Venerdì 22 Giugno 2018
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
the_midnight_man_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Il circolo Pickwick News
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Electric dreams PDF Stampa E-mail
Scritto da Chicco D'Aquino   
giovedì 08 marzo 2018

Electric dreams, USA, 2017

electric_dreams_libro.jpgPhilip Kindred Dick, mente geniale e sregolata, è stato uno tra gli autori di sf che più ha impresso un'impronta d'inquietudine, un che di irrisolto, travolto nella vita reale da eventi dei quali avrebbe fatto volentieri a meno. Instabile sentimentalmente(le donne dei suoi romanzi hanno spesso caratteri estremi, forti o lascivi a  seconda del contesto narrativo)  con problemi di adattamento al principio di realtà (ma quale realtà? risponderebbe il Nostro) e preda di assuefazioni conclamate alle droghe più in voga nell'America post macchartista e pre-post kennediana, Dick traspone letteralmente questo suo male di vivere nel mondo parallelo della sf.
In ambiti tipicamente orwelliani il moloch del potere, onnipervasivo, penetrante e quindi il controllo sociale stratificato e che non dà tregua, inserito in dinamiche relazionali polivalenti è il punto centrale di tutta la sua opera:non vi è racconto o romanzo che non abbia riferimenti espliciti al dispiegamento di apparati di potere, politici contro i quali spesso le minoranze oppongono una strenua resistenza spesso con esiti ambivalenti se non negativi.

Uno su tutti Radio libera Albemuth,memorabile romazo dove un noto politico americano, un dittatore di nome Ferris F. Fremont (ispirato a Richard Nixon)  viene qui disvelato in tutto il suo cinismo fascistoide, diagnosi non peregrina in tempi di bombardamenti selvaggi sul Vietnam.
Naturalmente, la duplicità, e spesso la spirale infinita dei mondi raccontati, distorsioni spazio-temporali,viaggi mentali si inserisce in visioni amaramente alternative dell'ordinarietà sociale.

Questo condensato proposto da Prime Video (e duole che la qualità indubbia di alcune produzioni sia legata  organicamente alle atroci condizioni di supersfruttamento cui sottostanno i lavoratori dei magazzini Amazon) propone la riattualizzazione, pur rispettando forma e contenuto nei limite del possibile, di 10 episodi tratti da alcuni tra i più celebri racconti brevi di Dick. Due su tutti: Autofac e Kill all others.
In Autofac un devastante conflitto atomico lascia dietro di sé morti e distruzioni e sparuti gruppi di sopravvissuti vivono in comunità rifornite di ogni bene da fabbriche automatizzate che  continuano a sfornare beni di consumo ad un ritmo impressionante. L'epilogo è da shock.
Kill all others invece esplora le finite possibilità cui conduce l'ansia di conformarsi ai diktat del circo politico-mediatico. In questo mondo allucinato e allucinante è scomparsa letteralmente la classe operaia, sostituita da un terziario pavido e allineato(quella tendenza all'omologazione che un sociologo tedesco, Claus Offe negli anni settanta chiamava apatica disponibilità all'obbedienza). E anche qui fabbriche con pochissimi addetti, in un universo stralunato dominato da anomia e manipolazioni d'ogni sorta, in primis la riproducibilità martellante di alcuni semplici slogan tra cui anche un messaggio-esortazione appunto kill all others(ma del quale non si accorge nessuno, se non come frase grammaticale).
Solo uno dei tre operai della fabbrica (che ne contava in anni floridi almeno tremila) se ne  accorge e denuncia. Avrà  vita difficile.
In conclusione, i temi dickiani sono anche nostri, ci appartengono, ne abbiamo a che fare tutti i giorni tra proclami demagogici e inni ad una libertà che spesso nella storia è stata appannaggio di pochissimi e per brevi istanti.
E Dick non è solo un eccellente scrittore di fantascienza...

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere