Annie: La felicità è contagiosa
Scritto da Francesca Caruso   
mercoledì 01 luglio 2015

Titolo: Annie: La felicità è contagiosa
Titolo originale: Annie
USA 2014 Regia di: Will Gluck Genere: Commedia Durata: 118'
Interpreti: Jamie Foxx, Cameron Diaz, Quvenzhané Wallis, Rose Byrne, Bobby Cannavale, Adewale Akinnuoye-Agbaje, David Zayas, Brad Bong, Zoe Margaret Colletti, Eden Duncan-Smith
Sito web ufficiale: www.annie-movie.com/teaser
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 01/07/2015
Voto: 7
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Attualizzato
Scarica il Pressbook del film
Annie: La felicità è contagiosa su Facebook

annie_leggero.pngHollywood rispolvera una delle storie più amate di sempre. La storia dell’orfanella Annie - dotata di una carica positiva contagiosa, anche nei momenti più scoraggianti - ne ha fatta di strada. Il fumetto ‘Little Orphan Annie’ nasce da un’idea di Harold Gray nel 1924, pubblicato a strisce settimanali sul New York Daily News.
Nel 1977 ne viene tratto un musical che rimarrà in cartellone per sei anni, riscuotendo un enorme successo, come accade anche al lungometraggio diretto da John Huston nel 1982 con Aileen Quinn.

Dopo oltre trent’anni la Columbia Pictures ne realizza un remake che allieti le nuove generazioni di ragazzini e faccia venire nostalgia ai loro genitori (quei bambini che nel 1982 sono stati felici di conoscere Annie).

Abbandonata dai genitori, Annie viene data in affido a Miss Hannigan, interessata solo al compenso settimanale che le viene versato per occuparsi di lei e di altre quattro bambine. Un giorno Annie si scontra per le strade di New York col miliardario Will Stacks, in corsa per la poltrona di sindaco.
Guy, il consulente della sua campagna elettorale, gli suggerisce di prendere con sé Annie temporaneamente e scattare un’infinità di fotografie, accattivandosi così gli elettori. Annie riesce ad arrivare presto al cuore di Stacks, con la sua vivacità e fiducia nel domani. I genitori tanto cercati dalla ragazzina, però, si presentano all’improvviso e tutto cambia. Per interpretare il ruolo di Annie è stata scelta
Quvenzhané Wallis, che a soli nove anni ha avuto la prima candidatura agli Oscar come Miglior Attrice Protagonista per la sua interpretazione nel film “Re delle terre selvagge”. In “Annie” la giovane attrice fa un buon lavoro, creando una bella intesa con Jamie Fox, Cameron Diaz e il resto del cast. La pellicola mantiene inalterate le tematiche passate e ne aggiunge di nuove, attualizzandola.

Lo sceneggiatore e regista Will Gluck pone in primo piano la continua e perenne connessione mediatica tramite i cellulari.
Tutti sanno in tempo reale - minuto dopo minuto - dove si trova Annie e cosa stia facendo: fotografata o ripresa, le foto vengono inviate nella rete attraverso i social. Inoltre Gluck descrive due concezioni diverse di cosa sia la felicità: quella di Annie e quella di Will. Per Annie la felicità è la famiglia e trovare i suoi genitori le colmerà quel vuoto.
Per Will non c’è bisogno di avere una famiglia, si può essere felici amando il proprio lavoro e lui lavora tanto. Dopo aver imparato a conoscersi i due scopriranno che la felicità ce l’hanno avuta sempre sotto il naso.

Molto bella la sequenza in cui Annie prepara la pasta a Will. I due si parlano con sincerità e da intima la scena diventa divertente. Per quanto riguarda la colonna sonora, le canzoni hanno un nuovo arrangiamento e tra gli strumenti ne sono stati aggiunti di nuovi come le percussioni, i bassi, le chitarre e le tastiere.
Per l’occasione, poi, sono state scritte tre nuove canzoni: Who Am I?, Opportunity e The City’s Yours. Questo film farà breccia nel cuore dei più piccoli e piacerà a tutti i nostalgici e a chi ama quelle favole senza tempo che il cinema sa così bene raccontare.

Trailer