Mercoledì 13 Dicembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Comunque Umani PDF Stampa E-mail
Scritto da Nicola Picchi   
domenica 29 giugno 2008

Titolo: Comunque Umani
Autori: Guido Ferraro, Isabella Brugo
Edizione: Meltemi
Anno: 2008
Pag.: 239
Prezzo: 20,00

comunque umaniAppassionata esplorazione di alcune figure archetipiche dell’immaginario occidentale, “Comunque umani” si colloca apparentemente nella scia del pioneristico (per l’Italia) “La Grande Scimmia” di Abruzzese (1979), adottando però una differente metodologia d’indagine.
Gli autori Guido Ferraro e Isabella Brugo, entrambi semiologi, usano strumenti diversi da quelli della sociologia, che passano per l’antropologia strutturale di Lévi-Strauss e per la semiotica generativa di Algirdas J.Greimas. Non che questo debba scoraggiare il lettore occasionale che abbia poca familiarità con la semiotica del testo, dato che il linguaggio utilizzato dagli autori è sì tecnico, ma anche perfettamente comprensibile ai non addetti ai lavori.

L’indagine pur prendendo l’avvio dal patrimonio folclorico, privilegia il testo cinematografico, proprio perché viene considerato dagli autori una forma d’espressione “collettiva”, e quindi maggiormente significativa rispetto al testo letterario. Soggetto del libro, le varie modalità di rappresentazione del “mostro”, dell’estraneo, dell’altro da sé, all’interno della nostra cultura e del nostro immaginario. Partendo dalle fiabe di Melusina e de La Bella e la Bestia, di cui vengono esaminate anche le successive rivisitazioni (Cocteau, ma anche King Kong, versione di Peter Jackson compresa), si arriva al mito del vampiro, che occupa una parte consistente dell’opera.
Dato ormai per scontato che il Dracula di Stoker sia un vero e proprio incunabolo della modernità, gli autori ne anatomizzano le più significative incarnazioni cinematografiche, da Murnau a Coppola, passando per il metacinema dell’irregolare Elias Merhige e del suo “L’ombra del vampiro”.
Da Dracula alla Carmilla di Le Fanu il passo è breve, anche se quest’ultimo testo (forse in virtù della permutazione anagrammatica del nome della protagonista) si è sempre dimostrato eccezionalmente refrattario ad una trasposizione che non fosse fallimentare, se non per traslato, come il “Wampyr” di Dreyer.
Concludono il volume un capitolo dedicato alla quadrilogia di Alien ed un’attenta analisi di “The Village” e de “Il sesto senso” di M. Night Shyamalan, che ci porta a concludere, come i protagonisti di “The Others” di Amenàbar, che gli “altri” siamo noi.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere