scelta
Titolo originale: La scelta
Italia 2015 Regia di: Michele Placido Genere: Drammatico Durata: 86'
Interpreti: Raoul Bova, Ambra Angiolini, Michele Placido, Valeria Solarino, Manrico Gammarota, Monica Contini, Gennaro Diana, Marcello Catalano, Mejdi El Euchi, Vito Signorile, Tina Tempesta, Vito Lopriore, Anna Castellaneta, Antonello Marini
Sito web ufficiale: www.lasceltailfilm.it
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 02/04/2015
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Intimista
Scarica il Pressbook del film
La scelta su Facebook

lascelta2015_leggero.pngBisceglie. Laura e Giorgio da anni cercano di avere un bambino, la loro tranquillità viene spezzata dalla violenza subita da Laura a opera di uno sconosciuto. Quando finalmente l’accaduto pare un pallido ricordo Laura rimane incinta.

Placido trova per l’ennesima volta il grimaldello di una narrazione intimista, capace di catturare dubbi e incertezze di una vita famigliare che viene messa improvvisamente a dura prova da un evento violento e drammatico; uno di quegli eventi inattesi esattamente come la gravidanza con la quale Laura dovrà convivere e con lei il marito Giorgio, nella completa incertezza di non sapere se il figlio che stanno attendendo sia frutto della violenza subita o del loro amore.

La vita dei due, già messa a dura prova dall’innesto di Pirandello, datato un secolo ma ancora tremendamente scomodo e attuale diventa anche il terreno minato entro cui si muovono mille situazioni capaci di demolire certezze granitiche sino a quel momento inattaccabili; gli interessi di genitori, parenti e amici diventano per Laura fonte di stress e per Giorgio causa di mille dubbi.

A dare il volto ai due protagonisti, ovvero una coppia ben affiatata, arrivano in soccorso al regista pugliese due volti belli e noti che rispondono a Raoul Bova e ad Ambra Angiolini, quest’ultima a una nuova prova di piena maturità artistica dopo ‘Saturno Contro’, una prova per la cronaca superata a pieni voti; affianco a loro la sorella di Laura, Francesca, interpretata da Valeria Solarino, dotata di buone parole di conforto ma di un cattivo esempio personale, con una famiglia sui generis costruita assieme a un amico e al marito.

Lo stesso regista si ritaglia il ruolo non facile di un maresciallo dell’arma, paterno e con figlio a carico che desidera osservare con occhio disincantato la vita di tutti i giorni, terribilmente difficile per essere vissuta. Un film non facile ma da vedere se volete, come per stessa ammissione di Placido, perdervi fra i vicoli tortuosi di Bisceglie.